Supergirl (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Supergirl
SupergirlTVLogo.png
Logo della serie televisiva della terza stagione
Titolo originaleSupergirl
PaeseStati Uniti d'America
Anno2015 – in produzione
Formatoserie TV
Generesupereroi, azione, fantasy
Stagioni4
Episodi65
Durata45 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreGreg Berlanti, Ali Adler, Andrew Kreisberg
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivoGreg Berlanti, Andrew Kreisberg, Ali Adler, Sarah Schechter
Casa di produzioneBerlanti Productions, DC Entertainment, Warner Bros. Television
Prima visione
Prima TV originale
Dal26 ottobre 2015
Alin corso
Rete televisivaCBS (st. 1)
The CW (st. 2+)
Prima TV in italiano
Dal2 aprile 2016
Alin corso
Rete televisivaPremium Action (st. 1, 3+)
Italia 1 (st. 2)

Supergirl è una serie televisiva statunitense creata da Greg Berlanti, Ali Adler, Andrew Kreisberg e in onda per la prima stagione sulla CBS, a partire dalla seconda sul canale The CW, basata sull'omonimo personaggio dei fumetti della DC Comics. La serie è stata sviluppata da Berlanti e Kreisberg, creatori di Arrow e The Flash e Legends of Tomorrow ed è inserita nell'Arrowverse, sebbene l'eroina protagonista non appartenga alla stessa Terra di cui fanno parte Oliver Queen, come Arrow e Barry Allen, che veste i panni di Flash. Gli showrunner sono Greg Berlanti, Ali Adler e Andrew Kreisberg

La serie è incentrata sulle avventure di Kara Zor-El, interpretata da Melissa Benoist, cugina kryptoniana di Superman che lavora come reporter alla C.A.T.C.O. WorldWide Media ma in segreto lavora al DEO con la sorella e protegge National City nei panni di Supergirl. Fanno parte del cast anche Mehcad Brooks, Chyler Leigh, Jeremy Jordan, David Harewood, Calista Flockhart, Chris Wood, Floriana Lima, Katie McGrath e Odette Annable. La prima stagione è stata girata a Los Angeles, in California mentre la seconda a Vancouver, nella Columbia Britannica, in Canada.

La serie è in onda dal 26 ottobre 2015. Il 12 maggio 2016, la Warner Bros. ha annunciato che la serie era stata rinnovata per una seconda stagione, mentre l'8 gennaio 2017, The CW ha rinnovato la serie per una terza stagione, che ha iniziato la messa in onda il 9 ottobre 2017. Il 2 aprile 2018, la serie riceve il rinnovo per una quarta stagione. In Italia, la prima stagione è stata trasmessa in prima visione sul canale pay Premium Action dal 2 aprile al 2 luglio 2016.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Supergirl (prima stagione).

«Quando ero bambina il mio pianeta, Krypton, stava morendo. Mi hanno inviata sulla Terra per proteggere mio cugino. Ma la mia capsula è stata mandata fuori rotta e quando sono arrivata mio cugino era già cresciuto ed era diventato Superman. Ho tenuto nascosto chi ero veramente, fino a quando un incidente mi ha costretta a rivelarmi al mondo. Per molti sono una reporter alla C.A.T.C.O. WorldWide Media, ma in segreto lavoro con mia sorella adottiva al DEO per difendere la mia città dalla vita aliena e da chiunque voglia farle del male. Io sono Supergirl!»

(Kara all'inizio di ogni episodio dalla prima stagione)

Dopo dodici anni trascorsi sulla Terra in incognito, Kara Zor-El decide di iniziare ad usare i suoi poteri per proteggere gli abitanti della sua città, National City. Entra quindi a far parte del DEO, organizzazione segreta guidata da Hank Henshaw per la quale già lavora la sorella, provando a coniugare la normale vita quotidiana con la sua nuova identità da eroina. Nei panni di Kara Denvers lavora per Cat Grant alla CatCo World Wide Media come assistente e per quanto il suo capo sembri cinico e totalmente indifferente alla situazione della sua assistente, in realtà funge da mentore e si preoccupa per lei. Quando indossa il costume di Supergirl invece aiuta il DEO a catturare alcuni fuorilegge alieni fuggiti da una prigione spaziale che è arrivata insieme alla navicella con cui è arrivata Kara, e quando necessario a salvare la città da criminali terrestri dotati di particolari abilità.

Seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Supergirl (seconda stagione).

In questa stagione Kara dovrà vedersela con il Cadmus, guidato da Lilian Luthor, un'organizzazione che lavora per sterminare gli alieni sulla Terra e con Rhea, la regina di Daxam.

Terza stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Episodi di Supergirl (terza stagione).

Dopo la partenza di Mon-El, Kara ha deciso di abbandonare la sua vita umana per dedicarsi a quella da supereroina, riavvicinandosi alla sua eredità Kryptoniana. J'onn e Kara su richiesta di M'gann vanno su Marte e qui scoprono che il padre di J'onn, M'yrrn è ancora vivo. Il nemico principale della stagione è Samantha Arias / Reign. Quest’ultima è una worldkiller e metterà a serio rischio la vita di Supergirl, l’episodio di metà stagione intitolato “Reign” vedrà per la prima volta Supergirl e Reign affrontarsi. La stagione vede inoltre Kara scoprire delle sconvolgenti verità su Krypton e su Alura.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 20 2015-2016 2016
Seconda stagione 22 2016-2017 2017
Terza stagione 23 2017-2018 2018
Quarta stagione 2018-2019 2019

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Supergirl.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

Lo sviluppo della serie venne annunciato per la prima volta nel mese di settembre 2014, quando la CBS se ne assicurò i diritti televisivi in un periodo di grande popolarità del genere supereroi nella televisione statunitense; lo stesso Berlanti aveva già ideato negli anni precedenti Arrow e The Flash, anch'esse prodotte come Supergirl dalla DC Comics in collaborazione con la Warner Bros. Television[1].

Oltre a narrare le vicende di Kara Zor-El che si snodano lungo gli episodi, la trama, la quale include la presenza di vari cattivi dei fumetti, è concepita sul modello dei procedurali, con la maggior parte degli episodi pensati per affrontare un "caso della settimana"[2][3]. Il pilot è diretto da Glen Winter[4].

Ali Adler e Andrew Kreisberg sono stati gli showrunner delle prime due stagioni, mentre dalla terza Adler, la quale ha iniziato a lavorare per un altro studio televisivo, è stata sostituita da Jessica Queller e Robert Rovner, rispettivamente già co-produttore esecutivo e consulente prima e produttore esecutivo poi della serie[5]. Il 29 novembre 2017 Kreisberg è stato licenziato dalla Warner Bros. dopo essere stato accusato di molestie sessuali[6].

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio 2015, dopo una fase di casting iniziata nel precedente mese di novembre[7], Melissa Benoist fu ingaggiata per il ruolo della protagonista[8], per il quale erano state prese in considerazione varie attrici, tra cui Claire Holt e Gemma Atkinson[9][10]. Tra i tratti che Melissa Benoist spiegò di apprezzare di più del suo personaggio, figurano l'essere una donna forte, un'eroina, ma allo stesso tempo dotata di una grande umanità, risultando anche più complessa delle altre versioni moderne di supereroi[7]. Per le scene fisicamente più impegnative è sostituita dalla stunt Shauna Duggins[7].

Il 28 gennaio Mehcad Brooks si unì al cast per il ruolo di Jimmy Olsen[11], mentre il mese seguente furono ingaggiati Calista Flockhart, Chyler Leigh e David Harewood, rispettivamente per le parti di Cat Grant, Alex Danvers e Hank Henshaw[12][13]. Il 9 marzo fu inoltre annunciato che Malina Weissman avrebbe interpretato la protagonista Kara da bambina[14].

Tra le guest star della prima stagione figurano anche Dean Cain e Helen Slater, che avevano interpretato rispettivamente Superman nella serie Lois & Clark - Le nuove avventure di Superman e Supergirl nel film del 1984 Supergirl - La ragazza d'acciaio[15], mentre nel cast ricorrente Laura Benanti e Jenna Dewan-Tatum interpretano rispettivamente la madre di Kara, Alura, e Lucy Lane, sorella minore di Lois[16][17].

