Le colline hanno gli occhi (film 1977)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le colline hanno gli occhi
Le colline hanno gli occhi.png
Una scena del film
Titolo originaleThe Hills Have Eyes
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1977
Durata89 min
Generethriller, orrore
RegiaWes Craven
SoggettoWes Craven
SceneggiaturaWes Craven
FotografiaEric Saarinen
MontaggioWes Craven
Effetti specialiGreg Auer, John Frazier
MusicheDon Peake
ScenografiaRobert A. Burns
CostumiJoanne Jaffe
Interpreti e personaggi

Le colline hanno gli occhi (The Hills Have Eyes) è un film del 1977 scritto,diretto e montato da Wes Craven, con Michael Berryman.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'anziano proprietario di una sperduta stazione di rifornimento nel deserto, Fred, incontra Ruby, una giovane donna. Fred le consegna delle provviste e, sentendo il motore di un camper che si avvicina, le dice di nascondersi in un ripostiglio. Arriva alla stazione una famiglia composta da Bob Carter, sua moglie Ethel, i figli Bobby, Brenda e Lynne, il marito di quest'ultima Doug Wood, la loro piccola figlia Katie e due cani lupo, Bella e Bestia; i Carter sono in viaggio dall'Ohio a Los Angeles. Fred consiglia loro di non allontanarsi dalla strada principale, non ascoltato da Bob, arrogante poliziotto in pensione.

Una volta ripartiti i Carter, il mezzo agricolo di Fred viene fatto esplodere da ignoti. Nel frattempo Bob Carter sceglie una strada diversa da quella suggerita e, per non investire un coniglio, finisce fuori strada, impossibilitato a ripartire. Bob decide che egli stesso tornerà alla stazione di Fred a chiedere aiuto, mentre suo genero Doug andrà in direzione opposta. Qualcuno intanto osserva i Carter dalle rocce con un binocolo. Bobby lascia libera Bella, che corre verso le colline rocciose poco distanti visibilmente inquieta. Il giovane padrone va a cercarla, ma la trova squartata in maniera orribile. Mentre sta tornando indietro, Bobby cade e sviene.

Bob raggiunge a notte inoltrata la stazione di Fred e trova quest'ultimo in procinto di impiccarsi. Fred viene costretto da Bob a raccontargli la storia della sua famiglia: Fred aveva avuto due figli, ma il figlio minore, che aveva provocato la morte della madre durante il parto, aveva assassinato la sorella, costringendo il padre a colpirlo con una chiave per pneumatici e ad abbandonarlo nel deserto. Tuttavia il folle, che ora si fa chiamare Papà Giove, è sopravvissuto e si è sposato con una prostituta sbandata, generando quattro figli Plutone, Marte, Mercurio e Ruby. Si stabiliscono in una grotta sulle colline, scenario di test nucleari condotti dall'aeronautica degli USA.

Dopo aver spiegato ciò Fred viene ucciso da Giove, che stava origliando fuori dalla finestra, con una chiave metallica ed inchiodato ad una porta con la stessa. Lo stesso Bob è successivamente inseguito e catturato dai cannibali.

Nel mentre, Bobby torna al camper, nascondendo a Brenda la morte di Bella e perdendo anche Bestia, che si lancia verso le colline. La famiglia (compreso Doug, che è tornato) vede poi un fuoco in lontananza e si reca sul punto dell'incendio, scoprendo che si tratta di Bob messo al rogo. I Carter estinguono le fiamme, ma Bob muore tra atroci dolori e il suo corpo viene lasciato nel deserto. Nel frattempo Brenda e Katie, rimaste al camper, vengono attaccate da Pluto e Marte, che violenta Brenda. Ethel e Lynne tornano al camper e vengono colpite a morte da Pluto e Marte, che sparano loro con una vecchia pistola. Pluto rapisce poi Katie, portandola al rifugio di Papà Giove.

Mercurio viene ucciso da Bestia, che lo spinge giù dall'estremità di una collina mentre sta spiando i Carter con un binocolo. I cannibali si riuniscono nella spelonca e Giove costringe Ruby a mangiare Bella per punizione poiché si era rivolta a Fred. Gli uomini e Mama, la sbandata prostituta, mangiano invece il corpo di Bob.

Il giorno dopo Pluto e Giove partono lasciando Marte, Ruby e Mama al rifugio con la bambina. Con un tranello si mettono in comunicazione con Brenda e Bobby spacciandosi alla radio per l'aeronautica ed assicurandosi così che i due giovani siano soli. Pluto viene tuttavia attaccato da Bestia, che riesce a farlo distanziare da Giove e ad ucciderlo dilaniandogli la gola. Brenda e Bobby mettono il cadavere di Ethel su una sedia per attirare Papà Giove e trascinarlo via con un cappio aiutandosi col motore del camper; il piano è però mandato a monte dalla scarsezza di benzina, che permette all'infuriato Giove di liberarsi. I giovani riempiono quindi di gas il camper e scappano dalla finestra, in modo che quando Giove apra il camper esploda; Giove fiuta il tranello e si salva, riuscendo comunque a far esplodere il camper ed attaccando poi Bobby alle spalle. Vedendo il fratello in difficoltà Brenda colpisce Giove con un'accetta, permettendo a Bobby di finirlo con una delle pistole del padre.

Doug sta invece girovagando da alcune ore sulle colline in cerca di sua figlia. Trovato il rifugio dei cannibali si assicura l'aiuto di Ruby, che stende Mama e prende Katie. Nel finale Doug e Ruby vengono inseguiti da Marte, che viene però morso da un crotalo lanciatogli addosso dalla sorella ed infine colpito ripetutamente da Doug con una pietra.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Inizialmente si era programmato di realizzare una scena in cui la neonata veniva uccisa per essere mangiata ma gli attori minacciarono di abbandonare il set se quella scena fosse stata girata.
  • In un finale alternativo, i superstiti portavano con sé anche Ruby.
  • Nella scena in cui la famiglia cannibale mangia Bob, gli attori stavano in verità mangiando una coscia di agnello arrostita.
  • A quanto riferì l'attore Houston, il processo di selezione degli attori si basò più che altro sulla capacità di questi di piangere a comando.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

"Le colline hanno gli occhi" è considerato uno dei migliori film horror degli anni settanta, approvato da Rotten Tomatoes con il 64% di "freschezza" basato su 22 recensioni[1]. Venne definito sul giornale Austin Chronicle come "un insieme di idee che danno vita a una trama inventiva e con tocchi d'umorismo che donano a questo film horror una rilevanza gradevole e un tocco stilistico". Al contrario Roger Ebert lo definì "decadente".

La scena in cui Pluto e Marte attaccano il caravan, tentando di rapire il bambino, fu inserita al 41 esimo posto nella miniserie 100 Scariest Movie Moments . Il film è stato nominato per la classifica AFI's 100 Years... 100 Thrills.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Le colline hanno gli occhi II.

Remake[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Le colline hanno gli occhi (film 2006).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Hills Have Eyes - Rotten Tomatoes, Rotten Tomatoes. URL consultato il 17 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema