Daredevil (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daredevil
DaredevilLogo2Netflix.png
Logo della serie televisiva
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2015 – in produzione
Formato serie TV
Genere azione, supereroi
Stagioni 2 Modifica su Wikidata
Episodi 26 Modifica su Wikidata
Durata 48-61 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 16:9
Crediti
Ideatore Drew Goddard
Soggetto Stan Lee, Bill Everett (fumetto)
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche John Paesano
Produttore Kati Johnston
Produttore esecutivo Steven S. DeKnight (st. 1), Drew Goddard, Jeph Loeb, Joe Quesada, Jim Chory, Dan Buckley, Stan Lee, Alan Fine, Cindy Holland, Kris Henigman, Allie Goss, Peter Friedlander, Doug Petrie, Marco Ramirez
Casa di produzione Marvel Television
ABC Studios
DeKnight Productions (st. 1)
Goddard Textiles
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 10 aprile 2015
Al in corso
Distributore Netflix
Distribuzione in italiano
Dal 22 ottobre 2015
Al in corso
Distributore Netflix
Opere audiovisive correlate
Spin-off The Punisher
Altre Serie televisive del Marvel Cinematic Universe

Marvel's Daredevil, nota semplicemente come Daredevil, è una serie televisiva statunitense sviluppata per Netflix da Drew Goddard e basata sull'omonimo personaggio dei fumetti Marvel Comics. La serie è ambientata all'interno del Marvel Cinematic Universe (MCU), ed è il primo di una serie di show che conducono al crossover The Defenders. La serie è prodotta dalla Marvel Television in associazione con gli ABC Studios e Goddard Textiles e con DeKnight Productions per la prima stagione. Steven S. DeKnight è lo showrunner della prima stagione, sostituito da Doug Petrie e Marco Ramirez per la seconda stagione; Goddard ha il ruolo di consulente creativo.

Charlie Cox interpreta il protagonista Matt Murdock, un avvocato che di notte combatte il crimine nei panni di Daredevil. Il cast principale comprende inoltre Deborah Ann Woll, Elden Henson e Rosario Dawson, Toby Leonard Moore, Vondie Curtis-Hall, Bob Gunton, Ayelet Zurer e Vincent D'Onofrio nella prima stagione e Jon Bernthal, Élodie Yung e Stephen Rider nella seconda. La serie è girata a New York.

La prima stagione di Daredevil è stata distribuita il 10 aprile 2015. Il 21 aprile 2015 Marvel e Netflix hanno rinnovato la serie per una seconda stagione, che è stata distribuita il 18 marzo 2016. Nel luglio 2016 la serie è stata rinnovata per una terza stagione. Una serie spin-off, The Punisher, è stata ordinata nell'aprile 2016.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Hell's Kitchen. L'avvocato Matt Murdock, dopo aver perso la vista da bambino a causa di un incidente radioattivo, sviluppa dei sensi sovrumani e li utilizza per combattere il crimine per le strade della sua città nei panni del supereroe Daredevil. Nella prima stagione Matt affronta il potente signore del crimine Wilson Fisk, alias Kingpin, impegnato nella sua opera di riqualificazione del quartiere in combutta con vari esponenti della malavita della città.[1] Nella seconda stagione Matt continua a cercare di gestire la sua doppia vita come avvocato e supereroe; il suo cammino lo porta ad incrociarsi con il violento e spietato vigilante Frank Castle, alias The Punisher,[2] e con la sua vecchia fiamma Elektra, assieme alla quale affronta un'antica e potente setta ninja, la Mano.[3]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 13 2015 2015
Seconda stagione 13 2016 2016

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Daredevil.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 ottobre 2012 i diritti cinematografici di Devil passarono dalla 20th Century Fox ai Marvel Studios, permettendo così al personaggio di essere usato all'interno del Marvel Cinematic Universe.[4] Nell'ottobre 2013 Deadline rivelò che la Marvel era al lavoro su quattro serie televisive e una miniserie (per un totale di 60 episodi) da realizzare con un servizio di video on demand o un fornitore di prodotti via cavo, con Netflix, Amazon e WGN America interessati al progetto.[5] Alcune settimane dopo, la Marvel e la Disney annunciarono di aver concluso un accordo con Netflix per trasmettere delle serie televisive su Daredevil, Jessica Jones, Pugno d'acciaio e Luke Cage e una miniserie sui Difensori.[6]

Drew Goddard venne assunto come produttore esecutivo e showrunner di Daredevil e per scrivere e dirigere il primo episodio.[7] Nel maggio 2014 Goddard lasciò il suo ruolo di showrunner per concentrarsi sulla regia di Sinister Six per la Sony. Al suo posto venne chiamato Steven S. DeKnight. Goddard, che ha scritto anche i primi due episodi, è rimasto come consulente e produttore esecutivo.[8] Il titolo ufficiale della serie sarà Marvel's Daredevil e sarà composta da 13 episodi di un'ora.[9]

A una domanda riguardo al futuro della serie dopo la prima stagione, DeKnight ha affermato: "Non ne ho proprio idea. È complicato per il fatto che [Daredevil] è parte di un piano più grande - Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist e e The Defenders. Come tutto questo verrà incastrato, e se ci sarà o meno una seconda stagione di questo show, o se confluirà nelle altre serie, sono domande alle quali nessuno può ancora rispondere con certezza... posso dire che abbiamo parlato di alcune cose interessanti per la seconda stagione, ma non posso dire di più. È qualcosa a cui sarebbe fantastico lavorare".[10] Nel novembre 2014, DeKnight disse che "ci saranno probabilmente" più stagioni di Daredevil.[11]

Nell'aprile 2015 Netflix ha rinnovato la serie per una seconda stagione, distribuita nel 2016; Doug Petrie e Marco Ramirez sostituiscono DeKnight come showrunner e produttori esecutivi.[12] Nel luglio 2016 la serie è stata rinnovata per una terza stagione, con Petrie e Ramirez confermati come showrunner.[13]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre 2014, DeKnight, parlando della libertà della serie nell'usare il personaggio, disse che, nonostante la libertà lasciata da Netflix, ci sono delle restrizioni dovute al fatto che si tratta di una proprietà Marvel che deve esistere all'interno di un universo condiviso.[10]

Il COO di Netflix Ted Sarandos, confrontando la serie con il film del 2003, disse che la serie "non avrà paura di essere più dark. Quel che amiamo di questi personaggi è che sono molto ancorati alla Terra".[14] DeKnight ha in seguito aggiunto che la serie sarà più adulta e cruda rispetto agli altri lavori Marvel, ma che non ci saranno momenti gratuiti di violenza o nudità. "La storia non li richiede e penso che ne soffrirebbe se ci spingessimo così oltre".[15]

Nel dicembre 2014, il presidente della Marvel Television e produttore esecutivo Jeph Loeb disse che "Non ci saranno persone che volano nel cielo; non ci sono martelli magici. Abbiamo sempre visto lo show in primis come una crime-story e poi come uno show di supereroi".[16] DeKnight ha commentato che vede la serie più vicina a show come The Wire che alle classiche serie di supereroi.[15]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Charlie Cox interpreta Daredevil

Charlie Cox venne scelto come interprete di Daredevil a fine maggio 2014.[1] Il 10 giugno venne annunciato che Vincent D'Onofrio avrebbe interpretato Wilson Fisk,[17] e il 20 giugno si aggiunse al cast Rosario Dawson in un ruolo non specificato.[18] In seguito entrò nel cast Elden Henson come Foggy Nelson,[19] seguito da Deborah Ann Woll come Karen Page.[20] Il primo ottobre è stato rivelato che la Dawson avrebbe interpretato Claire Temple, personaggio basato sia sulla Claire Temple dei fumetti che sull'Infermiera di notte,[21] e venne annunciato che Ayelet Zurer avrebbe interpretato Vanessa Marianna.[21] Sulle scelte di casting DeKnight ha rivelato che "non è importante quanto gli attori assomiglino ai personaggi, ma quanto sentano vicino a loro la parte".[10]

Nella seconda stagione tornano Cox, Woll, Henson e Dawson,[22][23] ai quali si aggiungono Jon Bernthal nei panni di Frank Castle / Punisher,[22] Élodie Yung nei panni di Elektra,[24][25] e Stephen Rider nei panni di Blake Tower.[26]

Design[modifica | modifica wikitesto]

Matt Murdock all'inizio della serie indossa un costume nero (chiamato "tenuta da vigilante" dalla produzione), ispirato a quello indossato dal personaggio nella miniserie L'uomo senza paura di Frank Miller, piuttosto che al classico costume rosso con le corna. DeKnight ha spiegato che non è stato usato sin dall'inizio il costume classico per sottolineare la formazione di Matt Murdock come Daredevil, in modo che il costume si evolva insieme al personaggio.[27] Ha poi aggiunto che "alla fine indosserà il costume classico, perché non sarebbe Daredevil senza di esso. Arrivare a quella meta è parte del divertimento". La costumista Stephanie Maslansky ha spiegato che è stata una sfida riuscire a creare un costume funzionale, poiché "volevamo qualcosa che avesse un aspetto militare e funzionale, ma anche spettacolare e sexy".[28]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La serie è girata a New York, in zone della città che ricordano la vecchia Hell's Kitchen, e in teatro di posa.[9]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2014 è stato rivelato che John Paesano comporrà le musiche per la serie.[29] Il main theme è stato co-composto da Braden Kimball.[30] La colonna sonora della prima stagione è stata pubblicata su iTunes nell'aprile 2015.[30]

Tie-in[modifica | modifica wikitesto]

Daredevil è la prima delle serie ordinate da Netflix ed è seguita da Jessica Jones, Luke Cage e Iron Fist, le quali hanno portato alla miniserie The Defenders. Nel novembre 2013, il CEO della Disney Bob Iger ha rivelato che se i personaggi dovessero risultare popolari potrebbero essere portati anche sul grande schermo.[31] Nell'agosto 2014 D'Onofrio ha dichiarato che la Marvel ha "dei grossi piani in serbo" per il futuro dopo le serie tv.[32] Nel dicembre 2014 Loeb ha spiegato che "nell'universo Marvel ci sono centinaia di supereroi di ogni tipo, ma i Vendicatori sono qui per salvare il mondo, Daredevil salva il suo quartiere... [la serie] è ambientata nel Marvel Cinematic Universe. È tutto collegato. Ma ciò non vuol dire che possiamo alzare gli occhi al cielo e vedere Iron Man. È semplicemente una parte diversa di New York che ancora non abbiamo visto nei film".[15]

Nel febbraio 2015 Emma Fleisher della Marvel Television ha parlato dell'ambientazione della serie, affermando: "Siamo parte dell'universo Marvel, ma non siamo esplicitamente nel mondo di Agents of S.H.I.E.L.D.. Noi stiamo nel nostro angolo. Gli alieni sono arrivati e hanno distrutto la città, e questa è la storia della ricostruzione di Hell's Kitchen".[33] Ad aprile 2015 Cox ha affermato che un crossover con i film "è possibile". "Penso che ci sia un modo per far convergere questi mondi. Penso che il nostro show sia un tantino diverso nello stile e nel tono rispetto ai film dei Vendicatori, ma è tutto un unico universo e sento che c'è un modo per Daredevil - e Luke Cage e gli altri personaggi di strada - per far parte di quel mondo. Penso che ci debba essere un modo, e penso si tratta di trovare il giusto tono per quel film crossover". Cox ha inoltre rivelato che il suo contratto lo obbliga ad apparire nei film se la Marvel glielo chiedesse.[34]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è disponibile su Netflix in tutti i territori in cui il servizio è disponibile, anche in Ultra HD 4K.[35] Gli episodi di ogni stagione, come nel caso di altre serie originali Netflix, vengono rilasciati simultaneamente, in modo da incoraggiare il binge watching. La prima stagione è stata distribuita il 10 aprile 2015; In Italia è stata pubblicata il 22 ottobre 2015. La seconda stagione è stata pubblicata il 18 marzo 2016.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Responso della critica
Rotten Tomatoes Metacritic
1 98% (51 recensioni)[36] 75 (22 recensioni)[37]
2 75% (32 recensioni)[38] 68 (13 recensioni)[39]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione è stata acclamata dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento del 98%, con un voto medio di 8/10 basato su 31 recensioni; il commento del sito recita: "Grazie a una forte aderenza al suo materiale d'origine, alla sua produzione di qualità e a una componente drammatica non irrilevante, Daredevil eccelle come storia d'origini di un supereroe, come procedurale realistico e come un'eccitante avventura d'azione".[36] Metacritic ha assegnato alla serie un voto di 75 su 100 basato su 21 recensioni.[37]

Mark Hughes di Forbes, recensendo i primi due episodi, ha scritto: "Molto semplicemente, con Daredevil la Marvel ci regala una delle più grandi storie di origini di un supereroe mai fatte. È alla pari con veri film d'origini come Batman Begins, Iron Man e Superman. Gli episodi sono come dei mini-film, e i primi due episodi avrebbero potuto tranquillamente venire distribuiti come un unico film - con giusto qualche ritocco per dare un tocco più cinematografico - che sarebbe sicuramente stato uno dei migliori film della Marvel."[40] Recensioni positive sono state scritte anche da Brian Lowry di Variety,[41] e Matt Patches di Esquire, secondo il quale "lo show sostituisce l'estetica ad alto contenuto di zuccheri di Iron Man, Thor e Capitan America con un'atmosfera da neo-noir. Goddard e DeKnight inzuppano Daredevil nelle ombre e nel sangue"; Patches ha inoltre lodato le interpretazioni di Cox e D'Onofrio, mentre ha criticato la gestione di una sotto-trama riguardante [Foggy] Nelson e [Karen] Page.[42] Victoria McNally di MTV ha lodato le sequenze di combattimento e la performance di Elden Henson.[43] Infine, Eric Eisenberg di Cinema Blend ha scritto che "i primi cinque episodi sono talmente avvincenti e scioccanti che è difficile immaginare che le cose possano prendere una piega negative [negli altri otto episodi]. È intelligente, divertente, e ha dei momenti così sconvolgenti che dovrete trattenere le urla. È sufficiente dire che la Marvel e Netflix hanno messo a segno l'ennesima rispettiva vittoria".[44] Mike Hale del New York Times è stato meno positivo riguardo alla serie, definendola ordinaria ma ammettendo di aver avuto alte aspettative a causa del suo amore per i fumetti, e "ammirando la cura e la serietà con cui [la serie] è stata fatta." Ha definito la serie lenta, ma rappresenta comunque un piacevole cambiamento rispetto alla norma. Ha parzialmente apprezzato la performance di Cox, lodando la sua interpretazione come Murdock ma criticando quella come Daredevil. Hale ha concluso la recensione dei primi cinque episodi scrivendo che Daredevil è "definitivamente guardabile, [ma non è] il Daredevil che alcuni di noi ricordano."[45]

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

La seconda stagione ha su Rotten Tomatoes un indice di gradimento del 75%, con un voto medio di 7/10 basato su 20 recensioni; il commento del sito recita: "Sostenuto da impressionanti sequenze d'azione, Daredevil continua a tenere alto in livello nella seconda stagione, anche se le aggiunte di Punisher ed Elektra non riescono a riempire del tutto il vuoto lasciato da Wilson Fisk".[38] mentre su Metacritic ha un punteggio di 68 su 100 basato su 12 recensioni.[39]

Recensendo i primi sette episodi, Brian Lowry di Variety ha scritto che la seconda stagione comincia "in modo incostante, come se prendesse una deviazione dal look oscuro e realistico dentro il reame dei film di Sam Peckinpah, con proiettili in slow-motion e spruzzate di sangue. Se resterete a guardarlo, tuttavia, lo show sboccerà grazie a diverse sequenze d'azione magnifiche e all'introduzione di personaggi fondamentali come Punisher ed Elektra".[46] Merrill Barr di Forbes ha scritto che "la seconda stagione di Daredevil è più o meno lo stesso eccellente show che era la prima stagione... e quando non lo è, è anche meglio [...] I nuovi membri del cast sono furiosi come molti speravano, e i nuovi showrunner non sbagliano un colpo. Tutto è come dovrebbe essere, e non c'è niente di cui lamentarsi".[47]

Jack Shepard di The Indipendent è stato più critico, affermando che la battaglia ideologica tra Murdock e Castle "è il cuore di questi primi episodi ma mette anche in evidenza il problema principale di Daredevil", ovvero "l'assenza di un vero cattivo"; tuttavia ha aggiunto che la stagione migliora con il quarto episodio e raggiunge l'apice con il sesto e il settimo episodio, che ha definito "i migliori della stagione finora, preparano la strada per una storia avvincente", e ha lodato le performance di Cox, Henson, Woll, Bernthal e Yung.[48]

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The Punisher (serie televisiva).

Nel gennaio 2016 TVLine riporta che Netflix è al lavoro sulla serie The Punisher, incentrata sull'omonimo personaggio interpretato da Bernathal e introdotto nella seconda stagione della serie.[49][50] Nell'aprile 2016 viene confermato lo sviluppo della serie e Steve Lightfoot viene annunciato come showrunner e produttore esecutivo.[51][52]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2016 - Empire Awards
    • Candidato - Miglior serie televisiva
  • 2016 - SXSW Film Festival
    • Candidato - Migliori titoli d'apertura
  • 2016 - Got Your 6
    • 6 Certified – per "una rappresentativa e bilanciata descrizione dei veterani"
  • 2016 - Saturn Awards
    • Miglior serie televisiva new media
    • Candidato - Miglior attore non protagonista in una serie televisiva (Vincent D'Onofrio)
    • Candidato - Miglior guest star in una serie televisiva (Scott Glenn)
    • Candidato - Miglior attore in una serie televisiva (Charlie Cox)
  • 2016 - Primetime Creative Arts Emmy Award
    • Candidato - Miglior montaggio audio per una serie televisiva (Il meglio di New York)
    • Candidato - Miglior coordinamento stunt per una serie drammatica, miniserie o film (Philip J. Silvera)
  • 2016 - Online Film & Television Association Award
  • Candidato - Miglior sonoro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Charlie Cox Is the Man Without Fear In Marvel's Daredevil, su Marvel.com, 27 maggio 2014.
  2. ^ (EN) The Punisher Looms Large in New "Daredevil" Season 2 Poster, su ComicBookResources, 7 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  3. ^ (EN) Patrick Cavanaugh, 'Marvel's Daredevil' Season 2 Concept Art Unveiled, su Marvel.com, 8 ottobre 2015. URL consultato l'8 ottobre 2015.
  4. ^ (EN) Mike Fleming Jr., TOLDJA! ‘Daredevil’ Rights Revert From Fox To Disney, su Deadline, 23 aprile 2013. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) Nellie Andreeva, Marvel Preps 60-Episode Package Of Four Series & A Mini For VOD & Cable Networks, su Deadline, 14 ottobre 2013.
  6. ^ (EN) David Lieberman, Netflix Picks Up Four Marvel Live-Action Series & A Mini Featuring Daredevil, Jessica Jones, Iron Fist, Luke Cage For 2015 Launch, su Deadline, 7 novembre 2013.
  7. ^ (EN) Drew Goddard Joins Daredevil on Netflix, su Marvel.com, 6 dicembre 2013.
  8. ^ (EN) Steven S. DeKnight Joins Marvel's Daredevil, su Marvel.com, 24 maggio 2014.
  9. ^ a b (EN) Marvel's Netflix Series to Film in New York City, su Marvel.com, 26 febbraio 2014.
  10. ^ a b c (EN) Meredith Alloway, Catching Up With Daredevil Showrunner Steven S. DeKnight, su pastemagazine.com, 12 settembre 2014.
  11. ^ (EN) Steven DeKnight Tweets About Daredevil And Possible Second Season, su Bleeding Cool, 30 novembre.
  12. ^ (EN) Netflix Orders a Second Season of 'Marvel's Daredevil', su Marvel.com, 21 aprile 2015. URL consultato il 22 aprile 2015.
  13. ^ (EN) Lesley Goldberg, Sydney Bucksbaum, Comic-Con: 'Daredevil' Renewed for Third Season at Netflix, su The Hollywood Reporter, 21 luglio 2016. URL consultato il 22 luglio 2016.
  14. ^ (EN) Blair Marnell, Netflix CCO on Daredevil’s Tone & Casting Jessica Jones, su Crave Online, 25 agosto 2014. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  15. ^ a b c Daredevil: 7 cose da sapere sulla serie Marvel prodotta da Netflix, su badtv.it, 30 dicembre 2014. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  16. ^ (EN) 19 TV Shows We'll Be Checking Out in 2015, su Entertainment Weekly, 17 dicembre 2014.
  17. ^ (EN) Vincent D'Onofrio Is Wilson Fisk on Marvel's Daredevil on Netflix, su Marvel.com, 10 giugno 2014.
  18. ^ (EN) Rosario Dawson Joins Marvel's Daredevil For Netflix, su Marvel.com, 20 giugno.
  19. ^ (EN) Elden Henson Joins Marvel's Daredevil for Netflix, su Marvel.com, 26 giugno 2014.
  20. ^ (EN) Deborah Ann Woll Joins Marvel's Daredevil For Netflix, su Marvel.com, 1 agosto 2014.
  21. ^ a b (EN) Lucas Siegel, NYCC 2014: Marvel's DAREDEVIL on Netflix Panel - NEW IMAGES, su Newsarama, 11 ottobre 2014.
  22. ^ a b (EN) Jon Bernthal Cast as Frank Castle in the Netflix Original Series 'Marvel's Daredevil', su Marvel.com, 9 giugno 2015.
  23. ^ (EN) Rosario Dawson Returns to Hell's Kitchen in the Netflix Original Series 'Marvel's Daredevil' Season 2 & More, su Marvel.com, 8 maggio 2015.
  24. ^ (EN) Marc Strom, Elodie Yung Cast as Elektra in the Netflix Original Series 'Marvel’s Daredevil', marvel.com, 7 luglio 2015. URL consultato l'8 luglio 2015.
  25. ^ (EN) Scott Glenn returns to the Netflix Original Series 'Marvel's Daredevil', su marvel.com, 16 settembre 2015. URL consultato il 17 settembre 2015.
  26. ^ (EN) Nellie Andreeva, Marvel’s ‘Daredevil’ Casts Stephen Rider As New Regular For Season 2, su Deadline.com, 3 settembre 2015. URL consultato il 4 settembre 2015.
  27. ^ (EN) Eric Goldman, Marvel's Daredevil Teaser Trailer Exclusive Debut, su IGN, 3 febbraio 2015.
  28. ^ (EN) Daredevil: Yes, the Red Costume will be in it, su IGN, 17 marzo 2015.
  29. ^ (EN) John Paesano to Score Marvel's Daredevil, su Film Music Reporter, 10 ottobre 2014. URL consultato il 5 gennaio 2015.
  30. ^ a b (EN) Daredevil: Music from the Original Series, itunes.apple.com. URL consultato il 10 giugno 2015.
  31. ^ (EN) Why Disney Chose to Put Marvel's New TV Shows on Netflix, su Variety, 7 novembre 2013.
  32. ^ (EN) Nick Romano, Exclusive: 'Daredevil' Star Vincent D'Onofrio Talks Kingpin, su ScreenCrush, 20 agosto 2014. URL consultato il 5 settembre 2015.
  33. ^ (EN) Will Captain America 3 Include Daredevil?, su Cinema Blend, 27 febbraio 2015. URL consultato il 14 marzo 2015.
  34. ^ Daredevil’s Charlie Cox about his new-found love of comic books, close-upfilm.com. URL consultato il 23 luglio 2015.
  35. ^ (EN) Watch Marvel’s ‘Daredevil’ Teaser Trailer from Netflix, su Variety, 4 febbraio 2015.
  36. ^ a b (EN) Marvel's Daredevil: Season 1, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  37. ^ a b (EN) Marvel's Daredevil - Season 1, su Metacritic. URL consultato il 26 febbraio 2016.
  38. ^ a b (EN) Marvel's Daredevil: Season 2, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 3 settembre 2016.
  39. ^ a b (EN) Marvel's Daredevil - Season 2, su Metacritic. URL consultato il 3 settembre 2016.
  40. ^ (EN) Mark Hughes, Review - 'Daredevil' Is One Of Marvels Greatest Achievements, su Forbes, 3 aprile 2015.
  41. ^ (EN) Brian Lowry, TV Review: ‘Marvel’s Daredevil’, su Variety, 1 aprile 2015.
  42. ^ (EN) Matt Patches, With Netflix's Daredevil, the Marvel Cinematic Universe Goes R-Rated, su Esquire, 1 aprile 2015.
  43. ^ (EN) Victoria McNally, 7 Things In Marvel’s ‘Daredevil’ That Netflix Got Fantastically Right, su MTV, 1 aprile 2015.
  44. ^ (EN) Eric Eisenberg, Daredevil Review: Marvel Goes Dark And Wins In A Big Way, su Cinema Blend, 3 aprile 2015.
  45. ^ (EN) Mike Hale, Review: In ‘Daredevil,’ a Superhero Is Sightless but Not Blind to Crime, su New York Times, 8 aprile 2015.
  46. ^ (EN) Brian Lowry, TV Review: ‘Marvel’s Daredevil,’ Season 2, su Variety, 24 febbraio 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  47. ^ (EN) Merrill Barr, 'Marvel's Daredevil' Season 2 Review: A Little New, A Little Same, All Great, Never Dull, su Forbes, 1 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  48. ^ (EN) Jack Shepard, Daredevil season 2 review, first half: 'A wonky start that soon settles into a fierce and exciting pace', su The Independent, 8 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  49. ^ (EN) Michael Ausiello, Punisher Spinoff Starring Jon Bernthal in Development at Netflix, su TV Line, 16 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  50. ^ (EN) Lesley Goldberg, Netflix Plotting 'Punisher' Spinoff Starring Jon Bernthal, su The Hollywood Reporter, 16 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  51. ^ (EN) James Hibberd, Marvel's The Punisher spin-off ordered by Netflix, su Entertainment Weekly, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.
  52. ^ (EN) Netflix Orders 'Marvel's The Punisher' to Series, su Marvel.com, 29 aprile 2016. URL consultato il 29 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione