Gli occhi freddi della paura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gli occhi freddi della paura
Titolo originaleGli occhi freddi della paura
Paese di produzioneItalia, Spagna
Anno1971
Durata88 min
Generegiallo
RegiaEnzo G. Castellari
SoggettoEnzo G. Castellari, Tito Carpi
SceneggiaturaLeo Anchóriz, Enzo G. Castellari, Tito Carpi
Casa di produzioneCinemar, Atlantida Films
Distribuzione in italianoCineraid
FotografiaAntonio L. Ballesteros
MontaggioVincenzo Tomassi
MusicheEnnio Morricone
ScenografiaRoman Calatayud
CostumiEnrico Sabbatini
TruccoOtello Sisi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gli occhi freddi della paura è un film del 1971 diretto da Enzo G. Castellari.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane Peter e la sua fidanzata Anna sono sequestrati in casa da dei delinquenti il cui scopo è uccidere il padre di Peter, magistrato che li aveva mandati in carcere. Ogni tentativo di mettersi in contatto con l'esterno pare inutile quindi il giovane crea un corto circuito che lascia la villa nel buio più completo. Segue una lotta che vede la morte non solo di tutti i malviventi ma anche di Anna. Al giovane non resta che attendere sanguinante il ritorno del padre.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è influenzato da pellicole americane come Gli occhi della notte, Festa per il compleanno del caro amico Harold e Ore disperate.[1]

Le scene sono state girate in ordine sequenziale presso gli studi di Cinecittà a Roma e in alcune location a Londra.[1]

L'attore Frank Wolff si è suicidato nella sua camera d'albergo a Roma pochi mesi dopo la fine delle riprese nel dicembre 1971.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito nei cinema italiani il 6 aprile 1971, Gli occhi freddi della paura ha incassato complessivamente 197.089.000 di lire dell'epoca.[1]

In Spagna è uscito il 21 maggio 1972.[1] Negli Stati Uniti è stato distribuito coi titoli Cold Eyes of Fear e Desperate Moments.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Roberto Curti, Italian Crime Filmography, 1968-1980, McFarland, 2013, ISBN 0786469765.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema