Lin Shaye

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lin Shaye nel 2017

Linda "Lin" Shaye (Detroit, 12 ottobre 1943) è un'attrice statunitense.

È universalmente riconosciuta come una regina dell'urlo (scream queen), per via delle sue variegate e numerose apparizioni in pellicole di genere horror di successo, tra cui Nightmare - Dal profondo della notte, Critters, gli extraroditori, Nightmare - Nuovo incubo, Abattoir, Ouija, Grace - Posseduta e Tales of Halloween.

Il ruolo che l'ha resa principalmente nota è quello della medium Elise Rainier nella saga di Insidious. Grazie alla sua interpretazione, ha ricevuto una candidatura ai Saturn Award.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Detroit, figlia di una casalinga, e di un proprietario di un supermercato e di una galleria d'arte. Suo fratello Robert, è anche un noto attore. Di famiglia ebrea, studia recitazione presso l'Università del Michigan prima di trasferirsi a New York come comparsa nello spettacolo teatrale, Off Broadway. Nel 1977 si trasferisce a Los Angeles per proseguire nella sua carriera di attrice.

Nel 1975 debutta in un ruolo marginale nel film, Hester Street , seguito da altri piccoli ruoli in diversi film e show televisivi. Nel 1978, appare nel film di Jack Nicholson Verso il sud. Nel 1984 interpreta il ruolo da insegnante nel film Nightmare dal profondo della notte. Nel film del fratelli Farrelly, Scemo & più scemo, ricopre il ruolo della signora Nuegeboren.

Da allora la sua maturazione professionale come attrice la rende disponibile ad apparire in ruoli di carattere, molti dei quali grazie al fratello, Robert Shaye, cofondatore ed ex amministratore della New Line Cinema. Nel 1996, nella commedia Kingpin, interpreta la parte di una padrona di casa ripugnante, e ha un ruolo anche in Tutti pazzi per Mary. Ha preso parte anche al film Detroit Rock City, dove interpreta il ruolo di una madre che conduceva una guerra personale contro la band dei Kiss.

È apparsa in quattro film del regista Walter Hill: The Long Riders [198]), Chi più spende... più guadagna! (1985), Ricercati: ufficialmente morti (1987) e Ancora vivo (1996).

Nel 2005 appare nel film 2001 Maniacs e nel sequel, 2001 Maniacs: Field of Screams, nella parte di Granny Boone. Nel 2006 ha un ruolo nel thriller Snakes on a Plane.

Nel 2011 appare nei film horror Insidious e, nel 2013, nel suo sequel, Oltre i confini del male: Insidious 2, in entrambi nei panni di Elise Rainier. Tutte e due le pellicole riscuotono un ottimo successo al box office internazionale e vengono apprezzati dalla critica. Lin riceve, per questa interpretazione, una candidatura ai Saturn Awards.

Nel 2014 è apparsa nel terzo film della saga Insidious 3 - L'inizio. Anche questa volta, la sua performance è stata acclamata tanto che il The Oakland Post Online l'ha così recensita: «Shaye è in grado di dare al film la maggior parte del suo cuore. Molte delle scene horror si affidano a lei per essere sia la voce calmante che l'eroina cazzuta, e Shaye svolge entrambe le funzioni perfettamente. Insidious 3 si sarebbe potuto rivelare un disastro, ma grazie ad alcuni momenti davvero spaventosi e per la sua interpretazione veterana, il film è in grado di essere per lo più piacevole.»

Nel 2018 ricopre ancora i panni di Elise Rainier nel quarto capitolo della saga Insidious - L'ultima chiave diretto da Adam Robitel.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Shaye si è sposata due volte. Il suo primo marito muore nel 1968, mentre nel 1988 sposa l'attore Clayton Landey, con il quale è apparsa nel 2002 nel film, Wish You Were Dead. La coppia, prima di divorziare nel 2003, ebbe un figlio di nome Lee J. Landey.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Lin Shaye è stata doppiata da:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87582661 · ISNI (EN0000 0001 1952 3352 · LCCN (ENno2010090778 · GND (DE1012004228 · BNF (FRcb155910611 (data) · BNE (ESXX1791989 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2010090778