Oreste Lionello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oreste Lionello nel 1980

Oreste Lionello (Rodi, 18 aprile 1927Roma, 19 febbraio 2009) è stato un attore, cabarettista, doppiatore, direttore del doppiaggio e dialoghista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Rodi, allora colonia italiana del Dodecaneso, ma cresciuto a Reggio Calabria, Lionello ha mosso i primi passi sul palcoscenico all'età di 10 anni, quando, vestito da valletto, chiudeva il sipario del Teatro Francesco Cilea a Reggio Calabria. Nel 1953 entrò a far parte della Compagnia del Teatro Comico Musicale di Radio Roma della Rai. L'anno seguente approdò in televisione.

Nel 1956 fu protagonista nella trasmissione per ragazzi Il marziano Filippo; dopo essere stato nel 1962 nel cast dello sceneggiato televisivo Una tragedia americana, nel 1965 è stato poi interprete della serie televisiva Le avventure di Laura Storm, accanto a Lauretta Masiero ed Aldo Giuffré.

Nel 1967 fondò il cabaret Il giardino dei supplizi, con Luciano Cirri e Gianna Preda, in un locale di piazza Rondanini a Roma.[1] Nel 1969 prese parte al varietà televisivo È domenica, ma senza impegno, condotto da Paolo Villaggio.

Nel 1970 fece un'esperienza come cantante partecipando al 18º Festival della canzone napoletana, dove propose le canzoni Casanova 70 e Tu m'è fatto murì, eseguite rispettivamente in abbinamento con Antonio Buonomo e Ombretta Colli: il relativo 45 giri fu stampato dall'etichetta Edibi.

Nel 1973 e 1975 è protagonista dei due varietà televisivi della prima serata di Rai 1 (autori Antonello Falqui, Mario Castellacci e Pier Francesco Pingitore) Dove sta Zazà e Mazzabubù, condotti da Gabriella Ferri, e che lo vedono sul palco insieme a Pippo Franco, Pino Caruso e Gianfranco D'Angelo.[2][3]

Dal 1983 al 1985 è stato inoltre il presentatore dello spettacolo Al Paradise, su Rai 1.

Con la chiusura di Al Paradise, si è unito alla Banda Del Bagaglino con Pippo Franco e Leo Gullotta.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Oreste Lionello nel 2007

Per quanto riguarda l'attività di doppiatore, ha prestato voce, tra gli altri, a Charlie Chaplin nel ridoppiaggio del 1972 del film Il grande dittatore, a Groucho Marx in La guerra lampo dei fratelli Marx, a Gene Wilder in Frankenstein Junior di Mel Brooks, a Dick Van Dyke in Mary Poppins, a George Harrison in Help! e soprattutto a Woody Allen in tutta la sua filmografia fino al 2006.

Ha doppiato anche i personaggi Disney Topolino e Paperino nel doppiaggio degli anni sessanta, Bugs Bunny, Daffy Duck e Gatto Silvestro nei cortometraggi dei Looney Tunes della Warner Bros. e il personaggio di Asterix nei film Asterix il gallico e Asterix e Cleopatra.

In televisione ha doppiato Robin Williams nelle prime due stagioni del celebre telefilm Mork & Mindy.

Ha, inoltre, doppiato gli attori Donald Pleasence e Clive Revill nella serie televisiva Colombo: rispettivamente, negli episodi L'uomo dell'anno e I cospiratori.

Nel luglio 2004, ha ricevuto una Menzione speciale alla seconda edizione del Leggio d'oro.[4]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Era padre dell'attore Luca e delle doppiatrici Cristiana e Alessia Lionello. È morto a Roma il 19 febbraio 2009, a causa di un tumore, all'età di 81 anni[5][6]. È sepolto presso il Cimitero del Verano di Roma.

In un'intervista Woody Allen ha dichiarato:

« Oreste Lionello mi ha reso per anni un attore molto migliore di quanto non fossi veramente. Ci siamo conosciuti personalmente e mi è sempre sembrato un uomo molto amabile e la mia grande popolarità in Italia è in gran parte dovuta a lui.[7] »

Nel 2008 vince il Delfino d'oro alla carriera (Festival nazionale adriatica cabaret).

A Chieti, il 10 maggio 2009, ha ricevuto il premio "Sorriso d'Oro" alla memoria.

Nel febbraio 2016 gli è stato dedicato un viale a Roma, all'interno di Villa Borghese[8].

Personaggi imitati o parodiati[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva Rai[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Animazione[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— Roma, 27 dicembre 1991[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Parlato, PAZZAGLI, Maria Giovanna, su Treccani.it, Dizionario Biografico degli Italiani, 2016.
  2. ^ Mazzabubù, 1º gennaio 2000. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  3. ^ Dove sta Zazà, 1º gennaio 2000. URL consultato il 22 febbraio 2016.
  4. ^ Il Palmarès 2004, su www.leggiodoro.it. URL consultato il 15 aprile 2015.
  5. ^ La notizia della morte su Repubblica.it
  6. ^ Un lungo omaggio del Chicago Tribune all'Attore
  7. ^ La dichiarazione di Allen su Ansa.it
  8. ^ Una via per Oreste Lionello
  9. ^ http://www.quirinale.it/elementi/DettaglioOnorificenze.aspx?decorato=207980

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Jelardi, Giuseppe Farruggio, Vittoria Ottolenghi, In scena en travesti - il travestitismo nello spettacolo italiano, Croce, Roma 2009.
  • Antonio Sciotti, Enciclopedia del Festival della Canzone Napoletana 1952-1981, ed. Luca Torre, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN87284039 · SBN: IT\ICCU\RAVV\308411 · GND: (DE1104740567