Per la seconda stagione, Tyler Hoechlin fu ingaggiato per il ruolo di Superman[18], Lynda Carter interpreta il Presidente degli Stati Uniti, Katie McGrath interpreta Lena Luthor, sorella di Lex, Ian Gomez il nuovo supervisore di Kara e Floriana Lima il capitano Maggie Sawyer[19]. Inoltre Sharon Leal appare nei panni di Miss Martian e Chris Wood in quelli di Mon-El[20]. Nel cast ricorrente figurano anche Dichen Lachman, nel ruolo di Veronica Sinclair/Roulette[20], Brenda Strong, Teri Hatcher, la quale negli anni novanta aveva interpretato Lois Lane nella serie Lois & Clark - Le nuove avventure di Superman, e Kevin Sorbo[21][22].

Per la terza stagione, nella quale il personaggio interpretato da Floriana Lima diventa ricorrente mentre Katie McGrath viene promossa nel cast principale[23][24], Odette Annable è stata ingaggiata per il ruolo della nuova antagonista Reign[25]. Inoltre Erica Durance, che aveva già vestito i panni di Lois Lane in Smallville, sostituisce Laura Benanti, uscita dal cast per impegni personali, nel ruolo di Alura Zor-El, la madre biologica di Kara[26]. Tra le altre guest inoltre, spicca Carl Lumbly, nel ruolo del padre di J'onn J'onzz. Casualmente Lumbly aveva doppiato Martian Manhunter nella serie animata Justice League andata in onda dal 2001 al 2004 per due stagioni.

Costumi[modifica | modifica wikitesto]

Le prime immagini del costume di Kara, disegnato da Colleen Atwood, furono pubblicate il 6 marzo 2015[27]. Rispetto a quelli dei fumetti risulta essere più coprente, evitando di esporre l'addome, comprendendo delle calze e stivali alti fino al ginocchio; i colori, anche rispetto a quello del film del 1984, sono molto meno brillanti e più cupi, richiamando le tonalità utilizzate da Henry Cavill per il film del 2013 L'uomo d'acciaio[27][28]. Alcune testate, tra cui Entertainment Weekly, lo giudicarono positivamente[27]. Secondo Andrew Dyce, critico di Screen Rant, rappresenta un buon equilibrio tra un nostalgico stile che richiama le linee del passato e uno più moderno[29], mentre Michael Cavna del The Washington Post apprezzò la scelta dei colori[30]. Altri critici, invece, lo paragonarono ad uno scadente costume di Halloween[31].

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione venne girata a Los Angeles a partire dal mese di marzo 2015[32]. Dalla seconda stagione, per ridurre i costi, le riprese vengono spostate nei dintorni di Vancouver[33].

Crossover[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio World's Finest della prima stagione, trasmesso per la prima volta il 28 marzo 2016, costituisce un crossover con The Flash, in cui la protagonista collabora con Flash arrivato dal proprio universo tramite una lacerazione, fronteggiando insieme Livewire e Silver Banshee prima che lui ritorni nella propria dimensione[34]. In precedenza Supergirl era brevemente apparsa nell'episodio di The Flash Benvenuti su Terra-Due (Welcome to Earth-2), andato in onda il mese precedente, in cui si erano intravisti alcuni personaggi del multiverso[35].

La seconda stagione, la prima dopo il trasferimento su The CW, include un crossover musicale con The Flash[36] e un ulteriore episodio crossover con tutte le serie tratte da fumetti DC Comics in onda su The CW: Arrow, The Flash e Legends of Tomorrow[37].

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Campagna di lancio[modifica | modifica wikitesto]

Logo della serie

Dopo le prime immagini promozionali raffiguranti la protagonista in costume, distribuite dal 6 marzo 2015[27], il primo trailer fu pubblicato il 13 maggio 2015, in occasione dell'upfront della CBS[38]. Il video, dalla durata di oltre sei minuti e mezzo, include l'esecuzione del brano musicale Fight Song di Rachel Platten e lo slogan «It's not a bird. It's not a plane. It's not a man. It's Supergirl»[38][39]. Il filmato, accolto da giudizi contrastanti[40], è divenuto presto un video virale, registrando sul canale YouTube della CBS più di sei milioni di visualizzazioni in due giorni[41].

