Alla ricerca di Dory

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alla ricerca di Dory
Finding Dory.svg
Logo originale del film
Titolo originaleFinding Dory
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2016
Durata97 min
RapportoWidescreen
Genereanimazione, avventura, commedia
RegiaAndrew Stanton, Angus MacLane (co-regia)
SoggettoAndrew Stanton
SceneggiaturaAndrew Stanton, Victoria Strouse
ProduttoreLindsey Collins
Produttore esecutivoJohn Lasseter
Casa di produzionePixar Animation Studios, Walt Disney Pictures
Distribuzione in italianoWalt Disney Studios Motion Pictures
FotografiaJeremy Lasky, Ian Megibben
MontaggioAxel Geddes
Effetti specialiChris J. Chapman
MusicheThomas Newman
Art directorDon Shank
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Alla ricerca di Dory (Finding Dory) è un film d'animazione statunitense del 2016 diretto da Andrew Stanton e co-diretto da Angus MacLane.

Si tratta del 17º lungometraggio Pixar e sequel/spin-off[1] di Alla ricerca di Nemo del 2003 (diretto dallo stesso Stanton).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dory e Nemo in una scena

Dory è una piccola Pesce chirurgo che, un giorno, si ritrova misteriosamente separata dai suoi genitori. Passa la sua vita a cercarli, finché non incontra Marlin e parte con lui a cercare suo figlio Nemo.

Un anno dopo il salvataggio di Nemo, Marlin, Nemo e Dory vivono nella barriera corallina. Tuttavia, Dory inizia ad avere visioni frammentarie della propria vita prima di incontrare Marlin e Nemo, in particolare sui suoi genitori. Dopo aver sentito una lezione di Mr. Ray, l'insegnante di Nemo, sulla migrazione, in cui viene spiegato che gli animali marini usano l'istinto per tornare a casa, i ricordi di Dory vengono innescati e lei sente il bisogno improvviso di trovare i suoi genitori, Jenny e Charlie, dei quali l'unica cosa che ricorda con certezza è che vivono in un luogo chiamato "Gioiello di Morro Bay, California". Marlin, ancorché riluttante, accetta di accompagnare Dory. Con l'aiuto di Scorza, Dory, Marlin e Nemo cavalcano la corrente oceanica fino in California. Dory poi vaga vicino a un relitto, dove i tre devono sfuggire a un calamaro gigante, che rischia di uccidere Nemo. Marlin incolpa Dory di aver messo in pericolo Nemo: ferita, Dory sale in superficie e viene pescata dai volontari del Marine Life Institute, conosciuto proprio con il soprannome di "Gioiello di Morro Bay".

Dory viene mandata alla sezione quarantena dell'istituto, dove incontra un polpo di nome Hank. Questi desidera la targhetta di Dory, dato che gli animali marcati con la targhetta vengono poi trasferiti in un acquario permanente a Cleveland anziché tornare in libertà. Hank, a causa di un'esperienza traumatica, ha paura dell'oceano e preferirebbe vivere in cattività per sempre, quindi stringe un patto con Dory: la aiuterà a trovare i suoi genitori in cambio della sua targhetta. Grazie a vari indizi e alcuni flashback, Dory deduce di essere nata nella sezione dell'istituto chiamata Alto Mare, quindi tenta di andarci per trovare i genitori. Lungo la strada viene aiutata dalla sua amica d'infanzia Destiny, uno squalo balena, e da Bailey, un beluga che crede di aver perso la sua abilità di ecolocalizzazione a seguito di una testata. Dopo aver lasciato la sua vecchia casa nell'espositore dell'Oceano Aperto, Dory scopre che tutti i pesci chirurgo della sua specie vengono trasferiti a Cleveland, quindi i suoi genitori dovrebbero essere tornati alla quarantena. Nel frattempo, Marlin e Nemo tentano di salvare Dory e vengono aiutati da un paio di leoni marini, Fluke e Rudder, che li presentano a un'amichevole ma imbranata strolaga di nome Becky, che li fa entrare nell'Istituto tramite un secchio. Marlin e Nemo passano per vari espositori prima di ritrovare Dory nel labirintico sistema di tubi dell'Istituto.

Riuniti, i tre vanno nel reparto quarantena, dove trovano il serbatoio che contiene gli altri pesci chirurgo, i quali spiegano che Dory da giovane venne risucchiata dal sistema di tubi dell'istituto; i suoi genitori andarono alla quarantena per cercarla ma non tornarono mai, quindi deduce che siano morti. Mentre Dory è sotto shock, Hank tenta di far uscire lei, Marlin e Nemo, ma riesce a recuperare solo Dory. Marlin e Nemo finiscono nel serbatoio dei pesci chirurgo, che viene caricato nel camion diretto a Cleveland. Nella fretta di scappare, Hank rischia di essere catturato da un dipendente dell'istituto e accidentalmente fa cadere Dory in una fogna, lasciandola di nuovo sola nell'oceano. Avendo dimenticato perché si trovi nell'oceano, Dory nuota senza meta finché s'imbatte in una scia di conchiglie. Ricordando che i suoi genitori le dissero di seguire le conchiglie per tornare a casa qualora si fosse persa, Dory segue la scia e alla fine trova proprio loro, Charlie e Jenny. Essi rivelano che quando non avevano trovato Dory in quarantena avevano pensato che fosse scappata nell'oceano, così erano scappati dall'Istituto e per anni avevano lasciato scie di conchiglie nella speranza che Dory le trovasse e le seguisse fino ad arrivare a casa. Felice di aver ritrovato la sua famiglia, Dory ricorda che deve salvare Marlin e Nemo.

Destiny e Bailey scappano dai loro espositori per aiutare Dory a intercettare il camion. I tre riescono a fermarlo temporaneamente chiedendo alle lontre di andare in autostrada e distrarre il traffico. Destiny poi lancia Dory nel cielo e le lontre la prendono e la portano al camion. Una volta dentro, Dory tenta di aiutare Marlin e Nemo a scappare, ma viene accidentalmente lasciata indietro. Con la porta del camion chiusa, Dory convince Hank che vivere in libertà non è così male, e questi acconsente ad aiutarla a scappare di nuovo. Lavorando insieme dirottano il camion e lo fanno finire nell'oceano, liberando i pesci all'interno. Riuniti, Dory, i suoi genitori, Hank, Destiny e Bailey tornano con Marlin e Nemo per vivere una nuova vita nella Grande Barriera Corallina.

In una scena dopo i titoli di coda, i pesci dell'acquario del dentista, visti nel film precedente e ancora intrappolati nei sacchetti di plastica, riescono ad arrivare in California, dove vengono "salvati" dai volontari del Marine Life Institute.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Dory: un pesce chirurgo femmina estroversa e vivace, soffre di perdita di memoria a breve termine.
  • Nemo: un pesce pagliaccio figlio di Marlin, è un pesciolino dolce, simpatico e intelligente.
  • Marlin: il padre di Nemo, molto protettivo con suo figlio, infatti appena intrapreso il viaggio con Dory si sente in pericolo ricordando quanto accaduto al figlio un anno prima.
  • Charlie e Jenny: i genitori di Dory, hanno aspettato da sempre il momento in cui sarebbe tornata da loro.
  • Hank: un polpo che vorrebbe vivere la sua vita in cattività, dopo che gli hanno staccato un tentacolo.
  • Destiny: uno squalo balena miope che vive al parco acquatico. Era l'amica d'infanzia di Dory con cui giocava attraverso i tubi.
  • Bailey: un beluga che vive accanto a Destiny e cerca di aiutarla a non sbattere contro i muri.
  • Fluke e Rudder: due leoni marini che passano la propria giornata distesi a dormire su uno scoglio.
  • Becky: una strolaga sciocca e distratta, che aiuterà Marlin e Nemo a raggiungere Dory.
  • Scorza: una tartaruga marina che ha trasportato attraverso la corrente Marlin, Nemo e Dory in California.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Un sequel di Alla ricerca di Nemo era già stato pianificato nel 2005, attraverso lo studio Circle 7, ma a causa dell'acquisizione della Pixar da parte della The Walt Disney Company nel 2006, il progetto è stato abbandonato e il Circle 7 è stato chiuso.[2] L'idea di un sequel/spin-off incentrato su Dory era venuta in mente ad Andrew Stanton dopo l'uscita della versione 3D de Alla ricerca di Nemo nel 2010, come da lui stesso dichiarato.[3]

