Gerolamo Alchieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gerolamo Alchieri (Genova, 13 settembre 1954) è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essersi trasferito negli Stati Uniti d'America dove frequenta la Drama Department alla Memorial High School di Joplin (Missouri), segue i corsi della scuola del Teatro Stabile di Genova dove in seguito avrà occasione di lavorare, tra gli altri, con Luca Ronconi e Marco Sciaccaluga.

Approdato a Roma, per undici anni è socio della Cooperativa attori e tecnici e partecipa a tutti gli spettacoli della Compagnia diretti da Attilio Corsini, come I due sergenti, La nonna e Rumori fuori scena di Michael Frayn.

Il lavoro in teatro continua con numerosi spettacoli: Rumors con Giuseppe Pambieri e Lia Tanzi, A Chorus Line – da lui tradotto – con La Rancia, Il giardino dei ciliegi e La dodicesima notte, per la regia di Riccardo Cavallo, Con le pietre in tasca – sempre tradotto da lui – diretto da Francesca Draghetti.[1] Dal 1992 il lavoro teatrale viene affiancato dall'impegno come doppiatore, con qualche incursione come attore in fiction televisive (Incantesimo, La squadra, Carabinieri III) e una sporadica attività di autore e traduttore. Alchieri ha partecipato al doppiaggio inglese (diretto da Francesco Vairano) del film Pinocchio (2019) di Matteo Garrone, doppiando il personaggio di Mastro Ciliegia, interpretato da Paolo Graziosi[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Serie televisive[modifica | modifica wikitesto]

Serie animate[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lavora con Roberto Stocchi. Si veda La Repubblica — 22 luglio 2001 pagina 7
  2. ^ https://i.imgur.com/cyDSWZb.png
  3. ^ AntonioGenna.net presenta IL MONDO DEI DOPPIATORI - EXTRA: VIDEOGAMES "Alla ricerca di Nemo", su antoniogenna.net. URL consultato l'8 maggio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90101922 · ISNI (EN0000 0004 1967 7521 · SBN IT\ICCU\BVEV\075292 · WorldCat Identities (ENviaf-90101922