José Giovanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
José Giovanni nel 2001

José Giovanni, nato Joseph Damiani (Parigi, 22 giugno 1923Losanna, 24 aprile 2004), è stato uno scrittore, sceneggiatore e regista francese naturalizzato svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Parigi da genitori còrsi, Barthélemy Damiani e Émilie Santolini, proprietari di due grossi hotel nella capitale, Giovanni, militante fin da giovane nelle file del Partito Popolare Francese[1] (il padre era un amico di lunga data di Simon Sabiani), fu un collaborazionista della Repubblica di Vichy durante la seconda guerra mondiale. Al termine del conflitto, venne inizialmente condannato a morte per i crimini commessi durante il periodo d'occupazione nazista (tortura ed assassinio di tre ebrei per conto della Carlingue[2], corpi ausiliari della Gestapo arruolati tra la popolazione locale, oltre ad averne poi segretamente ricattato svariati altri datesi alla macchia nella Francia occupata[3]), per poi vedersi, all'ultimo minuto, commutata la pena in dieci anni di lavori forzati. In carcere, ebbe modo di conoscere Roland Barbat, che in futuro sarà conosciuto come Jean Keraudy, il re delle evasioni; i suoi metodi di evasione saranno fonte d'ispirazione per il romanzo Le trou, adattato poi per il grande schermo dal regista Jacques Becker con il titolo Il buco. Le sue esperienze belliche saranno fonte d'ispirazione per le sue opere, sebbene vengano sottaciuti i suoi trascorsi da collaborazionista. Unica eccezione a ciò è il film L'amico traditore (Mon ami le traître) del 1988.

I suoi personaggi, frustrati sul piano emozionale, spirituale e talvolta anche fisico, tormentati da un continuo confronto con il passato e da una lotta per dominare barbari impulsi e tendenze autodistruttive, sono comunque considerati tra i più riusciti della gloriosa storia del polar (il poliziesco francese).[4]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Attore e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Temps noir, la revue des littératures policières, Template:N°, septembre 2013
  2. ^ Vimont Criminocorpus
  3. ^ « Accad et Damiani n’ont pas l’envergure de leurs crimes »
  4. ^ Giancarlo Chiariglione, «I Polar sono storie di guerra». Le confessioni letterarie e cinematografiche di José Giovanni, Il lettore di provincia, Vol. 147, Angelo Longo Editore, Ravenna, 2017, p. p. 51.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN91550697 · ISNI (EN0000 0001 1477 5227 · LCCN (ENn50034553 · GND (DE124044727 · BNF (FRcb11905016f (data) · NDL (ENJA00440983 · WorldCat Identities (ENn50-034553