Durante l'estate 2015, la serie è stata presentata al Comic-Con di San Diego del 2015, con un'anteprima del pilot e una sessione di interviste a autori e parte del cast[42]. Al Comic-Con la serie ritornò anche l'estate successiva, occasione nella quale fu presentata l'introduzione di Superman nella seconda stagione[43].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Programmazione televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 maggio 2015 la CBS diede il definitivo semaforo verde alla produzione di una prima stagione[44], trasmessa dal 26 ottobre[45]. Prima del debutto televisivo, l'episodio pilota era stato proiettato al Comic-Con di San Diego l'8 luglio 2015[42], mentre illegalmente era stato distribuito online già dal 22 maggio 2015[46].

Dopo la fine della trasmissione dei diciotto episodi della prima stagione, conclusa il 18 aprile 2016, non ritenendo gli ascolti adeguati al budget richiesto dalla serie, la CBS decise di non rinnovarla nel proprio palinsesto; la casa di produzione Warner Bros. Television trovò però un accordo per continuare la messa in onda sull'emittente The CW, considerata in parte "sorella" della CBS in quanto frutto di una joint venture tra la CBS Corporation e la stessa Warner Brothers[33]. La seconda stagione esordì il 10 ottobre 2016[47].

L'8 gennaio 2017, la serie è stata rinnovata per una terza stagione[48], in onda dal 9 ottobre 2017.

La quarta stagione, andrà in onda a partire dal 14 ottobre 2018.

Trasmissione internazionale[modifica | modifica wikitesto]

In Canada la serie va in onda, in contemporanea con la programmazione statunitense, su Global[49]. Nel Regno Unito ha esodito il 29 ottobre 2015 sul canale pay Sky1[50], mentre in Australia è trasmessa dal successivo 6 dicembre su FOX8[51].

In Italia la prima stagione è stata trasmessa su Premium Action dal 2 aprile 2016[52]; dopo che l'episodio pilota era già stato distribuito in anteprima sul servizio on-demand Premium Play[53]. In chiaro va in onda dal 2 settembre 2016 su Italia 1[54], rete che ha trasmesso in prima visione assoluta la seconda stagione dal 3 gennaio 2017. La terza stagione della serie viene trasmessa in prima visione assoluta di nuovo su Premium Action dall'11 febbraio 2018.[55]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata accolta da recensioni generalmente positive. Per Hank Stuever del Washington Post i produttori sono riusciti a rendere una banale storia a fumetti credibile e accogliente, apprezzabile anche da chi non è appassionato al genere[56]. Per David Sims di The Atlantic ha un forte impatto visivo nonostante un ristretto budget dedicato agli effetti speciali[57]; è un esempio di ottima televisione per Mary McNamara del Los Angeles Times[58], mentre Brian Lowry su Variety ha particolarmente apprezzato l'interpretazione di Melissa Benoist e del cast di supporto[59]. Anche secondo James Poniewozik del New York Times, come per diversi altri critici, la protagonista è il punto forte della serie, che per il resto risulta per lo più una serie d'azione nella media, comparata alle precedenti produzioni di Greg Berlanti più vicina allo stile di The Flash che alla più cupa Arrow[60][61]. Ai Critics' Choice Television Awards 2015 era stata nominata tra le otto nuove serie più promettenti della stagione televisiva 2015-2016[62].

