Gilberto Agustoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gilberto Agustoni
cardinale di Santa Romana Chiesa
Gilberto Agustoni.jpg
Il cardinale Agustoni nell'Aula Paolo VI il 6 maggio 2013
Coat of arms of Gilberto Agustoni.svg
Christus spes gloriæ
Incarichi ricoperti
Nato 26 luglio 1922, Sciaffusa
Ordinato presbitero 20 aprile 1946 dal vescovo Angelo Giuseppe Jelmini
Nominato arcivescovo 18 dicembre 1986 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Consacrato arcivescovo 6 gennaio 1987 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Creato cardinale 26 novembre 1994 da papa Giovanni Paolo II (poi santo)
Deceduto 13 gennaio 2017, Roma

Gilberto Agustoni (Sciaffusa, 26 luglio 1922Roma, 13 gennaio 2017[1]) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Sciaffusa il 26 luglio 1922, originario di Morbio Inferiore, fratello di Luigi Agustoni (sacerdote e gregorianista), frequentò le scuole dell'obbligo nella città natale, poi entrò nel seminario di Lugano. Finito il seminario si trasferì a Roma per studiare teologia prese il baccalaureato in filosofia, ma poi a causa della guerra venne richiamato da Angelo Jelmini vescovo di Lugano nel Canton Ticino per fargli proseguire gli studi all'Università di Friburgo, dove si laureò in teologia.

Fu ordinato sacerdote il 20 aprile 1946 nella cattedrale di Lugano da monsignor Angelo Jelmini che lo nominò vice-assistente generale dell'Azione Cattolica diocesana e assistente di don Alfredo Leber direttore spirituale dell'Associazione Esploratori Cattolici[2].

Il 1º luglio 1950 venne chiamato a Roma dal cardinale Alfredo Ottaviani che lo voleva nella congregazione del Sant'Uffizio, quindi lo fece iscrivere alla Pontificia Università Lateranense per laurearsi in diritto e completare la sua formazione sacerdotale. Venne poi nominato commissario nella congregazione per la Disciplina dei Sacramenti e dopo il Concilio Vaticano II consultore della congregazione per il Culto Divino.

Nel 1970 divenne prelato uditore del Tribunale della Rota Romana e vi rimase fino al 18 dicembre 1986, quando papa Giovanni Paolo II lo nominò segretario della Congregazione per il clero, elevandolo alla dignità arcivescovile con il titolo della sede di Caorle. Nel maggio del 1991 venne nominato membro del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica (rimanendo però segretario della congregazione per il clero), l'anno successivo, il 2 aprile 1992, divenne pro-prefetto e infine il 9 novembre 1994 prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, carica che lascerà il 5 ottobre 1998.

Nel concistoro del 26 novembre 1994 papa Giovanni Paolo II lo nominò cardinale diacono dei Santi Urbano e Lorenzo a Prima Porta (elevata a titolo presbiterale pro hac vice dal 24 febbraio 2005). Non partecipa al conclave del 2005 né a quello del 2013 per raggiunti limiti d'età.

È stato inoltre membro della Congregazione per i vescovi e di quella per l'educazione cattolica. Ha pure fatto parte del Pontificio consiglio per i testi legislativi e dell'Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica.

È morto a Roma il 13 gennaio 2017 all'età di 94 anni. Le esequie si sono tenute il 17 gennaio alle ore 10:00 all'Altare della Cattedra della Basilica di San Pietro: la liturgia esequiale è stata celebrata dal cardinale Angelo Sodano, decano del Collegio Cardinalizio mentre al termine della celebrazione papa Francesco ha presieduto il rito dell'ultima commendatio e della valedictio. La salma è stata poi tumulata nella cappella delle suore Figlie di Santa Maria di Leuca nel cimitero Flaminio.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Balì Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Balì Gran Croce di Giustizia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
— 1994[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto il cardinale Gilberto Agustoni, in laRegione Ticino, 14 gennaio 2017. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  2. ^ Vaccaro et alii, 2003, 340.
  3. ^ Rif. elenco sul sito dell'Ordine Costantiniano: http://www.constantinianorder.org/the-order/bali-cavalieri-di-gran-croce-di-giustizia-1.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Caorle
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Egidio Caporello 18 dicembre 1986 - 26 novembre 1994 Juliusz Janusz
Predecessore Segretario della Congregazione per il Clero Successore Emblem Holy See.svg
Maximino Romero de Lema 18 dicembre 1986 - 2 aprile 1992 Crescenzio Sepe
Predecessore Segretario della Commissione Cardinalizia per i Pontifici Santuari di Pompei, Loreto e Bari Successore Emblem Holy See.svg
Maximino Romero de Lema 18 dicembre 1986 - 2 aprile 1992 Crescenzio Sepe
Predecessore Pro-prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Successore Emblem Holy See.svg
Achille Silvestrini
(prefetto)
2 aprile 1992 - 26 novembre 1994 se stesso come prefetto
Predecessore Cardinale diacono e presbitero dei Santi Urbano e Lorenzo a Prima Porta Successore CardinalCoA PioM.svg
- 26 novembre 1994 - 13 gennaio 2017
Titolo presbiterale pro hac vice dal 24 febbraio 2005
vacante
Predecessore Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Successore Emblem Holy See.svg
se stesso come pro-prefetto 26 novembre 1994 - 5 ottobre 1998 Zenon Grocholewski
Predecessore Presidente della Corte di Cassazione dello Stato della Città del Vaticano Successore Vatican City CoA.svg
- 26 novembre 1994 - 5 ottobre 1998 Zenon Grocholewski
Controllo di autorità VIAF: (EN166994664 · GND: (DE1055959939