Naturalizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando una specie animale o vegetale che vive in una zona in cui è stata introdotta dall'uomo, vedi specie naturalizzata.

La naturalizzazione è l'acquisizione della cittadinanza da parte di uno straniero, a seguito di un atto della pubblica autorità, subordinatamente alla sussistenza di determinati requisiti (tra i quali, ad esempio, la residenza per un dato periodo di tempo sul territorio nazionale, l'assenza di precedenti penali, la rinuncia alla cittadinanza d'origine, a seguito di matrimonio o per meriti particolari). In alcuni casi, come tra Italia e Stati Uniti, si mantiene la doppia cittadinanza. In molti ordinamenti giuridici, a sottolinearne la solennità, il provvedimento di riconoscimento della cittadinanza è adottato, almeno formalmente, dal Capo di Stato.

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Arabia Saudita[modifica | modifica wikitesto]

In Arabia Saudita è possibile ottenere la cittadinanza dopo 10 anni consecutivi di residenza.[1] Una volta ottenuta, la precedente cittadinanza non è riconosciuta.[2]

Argentina[modifica | modifica wikitesto]

Per ottenere la cittadinanza in Argentina sono necessari almeno due anni di residenza continuativa ed è permessa la doppia cittadinanza.[3]

Canada[modifica | modifica wikitesto]

In Canada sono richiesti 3 anni (1095 giorni) di residenza permanente sul territorio su un arco di 5 anni, sono accettati anche gli anni di residenza temporanea, ma valgono metà nel conteggio. È permessa la doppia cittadinanza.[4]

Emirati Arabi Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Emirati Arabi Uniti è possibile ottenerla, ai sensi dell'articolo 8 della Legge federale n° 17, dopo 20 anni di residenza, a condizione che il richiedente non sia mai stato condannato per un reato e che sappia parlare correntemente l'arabo.[5]

Francia[modifica | modifica wikitesto]

La cittadinanza francese è concessa a coloro nati in Francia i cui genitori, o almeno uno di loro, è francese (o nato in Francia), nonché a coloro nati all'estero da padre o madre francese. I nati in Francia da genitori stranieri possono acquisire la cittadinanza francese quando raggiungono la maggiore età, se in quel momento risiedono in Francia e giustificano di aver risieduto abitualmente dall'età di undici anni, in modo continuativo o discontinuo, per cinque anni.

Essa può essere acquisita quattro anni dopo la celebrazione del matrimonio con un francese.

È concessa agli stranieri più anziani che hanno un permesso di soggiorno e soddisfano i seguenti requisiti: residenza abituale e continua in Francia con la loro famiglia per cinque anni, giustifica la loro assimilazione nella società francese, avendo soddisfatto i requisiti di lealtà e riservatezza e non essere stato condannato per un crimine o delitto contro gli interessi fondamentali della Nazione, per terrorismo, o una pena uguale o superiore a sei mesi di reclusione.

Germania[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica Federale Tedesca concede la cittadinanza agli stranieri che soddisfino tutte queste condizioni: residenza in Germania da almeno otto anni senza interruzioni; conoscenza certificata della lingua tedesca (livello B1); superamento del cosiddetto Einbürgerungstest (test con domande a risposte multiple su geografia, società, cultura generale e funzionamento delle istituzioni della Germania); autosufficienza economica e nessun ricorso a sussidi sociali o di disoccupazione; non aver commesso reati.

Il requisito della residenza continuativa è ridotto a tre anni per gli stranieri che sono sposati da almeno due anni con cittadini tedeschi.

È consentita la doppia cittadinanza solo ai cittadini dell'Unione Europea e Svizzera, e solo se anche il paese di origine lo ammetta. In tutti gli altri casi la doppia cittadinanza non è permessa.[6]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia si può ottenere la cittadinanza dopo aver risieduto stabilmente e legalmente nel territorio nazionale per almeno 10 anni, ridotti a 5 anni per l'apolide e a 4 anni per i cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea. È possibile acquisire la cittadinanza per matrimonio con un cittadino italiano dopo almeno due anni di residenza sul territorio italiano o tre anni dal matrimonio se si risiede all'estero, e su concessione del Presidente della Repubblica per meriti particolari.[7] Con la legge n.91/1992 il cittadino italiano che ha acquisito o riacquisito una cittadinanza straniera dopo il 15 agosto 1992 non perde il suo diritto alla cittadinanza italiana.[8]

Paesi Bassi[modifica | modifica wikitesto]

Nei Paesi Bassi, incluse Antille Olandesi e Aruba, si ottiene la cittadinanza dopo 5 anni consecutivi di residenza.[9] La doppia cittadinanza è permessa solo in alcune circostanze, come nel caso di acquisizione della cittadinanza da parte del coniuge.[senza fonte]

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

In Polonia, bisogna essere nati o esser stati trovati sul territorio polacco, ma solo quando entrambi i genitori sono sconosciuti o non hanno alcuna cittadinanza. Un altro modo di acquisire la cittadinanza polacca è per rimpatrio. In questi casi, una persona che viene in Polonia con un visto a scopo di rimpatrio, acquisisce la Cittadinanza polacca il giorno del suo arrivo in Polonia. Per stabilire se una persona è di origine polacca, è necessario dimostrare che i suoi genitori o uno dei suoi nonni o entrambi i bisnonni avevano la nazionalità polacca e che la persona ha un legame con la Polonia o la cultura polacca.

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito si può acquisire la cittadinanza dopo sei anni di residenza stabile e legale e dopo aver superato due test (uno sulla conoscenza dell'inglese e uno sulla conoscenza delle istituzioni). Il tempo di residenza, sempre stabile e legale, si abbrevia a tre anni nel caso di stranieri coniugi di cittadini britannici.[10]

San Marino[modifica | modifica wikitesto]

Si può acquisire la cittadinanza sammarinese dopo 30 anni di residenza o dopo 15 anni di matrimonio con un cittadino sammarinese.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Expatriates Can Apply for Saudi Citizenship in Two-to-Three Months, su archive.arabnews.com. URL consultato il 23 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2011).
  2. ^ consgedda.esteri.it, http://www.consgedda.esteri.it/consolato_gedda/it/la_comunicazione/domande_frequenti/faq.html. URL consultato il 17 aprile 2017.
  3. ^ (ES) Ciudadanía Argentina, su legales.com. URL consultato il 15 maggio 2010.
  4. ^ (EN) Becoming a Canadian citizen: Who can apply, su cic.gc.ca. URL consultato il 15 maggio 2010.
  5. ^ ILOVETHEUAE | I Love The UAE, su www.ilovetheuae.com. URL consultato l'8 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2016).
  6. ^ Doppia cittadinanza italiana e tedesca, su affarilegali.net. URL consultato il 9 dicembre 2020.
  7. ^ Cittadinanza - Ministero degli Esteri, su esteri.it. URL consultato il 23 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2015).
  8. ^ Ministero degli esteri
  9. ^ (EN) IND Residence Wizard, su ind.nl. URL consultato il 15 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2008).
  10. ^ documenti.camera.it, http://documenti.camera.it/leg16/dossier/Testi/MLC16015.htm#_Toc250987084.
  11. ^ Legge "sulla cittadinanza" del 30 novembre 2000, n. 114, come modificata dalla Legge 17 giugno 2004, n. 84.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 35898 · LCCN (ENsh85090274 · GND (DE4013828-8 · BNF (FRcb13340916s (data) · J9U (ENHE987007560767305171 · NDL (ENJA00565736