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Dal mese di gennaio 2016 la DC Comics ha avviato la distribuzione di un'estensione digitale della serie, una serie a fumetti dal titolo Adventures of Supergirl[63][64]. Ambientata nello stesso universo della serie televisiva ma con una trama autonoma, è composta da tredici capitoli scritti da Sterling Gates, già autore del fumetto Supergirl, e disegnati da vari artisti, tra cui Bengal, Jonboy Meyers, Emanuela Lupacchino e Emma Vieceli[63]. Tali pubblicazioni sono distribuite online ogni due settimane, con in programma una distribuzione finale cumulativa anche cartacea come un unico romanzo grafico[63].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Supergirl’ Drama From Greg Berlanti & Ali Adler Lands CBS Series Commitment, in Deadline, Penske Media Corporation, 19 settembre 2014. URL consultato il 13 maggio 2015.
  2. ^ (EN) James Hibberd, Natalie Abrams, CBS reveals 'Supergirl' details: The costume is 'awesome', in Entertainment Weekly, Time Inc., 22 gennaio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Kevin Fitzpatrick, CBS ‘Supergirl’ Gets Her First DC Villain, But Who’s the Real Big Bad?, in ScreenCrush, 30 gennaio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  4. ^ (EN) Sam Rigby, The Flash director Glen Winter to helm Supergirl pilot, in Digital Spy, Hearst Magazines UK, 27 febbraio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  5. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Supergirl’: Jessica Queller & Robert Rovner Named Co-Showrunners On the CW Series, in Deadline, 16 giugno 2017. URL consultato il 23 giugno 2017.
  6. ^ (EN) Brian Barnett, The Flash, Supergirl Showrunner Andrew Kreisberg Fired from Arrowverse, in IGN, 29 novembre 2017. URL consultato il 2 dicembre 2017.
  7. ^ a b c (EN) Debra Birnbaum, Melissa Benoist on Playing ‘Supergirl': ‘She’s the Annie Hall of Superheroes’, in Variety, Penske Media Corporation, 15 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  8. ^ (EN) Nellie Andreeva, Melissa Benoist Is Supergirl: CBS Pilot Casts ‘Glee’ Actress In Lead Role, in Deadline, Penske Media Corporation, 22 gennaio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  9. ^ (EN) Tim Kenneally, ‘Vampire Diaries’ Star Claire Holt in Contention for CBS’s ‘Supergirl’ Series (Exclusive), in The Wrap, The Wrap News Inc., 1º dicembre 2014. URL consultato il 13 maggio 2015.
  10. ^ (EN) Will Payne, Gemma Atkinson set to be Soap-ergirl, in The Sun, News Group Newspapers Limited, 31 dicembre 2014. URL consultato il 13 maggio 2015.
  11. ^ (EN) Elizabeth Wagmeister, Mehcad Brooks Cast in CBS’ ‘Supergirl’ as Melissa Benoist’s Love Interest, in Variety, Penske Media Corporation, 28 gennaio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  12. ^ (EN) Max Nicholson, Calista Flockhart Cast as Cat Grant in Supergirl, in IGN, Ziff Davis, 23 febbraio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  13. ^ (EN) Lesley Goldberg, CBS' 'Supergirl' Enlists Chyler Leigh, David Harewood, in The Hollywood Reporter, 26 febbraio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  14. ^ (EN) Lesley Goldberg, CBS Casts Young 'Supergirl' (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 9 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  15. ^ (EN) Nellie Andreeva, Dean Cain, Helen Slater Join ‘Supergirl’ Pilot, in Deadline, Penske Media Corporation, 27 febbraio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  16. ^ (EN) Nellie Andreeva, Laura Benanti To Play Supergirl’s Mom In Greg Berlanti’s CBS Pilot, in Deadline, Penske Media Corporation, 20 febbraio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  17. ^ (EN) Lesley Goldberg, Jenna Dewan-Tatum Set as Lucy Lane in CBS' 'Supergirl', in The Hollywood Reporter, 3 agosto 2015. URL consultato il 4 agosto 2015.
  18. ^ Beatrice Pagan, Supergirl: assegnato a Tyler Hoechlin l'iconico ruolo di Superman, in Movieplayer.it, 16 giugno 2016. URL consultato il 16 giugno 2016.
  19. ^ (EN) Matt Webb Mitovich, Supergirl Meets Wonder Woman: A First Look at 'President' Lynda Carter, in TVLine, Penske Media Corporation, 18 agosto 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  20. ^ a b (EN) Natalie Abrams, The Flash, Supergirl, Legends of Tomorrow add new players, in Entertainment Weekly, Time Inc., 11 agosto 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  21. ^ (EN) Kate Stanhope, Teri Hatcher Joins 'Supergirl' for Major Season 2 Arc, in The Hollywood Reporter, 31 gennaio 2017. URL consultato il 31 gennaio 2017.
  22. ^ (EN) Vlada Gelman, Supergirl Casts Hercules' Kevin Sorbo: What's His Villainous Role in Season 2?, in TVLine, 3 febbraio 2017. URL consultato il 3 febbraio 2017.
  23. ^ (EN) Nellie Andreeva, ‘Supergirl’: Katie McGrath Promoted To Series Regular For Season 3, in Deadline, 22 marzo 2017. URL consultato il 23 giugno 2017.
  24. ^ (EN) Andy Swift, Supergirl: Floriana Lima Steps Down as Series Regular, Will Recur in Season 3, in TVLine, 26 maggio 2017. URL consultato il 23 giugno 2017.
  25. ^ (EN) Andy Swift, Supergirl Casts Odette Annable as 'Worldkiller' Reign in Season 3, in TVLine, 31 maggio 2017. URL consultato il 31 maggio 2017.
  26. ^ (EN) Andy Swift, Supergirl Recast Shocker: Erica Durance Joins Season 3 as (Spoiler), in TVLine, 7 luglio 2017. URL consultato il 14 luglio 2017.
  27. ^ a b c d (EN) Natalie Abrams, Supergirl debuts new costume -- what's different?, in Entertainment Weekly, Time Inc., 6 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  28. ^ (EN) Russ Burlingame, Supergirl: A Closer Look at The Costume, in ComicBook.com, 6 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  29. ^ (EN) Andrew Dyce, ‘Supergirl’s Full Costume Revealed in First Official Images, in Screen Rant, 6 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  30. ^ (EN) Michael Cavna, First look: Melissa Benoist’s Supergirl costume revealed by CBS, in The Washington Post, 6 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  31. ^ (EN) Sadie Gennis, Get a First Look at CBS' Supergirl Costume, in TV Guide, CBS Interactive, 6 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  32. ^ (EN) Christine Bord, ‘Supergirl’ begins filming in Los Angeles this week, in On Location Vacations, 3 marzo 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  33. ^ a b (EN) Nellie Andreeva, ‘Supergirl’ Moves To The CW, Renewed For Season 2, in Deadline, Penske Media Corporation, 12 maggio 2016. URL consultato il 12 maggio 2016.
  34. ^ (EN) Natalie Abrams, On the set: Everything you need to know about the Flash-Supergirl crossover, in Entertainment Weekly, Time Inc., 18 marzo 2016. URL consultato il 30 marzo 2016.
  35. ^ (EN) Anthony Couto, "Flash" Teases DC TV Future, Retro Continuity with Multiple Surprise Cameos, in Comic Book Resources, 9 febbraio 2016. URL consultato il 30 marzo 2016.
  36. ^ (EN) Natalie Abrams, The Flash, Supergirl staging musical crossover, in Entertainment Weekly, Time Inc., 11 agosto 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  37. ^ (EN) Natalie Abrams, The CW announces four-way crossover with Arrow, The Flash, Legends of Tomorrow, Supergirl, in Entertainment Weekly, Time Inc., 19 maggio 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  38. ^ a b (EN) Michael Cavna, David Betancourt, SEE: Five takeaways from CBS’s new ‘Supergirl’ trailer, in The Washington Post, 13 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  39. ^ (EN) CBS’ Supergirl Trailer Introduces Music’s New “Fight Song” by Rachel Platten, in Clizbeats.com, 14 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  40. ^ (EN) Kat Brown, Supergirl's trailer reaction split between joy and 'walking nightmare', in The Telegraph, Telegraph Media Group, 15 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  41. ^ (EN) Eduardo Sanchez, First Look: CBS Supergirl Packs Powerful Punch in Promo, in CBS Chicago, CBS Local Media, 15 maggio 2015. URL consultato il 16 maggio 2015.
