La meravigliosa Angelica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La meravigliosa Angelica
Titolo originale Angélique et le Roy
Paese di produzione Francia, Italia, Germania
Anno 1966
Durata 100 min
Genere storico, avventura, drammatico
Regia Bernard Borderie
Soggetto Anne Golon & Serge Golon
Sceneggiatura Alain Decaux, Bernard Borderie, Francis Cosne e Pascal Jardin
Produttore Francis Cosne e Raymond Borderie
Casa di produzione Films Borderie
Fotografia Henri Persin
Montaggio Christian Gaudin
Musiche Michel Magne
Scenografia Robert Giordani
Costumi Rosine Delamare
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La meravigliosa Angelica (Angélique et le Roy) è un film del 1966, diretto dal regista Bernard Borderie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Angelica è rimasta nuovamente vedova, stavolta del cugino marchese Filippo de Plessis-Belliere, morto per le ferite riportate in combattimento nella guerra nelle Fiandre. Dal suo castello ella è richiamata a Versailles per ordine di Luigi XIV, il Re Sole. Questi, sempre affascinato dalla donna, le affida una delicata missione diplomatica: recarsi dall'ambasciatore persiano Bachtiary Bey con l'intento di agevolare la firma di un trattato di alleanza tra i due Paesi. Alla riuscita di questa impresa, otterrà in premio il Palazzo di Parigi appartenuto in passato al primo marito, l'adorato e indimenticato conte Jeoffrey de Peyrac, dove ora alloggia un anziano alchimista, Savary. Il sadico persiano assiste compiaciuto alle torture in piazza di alcuni condannati; egli tenta vari approcci per sedurre Angelica, senza riuscirvi. Invitata alla dimora dell'ambasciatore, continua ad essere corteggiata dal persiano, deciso a sedurla e infine, risoltosi a usarle violenza. Pericolo dal quale Angelica verrà sottratta dall'irruzione di un manipolo di uomini, guidato dall'aristocratico ungherese Stanislao Rakoczy, cognato del Re.

Infuriato per l'incursione alla propria residenza, è sul punto di andarsene, ma l'arrivo di Angelica lo fa desistere. Alla corte di Versailles, l'ambasciatore chiede Angelica come dono per la nuova alleanza. Per evitare un diniego che avrebbe comportato una rottura diplomatica, viene informato da Colbert che la donna è la nuova favorita del Re. Il nuovo rango crea scalpore, facendo nascere nuove gelosie e invidie alla corte verso di lei. Che porteranno a tentativi di assassinio: il primo sventato dal capo della polizia; riceverà in consegna un abito avvelenato da Mademoiselle Desoeillet, la quale partecipa a messe nere con altri seguaci. Si troverà a dare rifugio a Stanislao, ora ricercato, col quale avrà una notte d'amore. In seguito, il Re rivelerà ad Angelica la verità sul marito giustiziato: sottratto al rogo, egli è fuggito ai lavori forzati, ma morto annegato. Eppure, Angelica rimane dubbiosa e speranzosa sulla sorte di Joffray, interrogando anche Savary.

Il film termina con un nuovo tentativo di omicidio da parte di un sicario, scongiurato dall'intervento del redivivo marito, il quale tuttavia si dilegua senza ricongiungersi alla consorte. Disperata e sconcertata per il gesto, Angelica parte alla sua ricerca su una carrozza accompagnata da Savary, diretta verso il sud della Francia.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

  • Francia il 31 gennaio 1966
  • Italia il 25 febbraio 1966

La serie cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN305893522 · BNF: (FRcb16458102m (data)
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema