Ugo Gregoretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugo Gregoretti nel 1961

Ugo Gregoretti (Roma, 28 settembre 1930) è un regista, attore, giornalista, drammaturgo e intellettuale italiano.

Biografia artistica[modifica | modifica wikitesto]

Arguto e ironico osservatore di costume in televisione (da Controfagotto, 1960, a Il Circolo Pickwick[1], 1968, alle serie parodistiche Romanzo popolare italiano, 1975, e Uova fatali, 1977, all'omaggio a Zavattini scrittore, 1982, all'inchiesta Sottotraccia, 1991, dedicata all'Italia “minore” e seminascosta), ha diretto tra l'altro al cinema I nuovi angeli (1962), film-inchiesta sui giovani, l'apologo fantascientifico Omicron (1963), due documentari (Apollon, una fabbrica occupata, 1969; Contratto, 1971) e l'autobiografico Maggio musicale (1990). Ha anche condotto la trasmissione televisiva della RAI Lezioni di design, che presentava oggetti notevoli di design ed i relativi autori[2] e che fu insignita nel 2001 del Premio Compasso d'oro.

Nel 1980 debutta in teatro creando la Rassegna Benevento Città-Spettacolo, della quale rimarrà direttore artistico fino alla X edizione del 1989. Ha diretto dal 1985 al 1989 il Teatro Stabile di Torino. Si è misurato anche come regista lirico, mettendo in scena, tra le altre, nel 1976, una memorabile edizione de L'italiana in Algeri per la RAI. Nel 1998 ha messo in scena Purgatorio 98, una versione rivisitata del Purgatorio di Dante, contenente elementi di contaminazione come l'uso del dialetto napoletano.

Il 15 maggio 2009 gli è stato consegnato il Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi, conferito alla carriera, quale "giornalista, autore teatrale e televisivo, regista, attore, sempre uomo d'alto impegno intellettuale e civile"[3]. Nel 2010 ha ricevuto il Nastro d'argento alla carriera.

Nel 2006 ha pubblicato la sua autobiografia: Finale aperto, poi riedita nel 2014 con il titolo La storia sono io (con finale aperto)[4].

Nel 1970 aderì all'allora Partito Comunista Italiano[5], rimanendo comunque legato all'area politica della Sinistra italiana anche negli anni successivi allo scioglimento del PCI.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 26 maggio 2004[6]
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 21 novembre 1996[7]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Circolo Pickwick di Ugo Gregoretti. URL consultato il 3 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2012).
  2. ^ Lezioni di Design. URL consultato il 3 maggio 2015.
  3. ^ A Ugo Gregoretti il premio Ilaria Alpi 2009 alla carriera in Vita, 15 maggio 2009. URL consultato il 3 maggio 2015.
  4. ^ Ugo Gregoretti, la Storia sono io in Panorama, 13 settembre 2012. URL consultato il 25 luglio 2015.
  5. ^ Antonio Gnoli, Ugo Gregoretti. La Rai, le stroncature, i Caroselli. Il regista racconta la sua vita in La Repubblica, 10 febbraio 2013. URL consultato il 3 maggio 2015.
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  7. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90146881 · LCCN: (ENn88036416 · SBN: IT\ICCU\CFIV\057578 · ISNI: (EN0000 0001 1584 6218 · GND: (DE119436329