  42. ^ a b (EN) Vlada Gelman, Comic-Con 2015: Supergirl Premiere, DC's Superhero Night, Supernatural, Lucifer and More Fill WBTV's Slate, in TVLine, Penske Media Corporation, 10 giugno 2015. URL consultato l'11 giugno 2015.
  43. ^ (EN) Kevin Fitzpatrick, Comic-Con 2016: ‘Supergirl’ Panel Reveals Superman, Mystery Pod Figure, in Screen Crush, Townsquare Media, 23 luglio 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  44. ^ (EN) Lesley Goldberg, 'Supergirl' Ordered to Series at CBS, in The Hollywood Reporter, 6 maggio 2015. URL consultato il 13 maggio 2015.
  45. ^ (EN) Lynette Rice, CBS debut dates: When to find 'Supergirl,' 'Code Black,' and more, in Entertainment Weekly, Time Inc., 9 giugno 2015. URL consultato il 9 giugno 2015.
  46. ^ (EN) Merrill Barr, 'Supergirl' Pilot Leak: Theft Or CBS Marketing Ploy?, in Forbes, 22 maggio 2015. URL consultato il 23 maggio 2015.
  47. ^ (EN) Michael Ausiello, The CW Fall Premiere Dates: Supergirl, The Flash, Arrow, TVD and More, in TVLine, Penske Media Corporation, 17 giugno 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  48. ^ (EN) Matt Webb Mitovich, Matt Webb Mitovich, The CW Renews The Flash, Supernatural, Crazy Ex and 4 Others, in TVLine, 8 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  49. ^ (EN) Etan Vlessing, LA Screenings: Shaw Media Nabs 'People Are Talking,' 'Heroes: Reborn', in The Hollywood Reporter, 1º giugno 2015. URL consultato il 2 giugno 2015.
  50. ^ (EN) Patrick Munn, Sky1 Sets UK Premiere Date For ‘Supergirl’, in TV Wise, 14 ottobre 2015. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  51. ^ (EN) David Knox, Airdate: DC’s Legends of Tomorrow, in TV Tonight, 12 novembre 2015. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  52. ^ La Befana con "Hannibal"!, in Mediaset.it, RTI S.p.A., 21 dicembre 2015. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  53. ^ Premium.Play, Da domani in Anteprima su #PremiumPlay la prima puntata della serie evento "Supergirl". Da non perdere!!!, su Facebook, 25 marzo 2016. URL consultato il 28 marzo 2016.
  54. ^ Daniele Cavalla, Italia Uno: le imprese di “Supergirl”, in La Stampa, 2 settembre 2016. URL consultato il 7 settembre 2016.
  55. ^ Supergirl: la terza stagione della serie TV è su Premium, su mediasetpremium.it.
  56. ^ (EN) Hank Stuever, Fall TV Preview 2015, in The Washington Post, 16 settembre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  57. ^ (EN) David Sims, Supergirl Takes Flight, in The Atlantic, 26 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  58. ^ (EN) Mary McNamara, Review: Super-charming 'Supergirl' lands in the middle of several strong women on CBS, in Los Angeles Times, 26 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  59. ^ (EN) Brian Lowry, TV Review: ‘Supergirl’, in Variety, Penske Media Corporation, 19 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  60. ^ (EN) James Poniewozik, Review: ‘Supergirl’ Leaps Tall Buildings While Leaning In, in The New York Times, 21 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  61. ^ (EN) David Wiegand, ‘Supergirl’ can fly, but not very high, in San Francisco Chronicle, Hearst Communications, Inc., 22 ottobre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  62. ^ (EN) Denise Petski, ‘Supergirl’, ‘Minority Report’ Among Critics’ Choice TV Awards’ Top New Series, in Deadline, Penske Media Corporation, 26 maggio 2015. URL consultato il 7 giugno 2015.
  63. ^ a b c (EN) Joshua Yehl, DC Swoops in with Adventures of Supergirl Digital Comic, in IGN, Ziff Davis, 25 dicembre 2015. URL consultato l'11 gennaio 2016.
  64. ^ (EN) Graeme McMillan, First Look: 'Adventures of Supergirl' Comic Cover Debuts (Exclusive), in The Hollywood Reporter, 11 gennaio 2016. URL consultato l'11 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]