Enzo Petito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enzo Petito con Nino Manfredi nel film Made in Italy

Enzo Petito, pseudonimo di Vincenzo Squatriti (Napoli, 24 luglio 1897Roma, 17 luglio 1967[1]), è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Enzo Petito era pronipote del celebre Antonio (18221876), di cui suo nonno paterno Davide era infatti il fratello.

Iniziò la carriera con il teatro di Eduardo De Filippo dagli anni cinquanta, facendo parte della compagnia teatrale de "La scarpettiana", al teatro San Ferdinando di Napoli, diretta da Eduardo, insieme ad attori come Ugo D'Alessio, Pietro De Vico e Franco Sportelli.

Al cinema ha interpretato diversi ruoli negli anni sessanta. La sua apparizione più importante è stata nel 1966 nel film di Sergio Leone Il buono, il brutto, il cattivo, nel quale interpreta il proprietario di un negozio di armi.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Enzo Petito con Totò e Peppino nel film Chi si ferma è perduto

Prosa teatrale[modifica | modifica wikitesto]

  • Pulcinella in cerca della sua fortuna per Napoli di Pasquale Altamura, regia di Eduardo De Filippo, prima al Piccolo Teatro di Milano il 2 ottobre 1958.
  • Tre calzoni fortunati, di Eduardo Scarpetta, regia di Eduardo De Filippo, 1959.
  • Napoli milionaria, di Eduardo De Filippo, regia di Eduardo De Filippo, 1962.
  • Questi fantasmi, di Eduardo De Filippo, regia di Eduardo De Filippo, 1962.
  • Filumena Marturano, di Eduardo De Filippo, regia di Eduardo de Filippo, 1962.

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

  • Tre calzoni fortunati, regia di Eduardo De Filippo, trasmessa il 23 gennaio 1959.
  • Le voci di dentro di Eduardo De Filippo, regia di Eduardo, trasmessa il 12 febbraio 1962.
  • I migliori sono sempre così, regia di Peppino De Filippo, trasmessa il 19 settembre 1964.
  • A Coperchia è caduta una stella, regia di Peppino De Filippo, trasmessa il 20 settembre 1964.
  • Bello di papà, regia di Mario Ferrero, trasmessa il 21 ottobre 1965.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati definitivi confermati dall'Internet movie database

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN96824093 · SBN: IT\ICCU\LO1V\294200