Massimo Turci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Turci (Roma, 20 giugno 1930) è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di due antiquari, incomincia l'attività di attore bambino per caso a undici anni, recitando nel film Fari nella nebbia (1942) e interpretando poi piccole parti in altre tre pellicole durante la guerra.[1] Al termine del conflitto incomincia a recitare prima davanti ai microfoni dell'EIAR in programmi destinati ai ragazzi, poi nella prosa, sia in teatro sia nei radiodrammi con la Compagnia di prosa della Rai, prevalentemente presso la sede di Radio Roma.

Successivamente entra nel mondo del doppiaggio cinematografico all'interno nella cooperativa CDC, dove diventa una delle principali voci giovanili. Doppiò attori come Anthony Perkins, Alain Delon, Ryan O'Neal a Russ Tamblyn. Come direttore di doppiaggio ha diretto tutti i film di Luigi Magni e quelli di Mario Monicelli a partire dal film Camera d'albergo (1981). Nel 1999 si ritira dall'attività artistica.

È stato sposato con la doppiatrice Serena Verdirosi, dalla quale ha avuto un figlio, Francesco.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Live action[modifica | modifica wikitesto]

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Prosa radiofonica Rai[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • XII Targa "Gualtiero De Angelis" al Festival Voci a Sanremo (2008)
  • Premio alla carriera al Gran premio internazionale del doppiaggio (2009)
  • Leggio d'oro alla carriera alla VI edizione del Leggio d'oro (2009)[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio Intervista a MASSIMO TURCI (2011), su YouTube, enciclopediadeldoppiaggio.it, 1º settembre 2011. URL consultato il 14 giugno 2017.
  2. ^ Il Palmarès 2009, su www.leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015 (archiviato dall'url originale l'8 febbraio 2015).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]