Le quattro giornate di Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'avvenimento storico da cui è tratto il film, vedi Quattro giornate di Napoli.
Le quattro giornate di Napoli
Le quattro giornate di Napoli.png
Gennarino Capuozzo lancia la bomba a mano contro i tedeschi
Titolo originaleLe quattro giornate di Napoli
Paese di produzioneItalia
Anno1962
Durata116 min
Dati tecniciB/N
Generedrammatico, storico, guerra
RegiaNanni Loy
SoggettoPasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Nanni Loy e Vasco Pratolini
SceneggiaturaCarlo Bernari, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa e Nanni Loy
ProduttoreGoffredo Lombardo
Casa di produzioneTitanus
FotografiaMarcello Gatti
MontaggioRuggero Mastroianni
Effetti specialiSerse Urbisaglia
MusicheCarlo Rustichelli
ScenografiaGianni Polidori
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Le quattro giornate di Napoli è un film drammatico del 1962 diretto da Nanni Loy.

Il film, ispirato al libro di Aldo De Jaco La città insorge: le quattro giornate di Napoli del 1956, fu prodotto da Goffredo Lombardo e fu candidato all'Oscar nel 1962 come miglior film straniero e per la sceneggiatura.

Il film è dedicato all'undicenne Medaglia d'oro al valor militare Gennaro Capuozzo; all'uscita provocò polemiche in Italia e Germania che coinvolsero tra l'altro anche l'allora ambasciatore tedesco in Italia Manfred Klaiber[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Domenico Formato nel ruolo di Gennaro Capuozzo

«Jatevenne ricchiun'!»

(Urlo di un partigiano napoletano, rivolto ai tedeschi, al termine delle quattro giornate)

Il film descrive la rivolta popolare scoppiata a Napoli spontaneamente a seguito della fucilazione di alcuni marinai italiani il 28 settembre del 1943 e che in quattro giorni sconfisse e mise in fuga le truppe tedesche dalla città prima dell'arrivo degli Alleati. Il film è corale e vi si mescolano singoli episodi e personaggi popolari protagonisti della rivolta. Dai ragazzi fuggiti dal riformatorio per unirsi all'insurrezione al piccolo Gennarino Capuozzo che muore con una bomba in mano pronto a lanciarla sui carri armati nazisti a tanti altri personaggi, tra i quali va ricordato Adolfo Pansini.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Soggetto[modifica | modifica wikitesto]

Il soggetto nacque Anni '60 da un'idea di Vasco Pratolini, la sua stesura non fu mai data alle stampe fino al 2017 ed il suo dattiloscritto originale è conservato presso l'Archivio Contemporaneo "Alessandro Bonsanti" di Firenze.[2] La stesura filmica fu poi realizzata dallo stesso Vasco Pratolini con l'aiuto di Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa.[3]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

La sceneggiatura fu scritta da Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Carlo Bernari e Nanni Loy.[4]

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il film sia stato girato interamente a Napoli, una sequenza è stata girata a Salerno: la scena dello stadio "del Vomero", in seguito denominato Stadio Arturo Collana, presso cui effettivamente avvenne il rastrellamento dei napoletani, in realtà fu girata allo stadio Donato Vestuti di Salerno. Analogamente, la scena della fucilazione del marinaio livornese, avvenuta nella realtà sulle scalinate dell'Università degli Studi di Napoli "Federico II" al Corso Umberto I, è stata invece girata davanti all'Accademia di Belle Arti di Napoli, in Via Bellini.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ugo Maria Olivieri, Mario Rovinello e Paolo Speranza, p.63.
  2. ^ (IT) Vasco Pratolini, Un romanzo napoletano, in Maria Carla Papini (a cura di), "L'ammuina", Collana "Moderna/Comparata": nº 23, progetto grafico di Alberto Pizarro Fernández e Pagina Maestra S.n.c., 1ª ed., Firenze, Firenze University Press, 2017 2017, pp. 9-10, ISBN 9788864535289, ISBN 9788864535296 (online PDF), ISBN 9788864535302 (online ePub).
  3. ^ (IT) Vittorio Ricciuti (a cura di), La sceneggiatura, in "Le quattro giornate di Napoli", Collana "Il cinematografo": Film in radiografia nº 2, prefazione di Giuseppe Marotta, 1ª ed., Roma, Edizioni FM, 1962 1962, pp. 108 e 151.
  4. ^ (IT) Vittorio Ricciuti (a cura di), La sceneggiatura, in "Le quattro giornate di Napoli", Collana "Il cinematografo": Film in radiografia nº 2, prefazione di Giuseppe Marotta, 1ª ed., Roma, Edizioni FM, 1962 1962, pp. 108 e 151.
  5. ^ Ugo Maria Olivieri, Mario Rovinello e Paolo Speranza, p.1.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema