Le piace Brahms?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Le piace Brahms?
Le piace Brahms?.png
Titolo originale Goodbye Again
Paese di produzione USA, Francia
Anno 1961
Durata 120 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico, commedia
Regia Anatole Litvak
Soggetto Françoise Sagan (romanzo)
Sceneggiatura Samuel A. Taylor
Fotografia Armand Thirard
Montaggio Bert Bates
Musiche Georges Auric
Scenografia Alexandre Trauner
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Le piace Brahms? è un film del 1961 diretto da Anatole Litvak, tratto dall'omonimo romanzo di Françoise Sagan.

Presentato in concorso al 14º Festival di Cannes, valse a Anthony Perkins il premio per la migliore interpretazione maschile.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Paula Tessier è un'arredatrice di 40 anni fidanzata con Roger Demarest. Il giorno del loro quinto anniversario i due si preparano ad uscire per festeggiare l'evento, ma lui disdice per un impegno di lavoro. La verità invece è che lui la tradisce in continuazione: eppure ogni volta lei lo perdona, amandolo alla follia.

Un giorno Paula conosce Philip, il figlio venticinquenne di una sua cliente, che si innamora di lei. Il ragazzo fa di tutto per conquistarla e per allontanarla dal fidanzato, nonostante i continui rifiuti della donna per la loro differenza d'età. Col tempo, stanca dei continui tradimenti di Roger, la donna cede a Philip.

Roger, geloso e indispettito dall'improvviso abbandono della sua fidanzata, fa di tutto per riconquistarla, fino a chiederle di sposarlo, il sogno che lei ha sempre tenuto nel cuore sin dall'inizio. Paula, di fronte alla proposta attesa tanto a lungo, accetta, lasciando Philip distrutto.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Per il Dizionario Mereghetti «una commedia sentimentale e prevedibile, fintamente libertaria, che si regge soprattutto sulla bravura dei comprimari».[2] Per il Dizionario Morandini si tratta di una «prolissa commedia sentimentale in cui un bieco patetismo hollywoodiano surroga quel che doveva essere la malinconia di fondo. Sull'orlo del ridicolo i tre protagonisti».[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1961, festival-cannes.fr. URL consultato l'11 giugno 2011.
  2. ^ Il Mereghetti - Dizionario dei Film 2008. Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2007. ISBN 978-88-6073-186-9 p. 1620
  3. ^ Il Morandini - Dizionario dei Film 2000. Bologna, Zanichelli editore, 1999. ISBN 88-08-02189-0 p. 705

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema