Anni ruggenti (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anni ruggenti
Anniruggentifilm.png
Una scena del film
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1962
Durata 110 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Luigi Zampa
Soggetto Sergio Amidei, Vincenzo Talarico, Luigi Zampa
Sceneggiatura Ettore Scola, Ruggero Maccari, Luigi Zampa
Produttore Achille Piazzi
Casa di produzione Cinematografica Spa, INCEI Film
Distribuzione (Italia) INCEI
Fotografia Carlo Carlini
Musiche Piero Piccioni
Scenografia Piero Poletto
Interpreti e personaggi

Anni ruggenti è un film del 1962 diretto dal regista Luigi Zampa, liberamente ispirato alla commedia L'ispettore generale di Nikolaj Gogol'.

Il titolo del film evoca in senso del tutto ironico, dato il contenuto satirico, il periodo storico dei cosiddetti anni ruggenti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Ianigro e Nino Manfredi in un fotogramma del film.

La vicenda si svolge nel 1937. Omero Battifiori è un giovane assicuratore che crede nel regime fascista. Per ragioni di lavoro è inviato ad Ostuni, dove viene scambiato per un gerarca del PNF inviato da Roma a compiere un'ispezione politico-amministrativa.

All'origine dell'equivoco sono la sua provenienza dalla Capitale e una lettera ricevuta dal podestà Salvatore Acquamano, con la quale un suo parente della prefettura di Taranto lo avvisa che un funzionario del partito intende compiere una visita in incognito.

I vertici locali del Fascio sono convinti che l'ispezione debba far luce sulle malefatte che li hanno fatti arricchire a danno della finanza pubblica, operando soprusi a danno della povera gente, e cercano di correre ai ripari imbastendo una commedia tanto complicata quanto, di fatto, inutile.

Il dottor De Vincenzi, un medico antifascista, rivela infine a Omero la verità. Chiarito l'equivoco, la figlia del podestà, con cui nel frattempo si stava fidanzando, rompe con lui. Mentre arriva il gerarca vero, che dimostra di andare subito d'accordo con podestà e soci, Omero riparte, con una nuova consapevolezza sulla realtà del fascismo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli esterni furono girati ai Sassi di Matera e a Ostuni.

Al Teatro Mercadante di Altamura furono girate alcune scene in interni, con il sipario originale.[1].

Nel film, pur essendo ambientato in Puglia, i personaggi parlano con accento campano.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in home video con il titolo Anni ruggenti.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Vela d'argento al Festival di Locarno (1962);

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bianca Tragni tra ricordi, idee e auspici, teatromercadantealtamura.it, 14 dicembre 2011. URL consultato il 15 marzo 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]