Fernando Viola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ferdinando Viola
Juventus FC - 1974 - Silvio Longobucco e Fernando Viola.jpg
Viola (a destra) alla Juventus nel 1974, in allenamento al Campo Combi assieme a Silvio Longobucco.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1986
Carriera
Giovanili
19??-19?? Juventus
Squadre di club1
1971-1972 Juventus 4 (0)
1972-1973 Mantova 36 (2)
1973-1975 Juventus 17 (1)
1975-1976 Cagliari 28 (3)
1976-1977 Lazio 19 (2)
1977-1978 Bologna 18 (1)
1978-1982 Lazio 102 (10)
1982-1984 Genoa 41 (1)
1984-1985 Barletta 32 (3)
1985-1986 Subiaco ? (?)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ferdinando Viola – detto Fernando – (Torrazza Piemonte, 14 marzo 1951Roma, 5 febbraio 2001) è stato un calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Viola (sullo sfondo) alla Lazio, assieme al perugino Pierluigi Frosio, nella stagione 1981-1982.

Cresciuto calcisticamente nella Juventus, vi milita per tre stagioni senza esser mai titolare; in mezzo, una stagione in prestito al Mantova in Serie B, conclusa con la retrocessione dei virgiliani in Serie C. Successivamente passa per un anno al Cagliari, prima di accasarsi alla Lazio nelle cui file gioca per cinque stagioni (tre in massima serie e due in cadetteria) e dove resta fino al 1982, con la parentesi di una stagione al Bologna. Inizialmente coinvolto nel 1980 nello scandalo del Totonero, Viola non subisce squalifiche come giocatore e segue la Lazio retrocessa d'ufficio in serie cadetta, restando con le Aquile altre due annate.

Ritrova la massima serie nell'estate del 1982 trasferendosi al Genoa, dove rimane per due stagioni, la seconda delle quali conclusa con la retrocessionedella formazione ligure.

Termina quindi la carriera professionistica tra le file del Barletta, scendendo in Serie C1. Successivamente disputa la sua ultima annata calcistica, quella 1985-1986, con la squadra dilettantistica del Subiaco.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Muore a Roma a cinquanta anni, vittima di un incidente stradale nel quartiere dei Parioli mentre è alla guida del suo scooter.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Fernando Viola

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1971-1972, 1974-1975

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giorgio Lo Giudice, Tragico incidente: muore Viola. Era il «nobile» piemontese di una Lazio povera ma amata, in La Gazzetta dello Sport, 6 febbraio 2001, p. 7.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]