Romano Malaspina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Romano Eugenio Moroello Malaspina (Venaria Reale, 22 dicembre 1939) è un attore e doppiatore italiano.

Ha lavorato sia per il cinema che per la televisione e deve la sua fama soprattutto al doppiaggio degli anime, avendo ricoperto parti importanti in Ufo Robot Goldrake nel ruolo di Actarus, in Jeeg robot d'acciaio nel ruolo di Hiroshi Shiba, in Getta Robot nel ruolo di Ryoma Nagare, in Gaiking nel ruolo di Sanshiro Tsuwabuki ed in Ranma ½ nel ruolo di Soun Tendo. Ha doppiato inoltre il Generale De Jarjayes, padre di Lady Oscar ed il Supremo Kloppen in "Daltanious"

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Malaspina, nato membro dell'omonimo nobile casato tosco emiliano, passa l'infanzia nelle proprietà di famiglia in Lunigiana. È a Siena che avviene il primo incontro con il teatro. Di famiglia aristocratica con una lunga e severa tradizione militare, non viene ostacolato ma nemmeno incoraggiato.

Complice una voce dal timbro personalissimo e praticamente priva di accenti, riesce ad entrare giovanissimo all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico, dove ha tra i suoi insegnanti anche Sergio Tofano.

Gli esordi come attore[modifica | modifica wikitesto]

All'uscita dall'Accademia (sono i primi anni settanta) il mondo del cinema e del teatro non lo accolgono però a braccia aperte. Più volte, tra il serio e il faceto, Malaspina ha dubitato di essere "legnoso, un po' cane". Quel che è certo è che il cinema di quegli anni, fortemente politicizzato, non era pronto ad accogliere un attore di famiglia benestante, con ascendenti nobili ("Il Principe" fu infatti il nomignolo affibbiatogli fin dai tempi dell'Accademia) e che non nasconde le sue simpatie per il nazionalismo e lo statalismo[1]. Poco cinema come attore, quasi tutto concentrato nel 1972, come in La bella Antonia, prima monica e poi dimonia e in Sette scialli di seta gialla.

Nel mondo del doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Esordi[modifica | modifica wikitesto]

Rapidamente la sua voce lo porta, abbastanza riluttante, nel mondo del doppiaggio prima per la A.R.S., poi alla CDC, alla CVD ed infine doppiatore libero.
Furio Colombo lo sente fare un breve doppiaggio in oversound e lo sceglie come voce narrante per i suoi reportage della serie Dentro l'America. Grazie ad essi, diviene richiestissimo come speaker.

Dal 1972 fino al 1985, Romano Malaspina sarà speaker in numerosi programmi radiofonici della RAI.

Del 1972 il doppiaggio del primo cartone animato, Biancaneve e i sette nani: Malaspina è il Principe, nell'edizione di quell'anno.
A seguito di attriti con la cooperativa, l'abbandona, in un periodo in cui la figura del doppiatore indipendente non era ancora nata. Fortunatamente, poco tempo dopo nascono i primi appaltatori indipendenti. Da allora, Malaspina lavorerà invece quasi sempre come doppiatore indipendente, tra i primi in Italia, senza appartenere ad alcuna cooperativa di doppiaggio.

Cartoni animati e Anime[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978, dopo che la RAI l'ha importato dalla Francia, Ufo Robot Goldrake viene affidato da una funzionaria RAI (Nicoletta Artom) proprio ad un appaltatore indipendente. Quest'ultimo si mette subito in cerca di voci adatte, in un periodo in cui i doppiatori indipendenti erano ancora pochi.

In un'intervista pubblicata sulla rivista Mangazine N.31 (Gennaio 1994), Malaspina spiegò di essere stato scelto anche per il suo aspetto esteriore: a quei tempi guidava una motocicletta di grossa cilindrata, con casco e stivaloni, e chi avesse avuto modo di vederlo avrebbe notato una certa somiglianza con Actarus, il protagonista di Goldrake.

Di fatto, con Giorgio Locuratolo (Alcor) e gli altri componenti del cast, saranno i primi seiyuu italiani.

La tecnica, Malaspina stesso dice di doverla nei primi rudimenti a Rosalinda Galli, collega nella serie (interpretava Venusia).

Malaspina ha prestato la sua voce in oltre 50 serie animate.

Sceneggiati, film, documentari[modifica | modifica wikitesto]

Malaspina ha dato voce a molti attori in sceneggiati televisivi come Il ritorno di Sandokan (a Fabio Testi), e innumerevoli film. È stato la voce narrante nello sceneggiato del 1978 Storie della camorra.

Circa nello stesso periodo ha dato voce all'attore Robert Conrad, protagonista del telefilm statunitense La squadriglia delle pecore nere nella parte dell'asso dell'aviazione Gregory Pappy Boyington (realmente esistito), che combatteva sul fronte del Pacifico nel 1943.

Ha doppiato attori come Roger Moore e Ben Cross e ha doppiato nuovamente Tyrone Power e Humphrey Bogart. Ha prestato la voce al personaggio di Sherlock Holmes, interpretato dall'attore inglese Jeremy Brett nella serie televisiva Le avventure di Sherlock Holmes andata in onda a cavallo tra gli anni ottanta e novanta. È inoltre la voce dell'attore britannico Alan Rickman in Robin Hood - Principe dei ladri (1991), nel ruolo dello sceriffo di Nottingham.

Tra il 1998 - 2009 il doppiatore torna a prestare la voce al mondo del giallo, nel personaggio dell'ispettore Tom Barnaby, simpatico e tenace capo detective della celebre serie televisiva britannica Midsomer Murders.

Malaspina è attivo anche nel doppiaggio di documentari, a cominciare da quelli che Furio Colombo ha realizzato negli Stati Uniti.

Filmografia come attore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver praticamente smesso di girare film con l'entrata nel mondo del doppiaggio, nei primi anni del 2000 Romano Malaspina si è riproposto come attore cinematografico, in parti brevi ma di film di valore.

Filmografia come doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Film cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni Animati[modifica | modifica wikitesto]

Telefilm[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]