Danton (film 1983)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Danton
Danton (Andrzej Wajda).PNG
Depardieu in una scena del film
Titolo originaleDanton
Paese di produzioneFrancia
Anno1983
Durata136 min
Rapporto1.66
Generedrammatico, storico
RegiaAndrzej Wajda
SceneggiaturaJean-Claude Carrière, Jacek Gasiorowski
Casa di produzioneGaumont International, Les Films du Losange, P.P. Film Polski, Production Group X, TF1 Films Production
FotografiaIgor Luther
MontaggioHalina Prugar-Ketling
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Danton è un film del 1983, diretto dal regista polacco Andrzej Wajda. Ispirato al dramma storico L'affare Danton (1929), opera della polacca Stanisława Przybyszewska, il film racconta le ultime settimane di Georges Jacques Danton, uno dei protagonisti della Rivoluzione francese, dalla fine di marzo al 5 aprile 1794, quando venne giustiziato con la ghigliottina.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Danton torna a Parigi dopo un breve periodo passato nella natale Arcis-sur-Aube. Deciso a lottare contro la violenza del Terrore, non riuscirà però a convincere Robespierre che la pace, il benessere e la tranquillità sono tutto quello che il popolo desidera. Per essersi opposto alle istituzioni rivoluzionarie ed al Comitato di salute pubblica, finirà condannato alla ghigliottina dopo un processo politico.

La narrazione quindi si svolge seguendo un doppio binario: da una parte mostrare la dimensione utopistica, illuminista e giusnaturalistica del giacobinismo iniziale e dei moti rivoluzionari; e dall'altra - attraverso i personaggi chiave, come quello di Robespierre - sottolinearne l'involuzione dittatoriale, antidemocratica. La rivoluzione diviene quindi da strumento per l'emancipazione a retorica di un potere dispotico. L'ultima scena, quella del bambino che recita a memoria la dichiarazione dei diritti dell'uomo, è evocativa in tal senso.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema