Gavin MacLeod

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gavin MacLeod

Gavin MacLeod, nato Allan George See (Mount Kisco, 28 febbraio 1931Palm Desert, 29 maggio 2021), è stato un attore e predicatore statunitense, noto soprattutto per aver preso parte alla serie TV Love Boat nel ruolo del comandante Merrill Stubing.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gavid MacLeod, in primo piano a destra, con gli altri membri principali del cast di Love Boat

Nato nello stato di New York da padre in parte Chippewa[1], gestore di una stazione di servizio[2], si diplomò all'Ithaca College e, dopo il servizio militare, si trasferì nella città di New York per diventare attore, mantenendosi facendo la maschera al Radio City Music Hall[2]. Nel 1956 debuttò a Broadway nel dramma Un cappello pieno di pioggia e fu in questo periodo che scelse il suo nome d'arte: Gavin era il nome di un personaggio televisivo, mentre MacLeod era il cognome della sua insegnante di recitazione[2].

Spostatosi a Los Angeles verso la fine degli anni cinquanta, iniziò a lavorare per il piccolo schermo e, nel frattempo, ottenne alcuni ruoli di secondo piano al cinema. Nel 1958 venne notato dal regista Blake Edwards, che lo fece apparire nella commedia Operazione sottoveste, nella quale MacLeod interpretò con grande comicità il ruolo del marinaio Ernest Hunkle, definito dal tenente Nick Holden (Tony Curtis) "il torace più sexy della Marina", per via del vistoso tatuaggio di una ballerina portato sul petto[2]. Negli anni successivi verrà diretto da Edwards in altri due film, tra cui Hollywood Party (1968), uno dei capolavori del regista.

MacLeod apparve anche nel dramma Non voglio morire (1958) di Robert Wise, e nella commedia brillante In due è un'altra cosa (1964), con Bing Crosby. Nel periodo 1959-1962 prese parte a diversi episodi de Gli intoccabili. Tra il 1962 e il 1964 ebbe il suo primo ruolo televisivo ricorrente, quello del marinaio Joseph "Happy" Haines nel telefilm Un equipaggio tutto matto e, durante lo stesso decennio, prese parte a molte serie TV, tra cui La grande vallata e Perry Mason, e a pellicole cinematografiche come Caccia di guerra (1962) di Denis Sanders e Quelli della San Pablo (1966) di Robert Wise. Ma fu all'inizio degli anni settanta che raggiunse la grande notorietà televisiva grazie al personaggio di Murray Slaughter, il simpatico giornalista della serie Mary Tyler Moore Show[2], che interpretò dal 1970 al 1977 e grazie alla quale ottenne due candidature ai Golden Globe televisivi (1975 e 1977).

Divenne però noto soprattutto per aver interpretato il comandante Merrill Stubing nella serie Love Boat, in cui recitò dal 1977 al 1987, figurando in tutti i 249 episodi. Grazie all'interpretazione del sorridente e rassicurante capitano Stubing, che coccola i propri passeggeri durante le loro vacanze da sogno[2], MacLeod ottenne altre tre candidature ai Golden Globe in diverse categorie nel 1979, 1981 e 1982. Con il cast del telefilm vinse inoltre un TV Land Award. La popolarità di questo ruolo leggero costituì però un limite per le sue aspirazioni a parti drammatiche o più complesse, e portò l'attore a vivere una profonda crisi personale e professionale, dalla quale si risollevò grazie alla fede cristiano evangelica[2].

Con la seconda moglie Patti, MacLeod fu autore del libro Back on Course, uscito nel 1987. Successivamente apparve ancora in TV e al cinema, seppur sporadicamente. Nel terzo millennio si dedicò soprattutto all'attività di predicatore e alle campagne da testimonial in America delle navi da crociera[2].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kessler, Judy, Gavin Mac Leod, Love Boat (and Jump Rope) Skipper, Graduates from Mtm with a Hit, People, 27 febbraio 1978. URL consultato il 22 aprile 2013.
  2. ^ a b c d e f g h Serialmania - Stelle e meteore dei telefilm cult, Vol. II, Sagoma s.r.l., 2010, pag. 77

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66800876 · ISNI (EN0000 0001 0783 0507 · LCCN (ENn86077633 · GND (DE119062429 · BNF (FRcb15840652z (data) · BNE (ESXX5029680 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n86077633