Il mattatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sulla trasmissione televisiva omonima, vedi Il Mattatore (programma televisivo).
Il mattatore
Il mattatore.jpg
Vittorio Gassman in una scena del film
Titolo originale Il mattatore
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1960
Durata 104 minuti
Colore bianco e nero
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1 in Totalscope
Genere commedia
Regia Dino Risi
Soggetto Sergio Pugliese, Age Scarpelli, Sandro Continenza, Ettore Scola, Ruggero Maccari
Sceneggiatura Ettore Scola, Sandro Continenza, Ruggero Maccari
Produttore Mario Cecchi Gori
Casa di produzione Maxima Film, S.G.C.
Distribuzione (Italia) Cei-Incom
Fotografia Massimo Dallamano
Montaggio Eraldo Da Roma
Musiche Pippo Barzizza
Scenografia Giorgio Giovannini
Costumi Marisa D'Andrea, Romolo Martino
Interpreti e personaggi
Premi

Il mattatore è un film del 1960 diretto dal regista Dino Risi e interpretato da Vittorio Gassman.

La sceneggiatura ricorda da vicino quella de I tromboni (1956) di Federico Zardi, che lo stesso Gassman aveva interpretato sia sul palcoscenico che in televisione, nella trasmissione di quell'anno che portava lo stesso titolo, Il Mattatore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Gerardo, guitto che passa disinvoltamente, ma con scarso successo, dal teatro comico alla tragedia, viene coinvolto, grazie alla sua capacità di imitare qualsiasi parlata dialettale d'Italia, in una truffa ordita da Lallo ai danni di un ricco commerciante di stoffe. La sua inesperienza fa sì che sia lui l'unico a essere arrestato, venendo condannato a parecchi mesi di carcere. Qui fa conoscenza con un vasto campionario di piccoli delinquenti, dediti prevalentemente a truffe di vario genere. In particolare fa amicizia con De Rosa, detto Chinotto, un truffatore abituato ai soggiorni in carcere.

Uscito di prigione, Gerardo si mette in società con Chinotto, divenendo, grazie alle sue impareggiabili doti istrioniche, un bravissimo organizzatore e realizzatore di truffe, al punto da riuscire persino a truffare colui che ne aveva provocato l'incarcerazione, il raffinato Lallo. Superato il maestro Chinotto, Gerardo si mette in proprio fino a che Annalisa, attrice di varietà innamorata di lui, riesce a mettergli la fede al dito.

Sebbene la moglie tenti di redimerlo, la sua è una vocazione irresistibile e riprende l'antica attività, anche all'estero.

Struttura del film[modifica | modifica wikitesto]

Il film è una sequenza di episodi truffaldini legati, oltre che dai personaggi, dalla voce fuori campo del protagonista che li introduce e che spesso anche li commenta: un lungo flashback sonoro, nel quale però non si torna mai alla scena del momento della narrazione, bensì gli episodi si susseguono nell'esatto ordine temporale in cui si sono verificati.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, le cui ultime sequenze del film sono state girate a colori, è stato iscritto al P.R.C. con il n. 2.227, ottenendo il visto di censura n. 31.179 del 3 febbraio 1960.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema