Una serie di sfortunati eventi (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una serie di sfortunati eventi
UnaSerieDiSfortunatiEventi-Logo.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale A Series of Unfortunate Events
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2017 – in produzione
Formato serie TV
Genere drammatico
Stagioni 1
Episodi 8
Durata 42-64 min (episodio)
Lingua originale inglese
Rapporto 16:9
Crediti
Ideatore Mark Hudis
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore esecutivo Cindy Holland, Brian Wright, Ted Biasell, Barry Sonnenfeld, Daniel Handler
Casa di produzione Paramount Television
Prima visione
Distribuzione originale
Dal 13 gennaio 2017
Al in corso
Distributore Netflix
Distribuzione in italiano
Dal 13 gennaio 2017
Al in corso
Distributore Netflix

Una serie di sfortunati eventi (A Series of Unfortunate Events) è una serie televisiva creata da Mark Hudis per Netflix. La serie è basata sull'omonima serie di romanzi scritti da Lemony Snicket, ed è interpretata da Neil Patrick Harris, Patrick Warburton, Malina Weissman, K. Todd Freeman, Louis Hynes e Presley Smith.

La prima stagione, composta da 8 episodi che coprono i primi quattro libri della serie, è stata pubblicata il 13 gennaio 2017. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione di 10 episodi che copriranno fino al nono libro della serie, e per una terza stagione che adatterà i restanti quattro libri.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie segue le sfortunate vicende degli orfani Violet, Klaus e Sunny Baudelaire, perseguitati dal loro malvagio tutore, il conte Olaf, disposto a tutto pur di mettere le mani sulla loro eredità. I fratelli Baudelaire dovranno cercare in tutti i modi di sfuggire alle grinfie di Olaf e al tempo stesso scoprire di più sulla misteriosa morte dei loro genitori.[1]

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 8 2017 2017

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

Guest star[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi introdotti nella prima stagione[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi introdotti nella seconda stagione[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2014 venne annunciato che Netflix, in associazione con Paramount Television, avrebbe adattato i romanzi della serie Una serie di sfortunati eventi in una serie televisiva. L'autore dei romanzi Daniel Handler figura tra i produttori esecutivi.[3]

Il 4 settembre 2015 Barry Sonnenfeld e Mark Hudis vennero annunciati come produttori esecutivi; Hudis sarebbe stato inoltre showrunner della serie.[4] Nel gennaio 2016 Netflix annunciò che Hudis aveva lasciato il progetto, e che non era ancora stato trovato un nuovo showrunner. Sonnenfeld e Handler vennero confermati come parte del progetto.[5]

La prima stagione di otto episodi copre i primi quattro libri della serie, adattati in due episodi ciascuno.[6] Nel gennaio 2017 Handler rivelò di essere al lavoro sulla seconda stagione, composta da 10 episodi che copriranno dal quinto al nono libro della serie.[7] Nel marzo 2017 Netflix annunciò ufficialmente di aver rinnovato la serie per una seconda stagione.[8][9] Nell'aprile 2017 Netflix rinnovò la serie per una terza stagione, che adatterà i restanti quattro libri della serie.[10][11]

Casting[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2016 venne riportato che Neil Patrick Harris era in trattative per interpretare il conte Olaf, mentre Malina Weissman e Louis Hynes vennero scelti per interpretare Violet e Klaus Baudelaire.[12]

Nel marzo 2016 Harris venne confermato nel ruolo di Olaf,[13] e K. Todd Freeman e Patrick Warburton entrarono nel cast rispettivamente come Mr. Poe e Lemony Snicket.[14][15] Nello stesso mese Aasif Mandvi venne scelto come interprete di Montgomery Montgomery.[16] Nell'ottobre 2016 è stata rivelata la presenza nel cast di Joan Cusack, interprete della giudice Strauss.[1] Fanno parte del cast anche Catherine O'Hara, Don Johnson, Alfre Woodard e Rhys Darby.[17][18] O'Hara aveva già interpretato il giudice Strauss nel film del 2004.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La sigla della serie è composta da Nick Urata e Daniel Handler e cantata da Neil Patrick Harris nella versione originale, da Nanni Baldini nella versione italiana. La colonna sonora della serie è composta da James Newton Howard ed anticipa, attraverso una serie di messaggi, quello che succederà nella puntata.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è disponibile su Netflix in tutti i territori in cui il servizio è disponibile, anche in risoluzione Ultra HD 4K. La prima stagione è stata interamente pubblicata il 13 gennaio 2017.[1]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

La serie è stata accolta molto positivamente dalla critica televisiva. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes la prima stagione ha un indice di gradimento del 94% basato su 17 recensioni, con un voto medio di 8.14 su 10. Il commento del sito recita: "Gradevolmente dark, Una serie di sfortunati eventi uguaglia il materiale narrativo di origine e il suo tono, regalando agli spettatori una commedia gotica secca e meravigliosamente strana".[19] Su Metacritic ha un voto medio di 84 su 100 basato su 11 recensioni.[20]

Sonia Saraiya di Variety ha lodato la serie, definendola uno "strano, meraviglioso capolavoro –– una buffa dramedy gotica che potrebbe benissimo essere il risultato di ciò che accadrebbe se Wes Anderson e Tim Burton decidessero di fare una serie televisiva insieme".[21] Neil Genzlinger del The New York Times ha scritto: "L'intera iniziativa è confezionata con un look da grande produzione e servita con rispetto nei confronti dell'abilità delle menti giovani di cogliere l'umorismo non convenzionale e fuori luogo, la stessa qualità che ha reso così apprezzati".[22] Ben Travers di Indiewire ha lodato l'interpretazione di Harris, definita "ampiamente variegata eppure perfettamente misurata", e "l'occhio attento di Sonnenfeld per i dettagli viziosi in mezzo a una storia basata sull'amore e sulla speranza".[23] David Wiegand del San Francisco Chronicle ha affermato che la serie "esige di essere vista tutta d'un fiato. Che voi siate dei bambini o che siate giovani nell'animo, ridacchierete così tanto di fronte alle scanzonate malefatte melodrammatiche di ogni episodio che passerete subito all'episodio successivo".[24]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Matt Webb Mitovich, Netflix's Lemony Snicket Gets 'Unfortunate' Premiere Date, Teaser That Urges You to 'Look Away', su TV Line, 4 ottobre 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  2. ^ (EN) Elizabeth Wagmeister, Netflix’s ‘Lemony Snicket’s A Series of Unfortunate Events’ Casts Nathan Fillion, Tony Hale for Season 2, su Variety, 9 giugno 2017. URL consultato il 10 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Philiana Ng, Netflix Adapting Lemony Snicket's 'A Series of Unfortunate Events' Into TV Show, su The Hollywood Reporter, 5 novembre 2014. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  4. ^ (EN) Cynthia Littleton, Netflix’s Lemony Snicket Series Taps ‘True Blood’s’ Mark Hudis, Barry Sonnenfeld (EXCLUSIVE), su Variety, 4 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  5. ^ (EN) Borys Kit e Lesley Goldberg, Neil Patrick Harris to Star in Netflix's 'A Series of Unfortunate Events' as Showrunner Exits, su The Hollywood Reporter, 15 gennaio 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  6. ^ (EN) Andrew Sims, Netflix’s ‘Series of Unfortunate Events’ is ‘a much darker take,’ says Neil Patrick Harris, su Hypable, 28 settembre 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  7. ^ (EN) Marc Snetiker, Lemony Snicket speaks out about Netflix’s Series of Unfortunate Events, su Entertainment Weekly, 11 gennaio 2017. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  8. ^ (EN) Michael Ausiello, A Series of Unfortunate Events Renewed for Season 2 at Netflix, su TVLine, 13 marzo 2017. URL consultato il 14 marzo 2017.
  9. ^ Viola Barbisotti, Una serie di sfortunati eventi: Netflix annuncia la seconda stagione!, in Cinematographe, 13 marzo 2017. URL consultato il 15 marzo 2017.
  10. ^ (EN) Michael Ausiello, A Series of Unfortunate Events Renewal Extended Through Season 3 at Netflix, su TVLine, 4 aprile 2017. URL consultato il 5 aprile 2017.
  11. ^ (EN) Kate Stanhope, Netflix's 'A Series of Unfortunate Events' Renewed for Season 3, su The Hollywood Reporter, 4 aprile 2017. URL consultato il 5 aprile 2017.
  12. ^ (EN) Oliver Gettell, Netflix's Series Of Unfortunate Events casts its Violet and Klaus, su Entertainment Weekly, 26 gennaio 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  13. ^ (EN) Nellie Andreeva, Neil Patrick Harris Set To Star In Netflix’s ‘A Series Of Unfortunate Events’ Series, su Deadline.com, 14 marzo 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  14. ^ (EN) Denise Petski, K. Todd Freeman Joins Netflix’s ‘A Series Of Unfortunate Events’; Anna Torv in ‘Mindhunter’, su Deadline.com, 8 marzo 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  15. ^ (EN) Nellie Andreeva, Patrick Warburton Is Lemony Snicket In Netflix’s ‘A Series Of Unfortunate Events’, su Deadline.com, 14 marzo 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  16. ^ (EN) Nellie Andreeva, Aasif Mandvi Cast In Netflix’s ‘A Series Of Unfortunate Events’ & USA’s ‘Mr. Robot’, su Deadline.com, 18 marzo 2016. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  17. ^ (EN) Nivea Serrao, 'Lemony Snicket's A Series of Unfortunate Events': A Deep Dive Into the New Trailer, su Entertainment Weekly, 22 novembre 2016. URL consultato l'8 gennaio 2017.
  18. ^ (EN) A Series Of Unfortunate Events: News, Trailer, Characters, Release Date & All You Need To Know, su Movie Pilot, 2 gennaio 2017. URL consultato l'8 gennaio 2017.
  19. ^ (EN) A Series of Unfortunate Events: Season 1, su Rotten Tomatoes. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  20. ^ (EN) Lemony Snicket's A Series of Unfortunate Events (2017) : Season 1, su Metacritic. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  21. ^ Sonia Saraiya, TV Review: Lemony Snicket’s ‘A Series of Unfortunate Events’ on Netflix, 6 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  22. ^ (EN) Neil Genzlinger, Review: Lemony Snicket’s Creations, in a Cloud of Marvelous Gloom, su The New York Times, 11 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  23. ^ (EN) Ben Travers, ‘A Series of Unfortunate Events’ Review: Netflix’s Lemony Snicket Series is Exactly What Kids Need in 2017, su Indiewire, 5 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.
  24. ^ (EN) ‘Unfortunate Events’ worthless, unless you love great TV, su San Francisco Chronicle, 9 gennaio 2017. URL consultato il 12 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione