Carla Calò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carla Calò nel film Tony Arzenta (Big Guns) (1973)

Carla Calò (Palermo, 21 settembre 1926) è un'attrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Palermo, dove fa le prime esperienze di attrice teatrale, nel dopoguerra debutta a Roma con Il berretto a sonagli, di Pirandello, diretta da Luigi Squarzina, sempre nella capitale inizia la sua carriera nel mondo del cinema, con Carlo Ludovico Bragaglia nella pellicola del 1949 Il falco rosso. Sempre a Palermo sposa Giorgio Mancuso da cui ebbe il figlio Salvatore.

Subito dopo accanto a Totò, sempre diretta dallo stesso regista, è nel cast di Totò le Mokò, sarà l'inizio di una lunga lista di film, oltre 100, ai quali si aggiungono i lavori per la televisione, dove dimostra la sua grande versatilità nell'adattarsi alle più diverse interpretazioni in tutti i generi cinematografici, dalla commedia all'italiana ai film drammatici, dal peplum allo spaghetti western, dal cinema avventuroso al poliziottesco fino alla commedia sexy.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Totò e Carla Calò in Totò le Mokò

Doppiatrici[modifica | modifica wikitesto]

  • Dhia Cristiani in La pattuglia dell'Amba Alagi, Il terrore dei barbari, Il trionfo di Maciste, Ercole l'invincibile, 7 dollari sul rosso
  • Wanda Tettoni in La vendetta di Ercole, I moschettieri del mare, Le sette vipere
  • Lydia Simoneschi in La furia dei barbari, Giulio Cesare, il conquistatore delle Gallie, Gli uomini dal passo pesante
  • Benita Martini in Zorro alla corte di Spagna, D'Artagnan contro i 3 moschettieri, Tony Arzenta (Big Guns)
  • Tina Lattanzi in Il conte Ugolino, Il falco rosso
  • Anna Miserocchi in 1000 dollari sul nero, I vigliacchi non pregano
  • Andreina Pagnani in La ladra
  • Vanna Polverosi in La ragazza di Bube

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Le Attrici, Gremese editore Roma 1999
  • Il Radiocorriere, annate varie
  • Le Teche Rai, la prosa televisiva dal 1954 al 1998

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90360199 · ISNI (EN0000 0003 7184 6110 · SBN IT\ICCU\SBNV\024907 · GND (DE1018665374 · WorldCat Identities (EN90360199