Castel Romano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il comune della provincia di Roma, vedi Castel San Pietro Romano.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Isernia, vedi Castelromano.
Castel Romano
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma IX
Data istituzione29-30 luglio 1977[1]
Codice12M
Superficie11,25 km²
Abitanti286 ab.[2] (2016)
Densità25,42 ab./km²

Coordinate: 41°43′03.06″N 12°26′49.8″E / 41.717518°N 12.447166°E41.717518; 12.447166

Castel Romano è la zona urbanistica 12M del Municipio Roma IX (ex Municipio Roma XII) di Roma Capitale. Si estende sulla zona Z. XXIX Castel Porziano.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio della zona ha una forma trapezoide ed è incuneato fra via Pontina e via di Pratica, chiuso a sud da via Campo Ascolano, a partire dalla rotonda con via di Pratica verso est a continuare, in linea d'aria, fino a via Pontina.

La zona urbanistica confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'antico feudo di Castel Romano prende il nome dalla famiglia Romani di Trastevere, che ne fu, inizialmente, proprietaria. Successivamente fu proprietà anche dei Colonna. Nel corso del XVII secolo appartenne ai Sacchetti con titolo di marchesato. Acquistato dal cardinale Giulio Alberoni, nel 1731 avviò la bonifica del territorio intorno, la costruzione di un grandioso palazzo e di una chiesa, dedicata a Santa Maria Assunta.

Nel 1896, Propaganda Fide restaurò i danni del terremoto del 23 febbraio 1890 che aveva colpito Roma e prese in gestione il castello, divenendone l'attuale proprietaria.

Durante la seconda guerra mondiale i locali del castello vennero utilizzati come infermeria dai tedeschi.

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1952 venne istituita la Zona industriale Pontina quindi, dal 1960, si insediarono alcuni complessi industriali, tra i quali: il Centro Sperimentale Metallurgico di fama europea, la Urmet Sud, poi Urmet Sistemi ora Urmet TLC; la Dinocittà - Studios creati negli anni '60 dal produttore cinematografico Dino De Laurentis, su un'area di oltre 800.000 m², in cui sono stati girati blockbuster internazionali, tra cui, Barabba di Fleischer, Waterloo di Bondarchuck, La bisbetica domata di Zeffirelli, La voce della luna di Fellini, poi utilizzati anche per produzioni TV - rilevata in seguito dalla Cosmos Cinematografica; il Consorzio Alimentare "La Capitale"; la Bridgestone e, dall'ottobre 2003, l'outlet McArthur Glen. Il 24 luglio 2014 apre il Parco Tematico Cinecittà World, dedicato al mondo del cinema e disegnato dallo scenografo Dante Ferretti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera consiliare n. 2983 del 29-30 luglio 1977.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per zone urbanistiche.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma