Frenesia del delitto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frenesia del delitto
Frenesia del delittо.png
una scena del film
Titolo originaleCompulsion
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneUSA
Anno1959
Durata103 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico
RegiaRichard Fleischer
SoggettoRichard Murphy
ProduttoreRichard D. Zanuck
Casa di produzioneTwentieth Century Fox
MusicheLionel Newman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Frenesia del delitto (Compulsion) è un film drammatico americano del 1959 diretto da Richard Fleischer. Il film è basato sul romanzo omonimo Compulsion di Meyer Levin, ispirato al caso giudiziario Leopold e Loeb, qui trasposto in un resoconto finzionale del processo per omicidio.

Nonostante il ruolo dei protagonisti, il primo nome in cartellone andò a Orson Welles.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I due amici Judd Steiner (basato su Nathan Leopold e interpretato da Dean Stockwell) e Artie Strauss (basato su Richard Loeb e interpretato da Bradford Dillman) uccidono un ragazzo, che torna da scuola verso casa, per commettere il delitto perfetto. Strauss cerca di coprirlo, ma vengono presto scoperti da una prova ritrovata - gli occhiali di Steiner, il quale li aveva inavvertitamente lasciati sulla scena del crimine. Il famoso avvocato Jonathan Wilk (basato su Clarence Darrow e qui impersonato da Orson Welles) assume la difesa dei due imputati: li salverà dalla forca pronunciando un'appassionante arringa finale contro la pena capitale.

Ricezione[modifica | modifica wikitesto]

Fu presentato in concorso al 12º Festival di Cannes, dove Orson Welles, Dean Stockwell e Bradford Dillman vinsero il premio per la miglior interpretazione maschile.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1959, festival-cannes.fr. URL consultato il 10 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema