Mick Jagger

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mick Jagger
Mick Jagger Deauville 2014.jpg
Mick Jagger nel 2014
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Rock and roll
Blues rock
Hard rock
Rock psichedelico
Periodo di attività musicale 1960 – in attività
Strumento Voce, armonica a bocca, percussioni, chitarra, pianoforte, tastiere, basso
Album pubblicati 6
Studio 5
Raccolte 1
Sito ufficiale

Sir Michael Philip "Mick" Jagger (Dartford, 26 luglio 1943) è un cantautore, musicista e attore britannico.

Componente e storico frontman dei Rolling Stones, è considerato una delle più grandi personalità della musica di tutti i tempi[1]. Nel 2008 Jagger è stato posizionato al 16º posto nella lista dei 100 migliori cantanti secondo Rolling Stone[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni (1943 - 1962)[modifica | modifica wikitesto]

Nasce da una famiglia medio-borghese presso il Livingstone Hospital di Dartford (Kent), a circa trenta chilometri a est di Londra, in Inghilterra. Figlio di Basil Fanshawe "Joe" Jagger (13 aprile 1913 - 11 novembre 2006) - un insegnante come il nonno (Ernest David Jagger) - e di Eva Ensley Mary (6 aprile 1913 - 18 maggio 2000), parrucchiera e attivista politica d'origine australiana. Mick Jagger ha un fratello minore, Chris, nato il 19 dicembre 1947, che come il padre intraprenderà la carriera di insegnante. Mick, invece, cantava già da piccolo, e nel 1950, alle scuole elementari di Dartford, conosce Keith Richards, futuro amico e co-leader della band.

Nel 1956 inizia a suonare per diletto con due compagni di scuola, ma senza esibirsi. Nell'estate del 1960 appare per la prima volta in pubblico nella sala parrocchiale di Dartford, con una canzone di Buddy Holly. Nel 1961 Keith e Mick si incontrano nuovamente, e con grande sorpresa scoprono d'aver coltivato una comune passione per il rhythm and blues. Nel 1962 Jagger si trasferisce in Edith Grove (quartiere Chelsea), a Londra, per studiare Economia e diventare o un giornalista o, come sua madre, un politico; tuttavia, il suo amico Keith lo esorta a continuare a cantare e a fondare con lui una band musicale: cominciano così a provare vari brani rock presso uno scantinato di Ealing Broadway (in seguito chiamato il Ferry Club).

I primi Rolling Stones (1962 - 1969)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The Rolling Stones.
Mick Jagger, ventunenne, prima di un concerto dei Rolling Stones al Georgia Southern College, il 4 maggio 1965

Nel 1962 si aggiungono al gruppo i musicisti Brian Jones, Bill Wyman e Charlie Watts, un sodalizio che determina la nascita di una delle band più importanti nella storia della musica rock, i Rolling Stones, nome ispirato da un brano di Muddy Waters (e non, come erroneamente si pensa, alla canzone Like a Rolling Stone di Bob Dylan, composta soltanto tre anni dopo, nel 1965). La coppia Jagger-Richards diventa quindi il cuore del gruppo: il secondo compone la musica, mentre il primo scrive i testi delle canzoni - anche se talvolta i ruoli si mescolano. Jagger, intanto, coltiva e sviluppa il suo talento da front-man, rivelandosi un vero e proprio "animale" da palcoscenico: oggi è considerato una vera leggenda del rock mondiale grazie al carisma, alla sensualità e all'estro con i quali ha sempre affrontato le proprie esibizioni. La prima apparizione degli Stones si tiene al celebre Marquee Club di Londra il 12 luglio 1962. L'anno dopo, Mick Jagger abbandona gli studi in favore della carriera di cantante. La sua tipica voce sensuale passa da cover relative ad artisti come Chuck Berry e Bo Diddley a canzoni originali, scritte con Keith. La musica e la fama del gruppo crescono, sull'onda del connubio sesso, droga e rock'n'roll. Nel 1967 Jagger e Richards vengono arrestati per detenzione di stupefacenti, e condannati a tre mesi di reclusione, pena poi commutata in libertà condizionale.

I Rolling Stones (1970 - 1980)[modifica | modifica wikitesto]

Mick Jagger durante un concerto a New York City negli anni settanta

Dopo la morte del chitarrista Brian Jones, avvenuta nel 1969, Mick Jagger decide di dare una svolta alla band, assumendosi più responsabilità organizzative e contribuendo in maniera essenziale alla definizione dello stile relativo alla stessa: durante la tournée negli Stati Uniti del 1972, gli Stones suoneranno a New York City con un tipico look aggressivo e glamour. Gli anni Settanta diventano per Mick Jagger un decennio impegnativo: la tossicodipendenza di Keith, infatti, lo induce a occuparsi con molta solerzia della produzione musicale legata alla band più longeva del rock.

Mick solista (1980 - 1993)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980, dopo alcuni litigi con Keith e nonostante il continuo successo della band, Mick Jagger tenta una carriera da solista. Nel 1985 esce She's the Boss, di discreto successo, in cui spicca il brano Just Another Night. Due anni dopo tenta un secondo album solista, Primitive Cool, che ottiene buoni giudizi da parte della critica, ma realizza un minor numero di copie vendute. Wandering Spirit è il suo terzo album, che esce solo nel 1993, con un lancio accompagnato anche da un mini-tour.

Mick ritorna agli Stones (1994 - oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Ricucite le divergenze all'interno dei Rolling Stones, Mick Jagger ritorna a tempo pieno a scrivere testi e contribuisce alla ristrutturarazione della band, che acquisisce così un sound più pulito, moderno e armonioso; ai nuovi album, inoltre, vengono associati imponenti e spettacolari tour mondiali (vedi anche la pagina sui Rolling Stones). Nel 1997 esce l'album Bridges to Babylon, in cui spicca il brano Anybody Seen My Baby?. I Rolling Stones sono di nuovo sulle vette delle classifiche, e a tale successo seguiranno altri anni di celebrità e di concerti. Nel 2002 esce la raccolta Forty Licks, mentre due anni dopo Jagger compone le musiche per il film Alfie insieme a Dave Stewart (ex Eurythmics). Nel 2005, dopo la pubblicazione dell'album A Bigger Bang, inizia un tour mondiale.

Nel 2003, ormai ripulito anche dalle droghe e dagli eccessi, viene insignito del titolo inglese di baronetto, lo stesso titolo che durante gli anni Sessanta era stato assegnato ai Beatles.[3] Dal 2011 Mick Jagger è anche un componente del supergruppo SuperHeavy. Christina Aguilera e Adam Levine si ispirano a lui per scrivere la hit Moves Like Jagger, che viene presentata per la prima volta il 22 giugno 2011 durante il programma televisivo The Voice USA.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Jagger è stato sposato dal 1971 al 1978 con Bianca Pérez-Mora Macias, mentre dal 1990 al 1999 è stato sposato con Jerry Hall. Nel 2001 si lega alla stilista L'Wren Scott, morta suicida il 17 marzo 2014[4]. Ha avuto 8 figli: Karis (con la cantante Marsha Hunt, 1970); Jade (con la prima moglie Bianca Jagger, 1971); Elizabeth (1984), James (1985), Georgia (1992) e Gabriel (1997) (con la seconda moglie Jerry Hall); Lucas (con la modella Luciana Gimenez, nel 1999). Ha 5 nipoti e il 19 maggio 2014 sua nipote Assisi, figlia di Jade, dà alla luce una bambina di nome Ezra Key, rendendo Jagger bisnonno. L'8 dicembre 2016 è diventato padre per l'ottava volta a 73 anni, quando la sua ex fidanzata, la ballerina ventinovenne Melanie Hamrick, ha dato alla luce un bambino.

Amicizia con Keith Richards[modifica | modifica wikitesto]

Jagger & Richards cantano insieme durante un concerto a San Francisco del 1972.

La relazione di Jagger con il compagno di band Keith Richards è stata spesso definita dalla stampa come un rapporto di "amore-odio".[5][6][7] Richards stesso, a proposito delle litigate storiche tra i due, disse in una intervista del 1998: «Penso ai nostri litigi come a delle liti familiari. Se sono io a gridare ed urlare contro di lui, è perché nessun altro ha il coraggio di farlo, oppure non sono pagati per farlo. Allo stesso tempo, mi auguro che Mick si renda conto che io sono un amico che sta solo cercando di portarlo sulla strada giusta per fargli fare ciò che deve essere fatto».[8]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia dei Rolling Stones[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei The Rolling Stones.
Nel 1982 a Torino

Discografia solista[modifica | modifica wikitesto]

Studio

Colonne sonore

Raccolte

Singoli principali

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Documentari dove appare Mick Jagger[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fantastico Jagger, gigante della musica, Il Fatto Quotidiano, 24 giugno 2014
  2. ^ (EN) Lista dei 100 migliori cantanti di tutti i tempi secondo Rolling Stone, rollingstone.com. URL consultato il 22 novembre 2015.
  3. ^ Quando i Beatles vennero nominati Baronetti, in Rainews. URL consultato il 17 maggio 2017.
  4. ^ Morta suicida L'Wren Scott, la compagna di Mick Jagger - Musica - Spettacoli - Repubblica.it
  5. ^ (EN) Jagger describes love/hate relationship with Richards, Ireland On-Line, 10 luglio 2007. URL consultato il 27 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2009).
  6. ^ DIS YOU: KEITH AT IT AGAIN – New York Daily News
  7. ^ Stones row over Jagger knighthood – BBC News Online
  8. ^ THE POP LIFE – New York Times

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jorge Lima Barreto, Rock & Droga. Misteri e segreti stupefacenti: una "Bibbia" rock-psichedelica, Milano, Gammalibri, 1984.
  • Massimo Scarafoni, Rolling Stones. Un incontro a 33 giri con Mick Jagger e Keith Richards, Lato Side Editori, 1978
  • Rolling Stones, Tutti i testi. Un'intervista di Alberino Daniele Capisani a Mick Jagger e Keith Richards, con testi di Michele Straniero e di Luigi Granetto, Anteditore, Verona, 1977
  • Brian White, The Rolling Stones. The Story, Lo Vecchio, 2007. ISBN 88-7333-150-5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN44485393 · ISNI: (EN0000 0001 2130 5506 · LCCN: (ENn81120315 · GND: (DE118556592 · BNF: (FRcb13895554b (data) · NLA: (EN35703785