Poveri milionari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Poveri milionari
Poveri milionari.png
Una scena del film
Titolo originalePoveri milionari
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1958
Durata95 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaDino Risi
SoggettoPasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Dino Risi
SceneggiaturaPasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa, Dino Risi
ProduttoreSilvio Clementelli
Casa di produzioneTitanus
Distribuzione (Italia)Titanus
FotografiaTonino Delli Colli
MontaggioMario Serandrei
MusicheArmando Trovajoli
ScenografiaPiero Filippone
CostumiAdriana Berselli
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Poveri milionari è un film del 1958 diretto da Dino Risi. È il terzo film della trilogia che comprende anche Poveri ma belli e Belle ma povere entrambi del 1957.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Romolo, Anna Maria, Salvatore e Marisa, finalmente sposati, sono in procinto di partire per il viaggio di nozze; ma la prevista settimana a Firenze sfuma e la sera stessa si ritrovano nella nuova casa presa in affitto da Romolo, un seminterrato nella periferia romana, dove intendono vivere tutti e quattro per limitare le spese. Ben presto giunge la notizia che Salvatore è stato licenziato e vengono consegnati a casa due letti per bambini, che lo stesso Salvatore aveva ordinato per sbaglio invece di quelli per sé e Marisa.

Segue una lite fra i due e la ragazza, già stanca dell'inconcludenza del marito, dichiara di volersi separare. Salvatore si allontana di casa prendendo con sé per errore la giacca di Romolo, che contiene 300 000 lire; in strada viene investito da Alice, una giovane ricca ed eccentrica, e per il trauma perde la memoria. Alice si invaghisce dello sconosciuto, lo porta con sé in un locale, dove lui sperpera i risparmi di Romolo, poi nella sua villa e gli offre un lavoro ben retribuito, come direttore generale del grande magazzino di cui è proprietaria. Al lavoro Salvatore non riconosce il suo amico, si indispettisce per la confidenza che lui si prende e propone il suo licenziamento; poi però, incontrando Marisa, la trova adatta per interpretare la vetrina animata, l'ultima trovata pubblicitaria: una ragazza dal volto piacevole deve muoversi fra i mobili esposti in vetrina.

In breve Marisa e Salvatore si scoprono innamorati, ma lei non può rivelargli di essere sua moglie, in quanto, a detta dello psichiatra, è consigliabile che l'amnesico recuperi la memoria da solo. Anche un invito a casa con la presenza dei genitori non ha successo, ma Salvatore, uscendo, sbatte di nuovo la testa e torna a ricordare chi è. Lui e Marisa fanno pace, ma Alice, delusa vedendo che il suo sentimento non è ricambiato, decide di rimuoverlo dal posto di direttore generale. Alla notifica si aggiungono il licenziamento di Romolo e l'intimazione di sfratto dalla casa nuova per morosità, ma anche una bella notizia: Anna Maria e Marisa sono entrambe incinte. I quattro amici decidono di lasciare la periferia e di tornare ad abitare a Piazza Navona presso i genitori.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema