Saturn Awards 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La 43ª edizione dei Saturn Awards si è svolta il 28 giugno 2017 a Burbank in California. Le candidature sono state annunciate il 2 marzo 2017.[1][2]

La cerimonia è stata presentata da Sean Gunn.

Indice

Candidati e vincitori[modifica | modifica wikitesto]

I vincitori sono indicati in grassetto, a seguire gli altri candidati.[3][4]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film di fantascienza[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film fantasy[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film horror[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film thriller[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film d'azione/avventura[modifica | modifica wikitesto]

Miglior trasposizione da fumetto a film[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice non protagonista[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore emergente[modifica | modifica wikitesto]

Miglior regia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Miglior montaggio[modifica | modifica wikitesto]

Miglior scenografia[modifica | modifica wikitesto]

Miglior colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Miglior costumi[modifica | modifica wikitesto]

Miglior trucco[modifica | modifica wikitesto]

Migliori effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film indipendente[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Miglior film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie televisiva di fantascienza[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie televisiva fantasy[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie televisiva horror[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie televisiva d'azione/thriller[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie televisiva di supereroi[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie televisiva new media[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore in una serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice in una serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attore non protagonista in una serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Miglior attrice non protagonista in una serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Miglior guest star in una serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Miglior giovane attore in una serie televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Miglior presentazione in televisione[modifica | modifica wikitesto]

Miglior serie o film TV animato[modifica | modifica wikitesto]

Home video[modifica | modifica wikitesto]

Miglior DVD/Blu-ray (film)[modifica | modifica wikitesto]

Miglior DVD/Blu-ray (serie TV)[modifica | modifica wikitesto]

Miglior edizione speciale DVD/Blu-ray[modifica | modifica wikitesto]

Miglior edizione DVD/Blu-ray di un film classico[modifica | modifica wikitesto]

Miglior collezione DVD/Blu-ray[modifica | modifica wikitesto]

  • Frankenstein: Complete Legacy Collection
  • Buster Keaton Shorts 1917–23
  • Herschell Gordon Lewis Feast
  • Marx Brothers Silver Screen Collection
  • Pioneers of African American Cinema
  • The Wolf Man: Complete Legacy Collection

Premi speciali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Saturn Awards 2017: le nomination sono guidate da TWD e Rogue One, in MondoFox, 3 marzo 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  2. ^ Antonio Bracco, Le nomination dei Saturn Awards: Rogue One in testa con 11 candidature, in ComingSoon.it, 8 marzo 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  3. ^ Verdiana Paolucci, Saturn Awards 2017, da The Walking Dead a Stranger Things: lista completa dei vincitori, in Optimagazine, 29 giugno 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) Daniel Montgomery, Saturn Awards 2017: Full list of winners led by ‘Rogue One,’ ‘Outlander,’ ‘The Walking Dead’, in GoldDerby, 29 giugno 2017. URL consultato il 5 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]