Nel 2013 è stato confermato che Andrew Stanton stava lavorando al sequel del film insieme a Victoria Strouse (co-sceneggiatrice), Bob Peterson (sceneggiatore del primo film) e con il co-regista Angus MacLane. La Disney dichiarò che l'uscita nelle sale era prevista per novembre 2015,[4] ma dopo alcuni ritardi è stata spostata all'anno successivo, invertendo la data d'uscita con Il viaggio di Arlo, altra pellicola Pixar, diretta da Peter Sohn.[5] Albert Brooks ed Ellen DeGeneres sono stati confermati come membri del cast, mentre è stato reso noto che l'attore che aveva prestato la voce a Nemo nel primo film, Alexander Gould, sarebbe stata sostituito da Hayden Rolence, con Gould che ha prestato la voce a un personaggio secondario del film.[6]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito negli Stati Uniti il 17 giugno 2016, mentre in Italia è uscito nei cinema il 15 settembre.[7] La pellicola è disponibile sulla piattaforma streaming Disney+.[8]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il doppiaggio italiano del film è stato effettuato presso la Dubbing Brothers Int. Italia e curato da Carlo Valli.[9]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Alla ricerca di Dory ha incassato 486295561 $ nel Nord America e 542275381 $ nel resto del mondo, per un totale di 1028570942 $, a fronte di un budget di produzione di 200 milioni di dollari.[10]

Si tratta del terzo maggiore incasso mondiale del 2016[11] e il secondo maggiore incasso nel Nord America del 2016.[12] Inoltre rientra nella classifica dei 50 film con maggior incasso nella storia del cinema.

Nord America[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha debuttato al primo posto al box-office nordamericano, incassando circa 135,1 milioni di dollari nelle 4.305 sale in cui è stato distribuito, stabilendo il nuovo record per il film d'animazione con il maggiore incasso di sempre nel week-end d'esordio,[13] venendo poi battuto nel 2018 da Gli Incredibili 2.[14]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto positivamente dalla critica; su Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento del 94% basato su 331 recensioni, con un voto medio di 7,7 su 10,[15] mentre su Metacritic ha un punteggio di 77 su 100 basato su 48 recensioni.[16]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La doppia denominazione nasce dal fatto che viene considerato sequel perché narra fatti successivi al primo film e spin-off perché incentrato su Dory e non più su Nemo.
  2. ^ (EN) Behind The Scenes at Circle 7, the Short-Lived Studio Created to Sequelize Pixar, su /Film, 6 marzo 2012. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Director Andrew Stanton Brings Dory Back, su D23, 17 giugno 2016. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  4. ^ Pixar's 'Finding Nemo' Sequel Titled 'Finding Dory,' Set for 2015, su Hollywood Reporter. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  5. ^ (EN) Pixar Skips 2014 as 'The Good Dinosaur' Shifts to 2015 and 'Finding Dory' to 2016, su /Film, 18 settembre 2013. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  6. ^ (EN) Finding Nemo star loses his character's voice, in BBC News, 27 marzo 2013. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  7. ^ Alla ricerca di Dory, su Movieplayer.it. URL consultato il 27 dicembre 2020.
  8. ^ Tutto ciò che devi sapere su Disney+, su Disney Italia. URL consultato il 2 gennaio 2021.
  9. ^ Alla ricerca di Dory, antoniogenna.net. URL consultato il 13 gennaio 2021.
  10. ^ (EN) Alla ricerca di Dory, su Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 28 gennaio 2021. Modifica su Wikidata
  11. ^ (EN) 2016 WORLDWIDE GROSSES, su Box Office Mojo. URL consultato il 6 marzo 2018.
  12. ^ (EN) 2016 DOMESTIC GROSSES, su Box Office Mojo. URL consultato il 6 marzo 2018.
  13. ^ Sara Carrapetta, Alla Ricerca di Dory: opening week-end da record per il film della Pixar! [collegamento interrotto], su La Gazzetta Disney, 19 giugno 2016. URL consultato il 6 agosto 2016.
  14. ^ Andrea Francesco Berni, Box-Office USA: Gli Incredibili 2, weekend da record con 180 milioni!, badtaste.it, 18 giugno 2018. URL consultato il 5 luglio 2018.
  15. ^ (EN) Alla ricerca di Dory, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 31 dicembre 2020. Modifica su Wikidata
  16. ^ (EN) Alla ricerca di Dory, su Metacritic, CBS Interactive Inc. URL consultato il 31 dicembre 2020. Modifica su Wikidata
  17. ^ (EN) BAFTAs 2017: the nominations in full, su British Film Institute, 10 gennaio 2017. URL consultato il 9 febbraio 2020.
  18. ^ (EN) John Nugent, Three Empire Awards 2017: Rogue One, Tom Hiddleston And Patrick Stewart Win Big, su Empire, 19 marzo 2017. URL consultato il 9 febbraio 2020.
  19. ^ (EN) Dino-Ray Ramos, Teen Choice Awards 2017 Winners: 'Wonder Woman', 'Beauty And The Beast', 'Riverdale' Top List, Miley Cyrus No-Show, Deadline Hollywood, 13 agosto 2017. URL consultato il 9 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]