Sergio Pastore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sergio Pastore (Cosenza, 25 novembre 1932Roma, 24 settembre 1987) è stato un regista, sceneggiatore, giornalista, e produttore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Cosenza nel 1932[1], si trasferì giovanissimo a Napoli, dove fu studente alla facoltà di Giurisprudenza. Iniziò a lavorare come giornalista collaborando con alcuni quotidiani, prima di entrare come corrispondente a Paese Sera. Incontrò e intervistò per quel quotidiano illustri personaggi quali Enrico De Nicola, Eduardo De Filippo, Domenico Rea e Curzio Malaparte. Passò alla cronaca e poi, trasferitosi a Roma, divenne giornalista del mondo dello spettacolo.

Rimasto affascinato dal mondo del cinema, decise di fondare una sua casa di produzione, la Mezzogiorno Nuovo d'Italia[2] con la quale dal 1968 firmò una dozzina di pellicole di genere e a basso costo. Il suo film più noto resta il thriller Sette scialli di seta gialla del 1972. Sposato una prima volta con la ballerina e attrice turca Aïché Nana, si sposò una seconda volta con l'attrice Giovanna Lenzi, in arte Jeannette Len, dalla quale avrà una figlia, Laura[3] che in seguito ricoprirà i ruoli di consigliere comunale e vicesindaco del comune di Cerveteri. Sergio Pastore morì improvvisamente, a soli 54 anni, per un ictus cerebrale fulminante mentre si trovava al Cinema Fiamma di Roma per la prima della sua ultima pellicola, Delitti.

Il 24 novembre 2012, in occasione del 25º anniversario della scomparsa, Cerveteri lo nomina cittadino onorario intestando a suo nome un Largo. La figlia Laura, inoltre, pubblica nel 2012 un libro sul padre, Appunti a mente di Laura Pastore. Il regista Sergio Pastore nel racconto di sua figlia, edito dall'Editoriale Progetto 2000.

Nel 1984, pubblica per la casa editrice "società editrice napoletana", I grandi convertiti della storia (da S. Ambrogio a Craxi).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda l'articolo redazionale Cerveteri ricorda Sergio Pastore, tratto dal sito TRC Giornale di Civitavecchia.
  2. ^ Come si evince dalla biografia sul sito cinema di Yahoo.
  3. ^ Si veda l'intervista a Laura Pastore Sergio Pastore, un padre affettuoso e un collega di grande caratura della Presidenza Nazionale Uffici Stampa Giornalisti

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN94863871 · LCCN: (ENn81119017