Giovanni Lombardo Radice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Lombardo Radice (a sinistra) in La casa sperduta nel parco

Giovanni Lombardo Radice, conosciuto anche con il nome d'arte John Morghen[1] (Roma, 23 settembre 1954), è un attore e sceneggiatore italiano attivo in cinema, radio, televisione e teatro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del matematico e pedagogista Lucio e fratello dello psichiatra e scrittore Marco[2], nipote di Laura Lombardo Radice e del marito, il politico Pietro Ingrao, è uno dei volti cardine del cinema horror italiano, nonché un attore e regista teatrale[3].

Ha infatti interpretato film culto come Apocalypse domani (in cui è stato doppiato da Andrea Lala), La casa sperduta nel parco, Paura nella città dei morti viventi e Cannibal Ferox[4]. Ha interpretato anche una piccola parte in Gangs of New York, di Martin Scorsese.

In veste di sceneggiatore ha scritto fiction come I ragazzi del muretto[5].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E così il rampollo del Pci decise di fare lo zombie assetato di sangue, in lastampa.it/cultura/tuttolibri. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  2. ^ Giovanni Lombardo Radice: nel suo genere, un mostro, in Repubblica.it, 28 novembre 2016. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  3. ^ TEATRO: PORCI CON LE ALI, 20 ANNI DOPO SULLA SCENA, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  4. ^ Giovanni Lombardo Radice: una vita da zombie, tra Lenzi, Fulci, Deodato, Margheriti e Soavi - Taxidrivers.it, in Taxidrivers.it, 15 maggio 2017. URL consultato il 27 ottobre 2017.
  5. ^ Ravello Magazine » Giovanni Lombardo Radice, l’autore de I Ragazzi del muretto: “Con il tempo ho cominciato a disamare la sceneggiatura televisiva, per temi, per mediocrità e banalità”, su www.ravellomagazine.com. URL consultato il 27 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107601104 · ISNI (EN0000 0003 6850 4160 · SBN IT\ICCU\CFIV\160584 · LCCN (ENno2004087955 · GND (DE1075167868 · BNF (FRcb142087405 (data)