Fenomeni paranormali incontrollabili

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fenomeni paranormali incontrollabili
Fenomeni paranormali incontrollabili.jpg
Fotogramma della scena finale del film
Titolo originaleFirestarter
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1984
Durata114 min
Rapporto2,35:1
Genereorrore, thriller, fantascienza
RegiaMark L. Lester
Soggettodal romanzo di Stephen King
SceneggiaturaStanley Mann
FotografiaGiuseppe Ruzzolini
MusicheTangerine Dream
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Fenomeni paranormali incontrollabili (Firestarter) è un film del 1984 diretto da Mark L. Lester, tratto dal romanzo del 1980 L'incendiaria di Stephen King. Il film è stato girato presso Wilmington, Chimney Rock e Lake Lure, nella Carolina del Nord.

Nel 2002 è stata fatta una miniserie sequel del film, L'incendiaria, diretto da Robert Iscove

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Andrew "Andy" McGee (David Keith) da giovane partecipa a un esperimento in cui gli viene iniettata una formula chimica che gli sviluppa alcuni poteri paranormali. In laboratorio conosce la ragazza che poi diverrà sua moglie Victoria "Vicky" Tomlinson (Heather Locklear). Dalla loro unione nascerà Charlie (Drew Barrymore) che a otto anni, anche lei, svilupperà poteri paranormali, ma molto più potenti come la pirocinesi, la facoltà di appiccare il fuoco con la mente a oggetti e umani. Tuttavia i servizi segreti americani, quando padre e figlia fuggono dal laboratorio, cercano di catturarli per continuare a studiare per i loro scopi bellici i poteri della piccola Charlie. Dopo avere ucciso la madre Victoria, tentano di rapirla, ma riesce in un primo momento, a mettersi in salvo, utilizzando i loro poteri paranormali: quando si trova circondata da una decina di agenti Charlie utilizza la pirocinesi per uccidere gli agenti che vanno in autocombustione assieme alla loro auto. Charlie, molto spaventata, decide di non usare più i suoi poteri per fare del male a qualcuno. Quando padre figlia vengono catturati, sono tenuti separati nei laboratori militari per essere studiati. Al padre, Andy, vengono somministrate forti dosi di medicinali per ridurre i suoi poteri paranormali, mentre Charlie, piano piano inizia a fidarsi di uno dei militari che le ha promesso di farle incontrare il padre. Andy, a un certo punto, smette di assumere i farmaci e, recuperati si suoi poteri, per tentare la fuga con la figlia dai laboratori, servendosi del Capitano Hollister (Martin Sheen) piegato alle sue volontà dalla forza mentale di Andy.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente la pellicola doveva essere diretta da John Carpenter, dopo che il regista avesse terminato di giare La cosa, ma poi la Universal, a causa del forte insuccesso del film, cambiò idea. Tuttavia Carpenter aveva ingaggiato Bill Lancaster per adattare il romanzo di Stephen King che approvò la sceneggiatura di Lancaster. Poi, Carpenter ingaggiò Bill Phillips per scrivere un'altra versione con Richard Dreyfuss nel ruolo di Andy, ma quando La Cosa ottenne scarsissimi riscontri commerciali, l'Universal sostituì Carpenter con Mark L. Lester.

Il padre di Lancaster, Burt Lancaster, stava originariamente per ottenere il ruolo il Capitano Hollister, ma Martin Sheen lo sostituì.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eila Mell, Casting Might-Have-Beens: A Film by Film Directory of Actors Considered for Roles Given to Others, su Deadline.com, 2005. URL consultato il 25 luglio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]