Robert Evans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Robert Evans (disambigua).
Robert Evans

Robert Evans, pseudonimo di Robert J. Shapera (New York, 29 giugno 1930Beverly Hills, 26 ottobre 2019[1]), è stato un produttore cinematografico, attore e produttore televisivo statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una breve carriera come attore, nella seconda metà degli anni sessanta venne messo a capo della Paramount Pictures da Charles Bluhdorn[2], grazie all'influenza di Greg Bautzer, noto avvocato dello spettacolo[3].

Nel 1975 ricevette una candidatura al premio Oscar per il film Chinatown[4]. Nel 1977 vinse il David di Donatello per il miglior film straniero per Il maratoneta[5]. Nel 2002 il suo nome venne inserito nella Hollywood Walk of Fame di Los Angeles.[6][7]

Evans è morto il 26 ottobre 2019, all'età di 89 anni.[8][6]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Evans ha avuto una vita privata decisamente tumultuosa, essendosi sposato per ben sette volte. Tra le sue ex mogli anche due note attrici degli anni 60 e 70: Camilla Sparv e Ali MacGraw. Il matrimonio con quest'ultima finì in uno scandalo quando la Macgraw lasciò letteralmente il marito e il loro figlio Josh (all'epoca di appena tre anni) per andare a vivere con l'attore Steve McQueen, da lei conosciuto sul set di Getaway! (i due successivamente si sposarono).

Nel 1980, durante le riprese del film Popeye, Evans fu arrestato per spaccio di droga, mentre nel 1983 fu coinvolto in un fatto di cronaca nera quando un suo investitore nella produzione del film Cotton Club fu trovato ucciso a colpi di pistola. Il caso, diventato poi famoso come "il caso Cotton Club", fu poi raccontato nei dettagli nel libro di James Ellroy I miei luoghi oscuri.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cinema: è morto Robert Evans, produttore de Il padrino, su Agenzia ANSA, 28 ottobre 2019. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Robert Sam Anson, Hurricane Charlie, in Vanity Fair. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) How Robert Evans Really Got His Paramount Job, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  4. ^ (EN) The 47th Academy Awards | 1975, in Oscars.org | Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  5. ^ (EN) David Benedict, Guardian/NFT interview: Robert Evans – part one, su the Guardian, 14 novembre 2002. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  6. ^ a b È morto Robert Evans, leggendario produttore de 'Il Padrino' e 'Chinatown', su Repubblica.it, 28 ottobre 2019. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  7. ^ (EN) John Hiscock, 'I broke every rule', 20 settembre 2002. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Robert Evans, Iconic Hollywood Producer and Studio Head, Is Dead at 89, su Vanity Fair, 28 ottobre 2019. URL consultato il 28 ottobre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85684791 · ISNI (EN0000 0000 8161 1516 · LCCN (ENn94019187 · GND (DE11923971X · BNF (FRcb125017652 (data) · BNE (ESXX1282595 (data) · NLA (EN35479979 · NDL (ENJA00666809 · WorldCat Identities (ENlccn-n94019187