Giovanni Lombardo Radice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Lombardo Radice (a sinistra) in La casa sperduta nel parco

Giovanni Lombardo Radice, conosciuto anche con il nome d'arte John Morghen[1] (Roma, 23 settembre 1954), è un attore e sceneggiatore italiano attivo in cinema, radio, televisione e teatro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del matematico e pedagogista Lucio e fratello dello psichiatra e scrittore Marco[2], è uno dei volti cardine del cinema horror italiano, nonché un attore e regista teatrale[3].

Ha infatti interpretato film culto come Apocalypse domani (in cui è stato doppiato da Andrea Lala), La casa sperduta nel parco, Paura nella città dei morti viventi e Cannibal Ferox[4]. Ha interpretato anche una piccola parte in Gangs of New York, di Martin Scorsese.

In veste di sceneggiatore ha scritto fiction come I ragazzi del muretto[5].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Teatrografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E così il rampollo del Pci decise di fare lo zombie assetato di sangue, in lastampa.it/cultura/tuttolibri. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  2. ^ Giovanni Lombardo Radice: nel suo genere, un mostro, in Repubblica.it, 28 novembre 2016. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  3. ^ TEATRO: PORCI CON LE ALI, 20 ANNI DOPO SULLA SCENA, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  4. ^ Giovanni Lombardo Radice: una vita da zombie, tra Lenzi, Fulci, Deodato, Margheriti e Soavi - Taxidrivers.it, in Taxidrivers.it, 15 maggio 2017. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  5. ^ Ravello Magazine  » Giovanni Lombardo Radice, l’autore de I Ragazzi del muretto: “Con il tempo ho cominciato a disamare la sceneggiatura televisiva, per temi, per mediocrità e banalità”, su www.ravellomagazine.com. URL consultato il 27 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN107601104 · ISNI: (EN0000 0003 6850 4160 · SBN: IT\ICCU\CFIV\160584 · LCCN: (ENno2004087955 · GND: (DE1075167868 · BNF: (FRcb142087405 (data)