Borsalino (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Borsalino
Borsalino - Film 1970.jpg
Alain Delon in una scena del film
Titolo originaleBorsalino
Paese di produzioneFrancia, Italia
Anno1970
Durata125 min
Generepoliziesco
RegiaJacques Deray
SoggettoEugène Saccomano (romanzo)
SceneggiaturaJean-Claude Carrière, Jean Cau, Jacques Deray e Claude Sautet
ProduttoreAlain Delon
Casa di produzioneAdel Productions
Distribuzione in italianoParamount
FotografiaJean-Jacques Tarbès
MontaggioPaul Cayatte
MusicheClaude Bolling
ScenografiaFrançois de Lamothe
CostumiJacques Fonteray
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Borsalino è un film del 1970, diretto da Jacques Deray, tratto dal romanzo Bandits à Marseille di Eugène Saccomano[1] e ispirato alle figure di Paul Carbone e François Spirito, due membri di spicco della malavita marsigliese degli anni trenta.

Il film deve il suo titolo al nome della celebre azienda Borsalino, produttrice e fornitrice[2][3][4] dei cappelli indossati dagli attori, che ha concesso il marchio in licenza ufficiale alla produzione.[5][6][7][8]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marsiglia, 1930. Il gangster Roch Siffredi, scarcerato anticipatamente per buona condotta, scopre che la sua donna, Lola, convive ora con un altro malvivente, François Capella. Dopo l'iniziale reazione rabbiosa, che lo porta a scontrarsi con Capella, Siffredi sembra accettare la scelta di Lola e diventa anzi inseparabile amico e "socio d'affari" del suo nuovo compagno. I due uomini riescono così a diventare i gangster più potenti e temuti nell'ambiente della malavita marsigliese, occupandosi di svariate attività illegali (corse ippiche e incontri di boxe truccati, truffe al mercato ittico, controllo della prostituzione, gioco d'azzardo e altri racket). L'ascesa di Siffredi e Capella suscita la reazione degli altri clan, in particolare quelli capeggiati da Poli e Marello, che danno inizio ad una serie di sanguinosi scontri a fuoco, agguati e ritorsioni, da cui Roch e François si sapranno difendere abilmente. Eliminato anche l'ultimo dei loro rivali, i due sostengono l'elezione del nuovo sindaco di Marsiglia. Ma una sera, durante una lussuosa festa, François decide di andarsene da Marsiglia e lasciare campo libero a Roch in quanto, anche nell'ambiente della malavita, la sete di potere rischia di prevalere sulle amicizie e prima o poi si è destinati ad essere rimpiazzati. Appena uscito dalla villa, però, François viene ferito a morte da un ignoto sicario e spira tra le braccia di Roch, giunto accanto a lui per soccorrerlo.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stata proiettata fuori concorso il 1º agosto 1970 al Festival di Taormina[9], la pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane a partire dal mese di settembre del 1970.[10]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Alcune date di uscita internazionali nel corso del 1970 sono state[11]:

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Si è classificato al 7º posto posto tra i primi 100 film di maggior incasso della stagione cinematografica italiana 1970-1971.[13]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Roberto Chiesi, Alain Delon - Collana I Grandi attori del cinema, Gremese, 2002, p. 115, ISBN 9788884401885.
  2. ^ https://www.ilpost.it/2015/12/04/come-si-fa-un-borsalino/
  3. ^ https://www.esquire.com/it/stile/accessori-uomo/a13456171/borsalino
  4. ^ https://radiogold.it/cronaca/130413-alain-delon-sceglie-cappello-borsalino-simbolo-mio-cinema/
  5. ^ https://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2016/06/13/news/borsalino_rinascita_dopo_la_crisi_su_il_cappello_stiamo_tornando-141977688/?refresh_ce
  6. ^ Copia archiviata, su devildead.com. URL consultato il 4 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2018).
  7. ^ Fabrizio Mosca, Product concept ed heritage per i beni ad elevato valore simbolico, G Giappichelli Editore, 2015, p. 93, ISBN 9788892153615.
  8. ^ https://www.lastampa.it/alessandria/2017/12/19/news/borsalino-la-storia-di-una-fabbrica-e-della-sua-citta-1.34084494
  9. ^ Si è chiuso con i "David" il Festival di Taormina, in La Stampa, n. 158, 1970, p. 6.
  10. ^ Schermi e Ribalte - Cinema, in L'Unità, n. 252, 1970, p. 7.
  11. ^ (EN) Borsalino - Release dates, su blu-ray.com, www.blu-ray.com. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  12. ^ Cinema - Prime visioni a Roma, in L'Unità, n. 251, 1970, p. 7.
  13. ^ Stagione 1970-71: i 100 film di maggior incasso, su hitparadeitalia.it. URL consultato il 24 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema