Melina Martello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maria Angela Amelia Martello, detta Melina (Milano, 16 aprile 1941), è una doppiatrice e direttrice del doppiaggio italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Melina Martello è ricordata soprattutto per aver prestato la voce ad attrici del calibro di Diane Keaton, Kathleen Turner (tra i tanti La guerra dei Roses e La signora ammazzatutti) e Mia Farrow (in tutti i film con Woody Allen). Sul piccolo schermo doppia Elizabeth Montgomery (nel ruolo di Samantha Stephens) nel celebre telefilm Vita da strega, Cybill Shepherd nel ruolo di Maddie Hayes in Moonlighting e Catherine Hicks nel ruolo di Annie Camden in Settimo cielo. Attiva anche nel cinema d'animazione, presta la sua voce ai personaggi Disney di Duchessa ne Gli Aristogatti, Bianca in Le avventure di Bianca e Bernie, Lady Tremaine (matrigna di Cenerentola) in Cenerentola - Il gioco del destino e Biancaneve nel ridoppiaggio dell'omonimo film realizzato nel 1972, mentre per la Dreamworks doppia la Signora Tweedy in Galline in fuga.

Tra le sue esperienze più durature e ancora in corso si ricorda la direzione del doppiaggio nella soap opera Beautiful e il doppiaggio nella stessa di Lesley-Anne Down. Tra le altre attrici doppiate Blythe Danner, Charlotte Rampling, Romy Schneider, Jacqueline Bisset, Goldie Hawn, Miranda Richardson, Judy Davis, Susan Sarandon, Glenn Close nella serie televisiva Damages, Lena Olin nella serie Alias, e Susan Lucci in Devious Maids - Panni sporchi a Beverly Hills, di cui è anche direttrice del doppiaggio. È socia in esclusiva con la CVD in qualità di attrice e direttrice di doppiaggio. Nel luglio 2004 ha vinto il premio "Leggio d'oro miglior interpretazione femminile dell'anno" per il doppiaggio di Diane Keaton in Tutto può succedere - Something's Gotta Give[1].

Nipote del doppiatore Mario Feliciani.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SPECIALE LEGGIO D'ORO 2004, su www.antoniogenna.net. URL consultato il 15 aprile 2015.
  2. ^ Heidi, Il mondo dei doppiatori. URL consultato il 5 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]