Cimitero Flaminio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cimitero Flaminio
Primaporta pianta 1040397.JPG
Pianta del cimitero
Tipocivile
Confessione religiosamista
Stato attualein uso
ProprietarioAMA
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
LuogoSS 3 Via Flaminia km 14+400
Costruzione
Data apertura1941
Area140 ha
ArchitettoElena Luzzatto
Tombe famosevedi elenco
Mappa di localizzazione
Coordinate: 42°00′51.48″N 12°29′40.2″E / 42.0143°N 12.4945°E42.0143; 12.4945

Il cimitero Flaminio, noto anche come cimitero di Prima Porta, è un cimitero comunale di Roma, situato in zona Prima Porta, gestito da AMA. Coi suoi 140 ettari di estensione è il più grande cimitero d'Italia.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il sito era occupato fin dal XIX secolo dal cimitero di Montebello. Il progetto moderno del cimitero Flaminio fu realizzato dall'architetto Elena Luzzatto[2] e il campo santo fu consacrato nel 1941.

Il 22 settembre 1978 è stato inaugurato il Monumento ai partigiani jugoslavi di Prima Porta, il quarto in Italia dopo i memoriali di Barletta, Gonars e Sansepolcro, realizzato da Ljubomir Denković e Sava Subotin.[3]

Il 1º novembre 1999 papa Giovanni Paolo II consacrò la Cappella polacca, realizzata dai polacchi residenti in Italia.

Nel 2005 è stato inaugurato il Giardino dei ricordi, un'area del cimitero dedicata alla dispersione delle ceneri e realizzata su progetto dell'architetto Roberto Vannelli.[4]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di san Michele arcangelo

Il cimitero si estende per 140 ettari ed è attraversato da 37 chilometri di strade.

Le sepolture sono costituite principalmente da tumulazioni, con la presenza di numerose palazzine e costruzioni varie. Sono presenti settori dedicati alle confessioni religiose cattolica, evangelica, ebraica ed islamica, numerosi campi comuni ed il principale impianto crematorio della città.

Nel cimitero si trovano anche: una chiesa cattolica dedicata a San Michele arcangelo, un Tempio israelitico, una Cappella polacca, una villa romana del I secolo a.C. e il Monumento ai partigiani jugoslavi di Prima Porta. Nei pressi dell'impianto crematorio è stato allestito il Giardino dei ricordi, una collinetta di tre ettari dedicata alla dispersione delle ceneri.

Persone famose sepolte nel cimitero[modifica | modifica wikitesto]

A[modifica | modifica wikitesto]

B[modifica | modifica wikitesto]

C[modifica | modifica wikitesto]

D[modifica | modifica wikitesto]

F[modifica | modifica wikitesto]

G[modifica | modifica wikitesto]

H[modifica | modifica wikitesto]

I[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Izzo (1929 - 2009), attore e doppiatore italiano.

J[modifica | modifica wikitesto]

K[modifica | modifica wikitesto]

L[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Lauro (1961 - 2020), giornalista, conduttore televisivo e telecronista sportivo italiano.
  • Virna Lisi (1936 - 2014), attrice italiana.
  • Giorgio Lopez (1947 - 2021), attore, doppiatore, regista teatrale, commediografo e direttore del doppiaggio.
  • Piero Lulli (1923 - 1991), attore.
  • Roldano Lupi (1909 - 1989), attore e doppiatore italiano.

M[modifica | modifica wikitesto]

N[modifica | modifica wikitesto]

O[modifica | modifica wikitesto]

P[modifica | modifica wikitesto]

Q[modifica | modifica wikitesto]

R[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Rabagliati (1906 - 1974), cantante, attore e conduttore radiofonico italiano.
  • Renato Rascel (1912 - 1991), attore, comico, cantautore, ballerino, presentatore e giornalista italiano.
  • Pino Rauti (1926 - 2012), politico e giornalista italiano.
  • Nora Ricci (1924 - 1976), attrice italiana.
  • Gennaro Righelli (1886 - 1949), regista, sceneggiatore e attore italiano.
  • Luciano Rossi (1934 - 2005), attore italiano.
  • Nini Rosso (1926 - 1994), trombettista e cantante italiano.
  • Stefano Rosso (1948 - 2008), cantautore e chitarrista.
  • Stefania Rotolo (1951 - 1981), cantante, conduttrice televisiva e ballerina italiana.
  • Nunzio Rotondo (1924 - 2009), trombettista e compositore italiano.

S[modifica | modifica wikitesto]

T[modifica | modifica wikitesto]

V[modifica | modifica wikitesto]

W[modifica | modifica wikitesto]

Z[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]

Fermata autobus Linee autobus cimiteriali C1, C2, C3, C3L, C4, C5, C6 e C7.

Ferrovia Roma-Viterbo.svg
 È raggiungibile dalla stazione Montebello.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cimitero Flaminio - Prima Porta, su cimitericapitolini.it, AMA. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  2. ^ (ES) Estela González de Sande (a cura di), Las revolucionarias: literatura e insumisión feminina, Siviglia, Arcibel, 2009, pp. 440-441, ISBN 978-8-49-698072-3.
  3. ^ Andrea Martocchia, I Partigiani Jugoslavi nella Resistenza Italiana, Odradek Edizioni, 2011, app. II - Sacrari ed altre sepolture. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  4. ^ Alessandra Paolini, Prima Porta, c'è il parco dei ricordi, in la Repubblica, 2 giugno 2005. URL consultato il 6 gennaio 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]