Manlio De Angelis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Manlio De Angelis (Roma, 9 gennaio 1935Olbia, 3 luglio 2017) è stato un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del doppiatore Gualtiero De Angelis, iniziò la sua carriera come attore all'inizio degli anni '60, e interpretò un generale russo nel film La donna, il sesso e il superuomo. È stato molto attivo come doppiatore e direttore del doppiaggio, famoso per aver doppiato Alan Arkin, Richard Dreyfuss e Joe Pesci in molti dei loro film. Ha anche doppiato lo sceriffo Martin Brody (interpretato da Roy Scheider) nei primi 2 film della serie di Lo squalo e anche David Starsky (interpretato da Paul Michael Glaser) in Starsky & Hutch. Tra i suoi ruoli nel mondo dell'animazione vi sono quelli di Fra Tuck in Robin Hood e Yosemite Sam in Chi ha incastrato Roger Rabbit.

Era il padre dei doppiatori Vittorio De Angelis e Eleonora De Angelis. Suo fratello Enrico De Angelis era un membro del Quartetto Cetra.

Nel luglio 2006, vinse il premio "Leggio d'oro alla carriera per la direzione del doppiaggio".[1] Morì a Porto Rotondo, nella provincia di Olbia il 3 luglio 2017 all'età di 82 anni. Fu sepolto presso il Cimitero Flaminio. Suo figlio Vittorio era morto per un infarto due anni prima.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

Direzione del doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad essere stato sin dagli anni sessanta un prolifico doppiatore, Manlio de Angelis fu molto attivo anche come direttore del doppiaggio.[2]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Palmarès 2006, su leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).
  2. ^ La pagina di Manlio de Angelis, su antoniogenna.net. URL consultato il 28 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]