Renato Salvatori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renato Salvatori

Renato Salvatori, pseudonimo di Giuseppe Salvatori (Seravezza, 20 marzo 1933[1]Roma, 27 marzo 1988), è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Seravezza, in provincia di Lucca, il 20 marzo 1933. Lavorò come marmista alla Henraux dove lavorava il padre Pietro, come aiuto cameriere e d'estate come bagnino presso uno stabilimento balneare di Forte dei Marmi. Nel 1951, diciassettenne, prese parte a un provino e venne scoperto da Luciano Emmer che lo scelse per una parte nel film Le ragazze di piazza di Spagna (1952), ma il primo ruolo da protagonista gli venne affidato in Jolanda la figlia del corsaro nero diretto da Mario Soldati nel 1953.

Il successo[modifica | modifica wikitesto]

La popolarità arrivò grazie al ruolo di Salvatore nella trilogia di Dino Risi Poveri ma belli (1956), Belle ma povere (1957) e Poveri milionari (1958). Buon successo di pubblico ottenne anche nel dittico La nonna Sabella (1957), sempre di Risi, e La nipote Sabella (1958) di Giorgio Bianchi, al fianco di Tina Pica e ne I soliti ignoti (1958) di Mario Monicelli e nel seguito Audace colpo dei soliti ignoti (1960) di Nanni Loy.

Nonostante fosse quasi sempre doppiato, fu anche buon interprete drammatico in pellicole come I magliari (1959) di Francesco Rosi al fianco di Alberto Sordi e Era notte a Roma (1960) di Roberto Rossellini, ma il ruolo fondamentale per Salvatori fu quello di Simone in Rocco e i suoi fratelli (1960) di Luchino Visconti. Sul set di questo film incontrò l'attrice francese Annie Girardot, che sposò due anni più tardi, e strinse una fraterna amicizia con Alain Delon il quale, negli anni del declino, lo volle accanto a sé in alcuni film poliziotteschi come La mia legge (1973), Flic Story (1975), Lo zingaro (1975).

Non mancano nella sua filmografia altre prove coraggiose, come La banda Casaroli (1962) di Florestano Vancini, Uno dei tre (1962) di André Cayatte (1962) o film polemici e controcorrente come Una bella grinta (1964) di Giuliano Montaldo, Smog (1962) di Franco Rossi e Omicron (1963) di Ugo Gregoretti, film che volevano rappresentare la risposta italiana alla Nouvelle Vague.

I suoi ultimi ruoli importanti furono in Queimada (1969) di Gillo Pontecorvo e in La prima notte di quiete (1972) di Valerio Zurlini, ancora una volta accanto all'amico Delon. Le sue ultime apparizioni cinematografiche lo videro relegato in ruoli da caratterista, benché diretto da figure importanti quali Francesco Rosi, Marco Ferreri, Alberto Lattuada e Bernardo Bertolucci. È proprio nel film di quest'ultimo La luna (1979), nel quale recitò in un cameo, che si videro gli effetti della malattia che cominciava a manifestarsi.

Dal suo matrimonio con l'attrice Annie Girardot, celebrato a Parigi il 6 gennaio 1962, ebbe una figlia, Giulia, oggi anche lei attrice. In seguito si separarono ma rimasero in buoni rapporti. Salvatori ebbe poi un secondo figlio, Nils, dalla fotomodella tedesca Danka Schroeder.

Gli ultimi anni e la fine[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni settanta cominciò ad avere problemi di alcolismo. Nei primi anni ottanta decise di abbandonare definitivamente il cinema, un mondo che non gli apparteneva più, come spiegò in un'intervista[2].

Nel 1984 entrò nel Gabinetto del Ministro dei Trasporti Claudio Signorile come addetto alle relazioni esterne[3], ma il suo fisico era ormai già minato dalla cirrosi epatica, che lo portò prematuramente alla morte il 27 marzo 1988, all'età di 55 anni. È sepolto nel cimitero di Seravezza nella tomba di famiglia, assieme ai genitori e al fratello Elis.

Iniziative[modifica | modifica wikitesto]

La sua città natale gli ha dedicato la mostra Renato Salvatori - Povero ma bello in occasione del ventennale dalla morte, che si tenne presso il Palazzo mediceo di Seravezza dal 27 maggio al 22 giugno 2008 e che raccoglieva vario materiale sull'attore, tra cui foto, locandine e documenti, e che fu accompagnata da diversi dibattiti e una retrospettiva cinematografica[4]. Vi presero parte, tra gli altri, l'ultima compagna Danka Schröder, i figli Giulia e Nils, l'ex moglie Annie Girardot, il critico Ugo Gregoretti e Francesco Solinas[5]. Il Comune di Forte dei Marmi, nelle cui scuole medie aveva studiato, gli ha eretto un busto sulla passeggiata a mare all'altezza della Capannina.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Renato Salvatori (al centro) con Bernard Blier e Marcello Mastroianni nel film I compagni (1963), di Mario Monicelli
Renato Salvatori nel film L'harem (1967), di Marco Ferreri

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Renato Salvatori, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 26 dicembre 2019.
  2. ^ Renato Salvatori ha lasciato il cinema La Repubblica, 14 dicembre 1984
  3. ^ Renato Salvatori ha lasciato il cinema, in Repubblica, 14 dicembre 1984, p. 19. URL consultato il 20 marzo 2013.
  4. ^ Valeria Ronzani - Renato Salvatori, una mostra per non dimenticarlo Ilsole24ore.com, 16 maggio 2008.
  5. ^ MOSTRA RETROSPETTIVA RENATO SALVATORI: "POVERO MA BELLO", su tapirulan.it. URL consultato il 17 aprile 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN38099257 · ISNI (EN0000 0001 1758 7571 · SBN IT\ICCU\RAVV\089391 · LCCN (ENno2001058957 · GND (DE133163881 · BNF (FRcb13899359g (data) · BNE (ESXX4581284 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2001058957