La voce della Luna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
La voce della Luna
Paolo Villaggio e Roberto Benigni in una scena del film
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1990
Durata120 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, fantastico, grottesco
RegiaFederico Fellini
SoggettoFederico Fellini, tratto da Il poema dei lunatici di Ermanno Cavazzoni
SceneggiaturaFederico Fellini, Ermanno Cavazzoni, Tullio Pinelli
ProduttoreMario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori
Produttore esecutivoBruno Altissimi, Claudio Saraceni
Distribuzione in italianoPenta Film
FotografiaTonino Delli Colli
MontaggioNino Baragli
MusicheNicola Piovani
ScenografiaDante Ferretti, Francesca Lo Schiavo
CostumiMaurizio Millenotti
TruccoMassimo De Rossi, Federico Laurenti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La voce della Luna è un film del 1990 co-scritto e diretto da Federico Fellini, e interpretato da Roberto Benigni e Paolo Villaggio.

La pellicola, ultima regia di Fellini, è ispirata al romanzo Il poema dei lunatici (1987) di Ermanno Cavazzoni.

Federico Fellini assieme a Paolo Villaggio e Roberto Benigni

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella nebbiosa bassa bolognese, il poetico e malinconico Ivo Salvini girovaga nelle campagne, seguendo delle voci provenienti dai pozzi, alla ricerca della donna ideale che assomigli al suo unico e vero amore, la luna. Al paese, invaghito della giovane Aldina, la spia dalla finestra e la ragazza gli lancia addosso una scarpa che Ivo porterà con sé nelle sue peregrinazioni notturne.

Durante la festa della Gnoccata, Ivo rovescia un piatto di gnocchi in testa ad un corteggiatore di Aldina e, inseguito dai compaesani, fugge nelle campagne ed incontra il paranoico prefetto Gonnella, che vede complotti ovunque, e conduce Ivo ad un rave dove il prefetto sospetta si stia organizzando una cospirazione nei propri confronti. Ivo prova la scarpa di Aldina a tutte le ragazze, concludendo che "sono tutte Aldina". Alla fine della serata, la sorella del ragazzo e il marito lo trovano e lo riportano a casa. Più tardi, i paesani catturano una fetta della luna e organizzano per l'occasione una festa con annessa tavola rotonda televisiva. Nel finale, Ivo sollecita il silenzio degli umani per udire la voce della luna.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne girato dal 22 febbraio al 15 giugno 1989.

La fabbrica abbandonata è oggi il multisala "Cineland" a Ostia mentre il paesino è un set ricostruito presso gli ex Stabilimenti Cinematografici Pontini di Castel Romano al km 23,650 della Via Pontina[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

È stato presentato fuori concorso al 43º Festival di Cannes.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Manifesti e locandine[modifica | modifica wikitesto]

La realizzazione dei manifesti e delle locandine del film fu affidata al disegnatore Milo Manara, amico e collaboratore di Fellini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LA VOCE DELLA LUNA (1990), su www.davinotti.com. URL consultato il 3 marzo 2023.
  2. ^ (EN) Official Selection 1990, su festival-cannes.fr. URL consultato il 27 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  3. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12/04/20.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Cristina Degli-Esposti, Voicing the Silence in Federico Fellini's "La voce della luna", Cinema Journal Volume 33, nº 2, Winter, 1994.
  • (EN) Millicent Joy Marcus, Fellini's La Voce Della Luna: Resisting Postmodernism, In: Filmmaking by the Book: Italian Cinema and literary Adaptation Baltimore: Johns Hopkins University Press, 1993.
  • (EN) Millicent J. Marcus, Miss Mondina, Miss Sirena, Miss Farina: The Feminized Body-Politic from "Bitter Rice" to "La voce della luna", RLA: Romance Languages Annual, Volume 4, 1992, p. 296-300.
  • (EN) Aine O'Healy, Interview with the Vamp: Deconstructing Femininity in Fellini's Final Films, (Intervista, La voce della luna) In: Federico Fellini: contemporary perspectives a cura di Frank Burke e Marguerite R. Waller, Toronto: University of Toronto Press, 2002, p. 209-32.
  • Lietta Tornabuoni, Federico Fellini. La voce della luna, La Nuova Italia, 1990, ISBS 9788822108807
  • Massimo Zambelli, Campane nel pozzo: La voce della luna: il testamento spirituale di Federico Fellini, Rimini: Il cerchio, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN213391134 · LCCN (ENn91037607 · J9U (ENHE987012623177105171
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema