L'ombrellone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'ombrellone
Paese di produzione Italia, Francia, Spagna
Anno 1965
Durata 103 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Dino Risi
Soggetto Ennio De Concini, Dino Risi
Sceneggiatura Ennio De Concini, Dino Risi
Casa di produzione Ultrafilm
Fotografia Armando Nannuzzi
Montaggio Franco Fraticelli, Emilio Rodríguez
Musiche Lelio Luttazzi
Scenografia Maurizio Chiari
Costumi Maurizio Chiari
Interpreti e personaggi

L'ombrellone è un film del 1965 diretto da Dino Risi e interpretato da Enrico Maria Salerno e Sandra Milo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il quasi quarantenne ingegner Enrico Marletti, che odia il mare e la confusione, lascia una Roma ormai vuota per raggiungere sua moglie Giuliana, da tre settimane in vacanza a Riccione per passare con lei il ponte di ferragosto.

Qui conosce una serie di personaggi coloriti, che spesso si incontrano nelle località di villeggiatura. Marletti si rende ben presto conto di essere capitato in un momento d'inquietudine coniugale della moglie: in un primo momento individua, per un equivoco, il suo rivale in un gigolò, poi capisce che è in corso un'infatuazione intellettuale per un astuto banditore di aste balneari, che tra una citazione e l'altra cerca di appioppare a Giuliana le sue cianfrusaglie. Il confronto tra i due termina in una spaghettata notturna, in cui Marletti bluffando a poker riesce a spennare il rivale ed a metterlo in fuga, riconquistando al contempo il favore della moglie.

La mattina dopo Marletti decide di tornare a Roma. Rientrato a casa, nel suo appartamento, si rifà del sonno perso nella gita a Riccione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema