Kate McKinnon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kate McKinnon nel 2018

Kathryn McKinnon Berthold (Sea Cliff, 6 gennaio 1984) è un'attrice, comica e imitatrice statunitense.

Kate McKinnon è nata e cresciuta a Sea Cliff, villaggio del comune di Oyster Bay, Stato di New York, da Laura Campbell, un genitore educatore e Michael Thomas Berthold, un architetto. Ha una sorella minore, la comica Emily Lynne, con la quale ha collaborato alla serie Audible Heads Will Roll e alla serie digitale Notary Publix. Suo padre morì quando lei aveva 18 anni. È di origine tedesca e scozzese. È nota principalmente per essere un membro del cast del Saturday Night Live dal 2012. Ha interpretato il personaggio del Dr. Jillian Holtzmann nel film del 2016 Ghostbusters.

McKinnon è nota per le sue imitazioni di cantanti e celebrità, come il cantante pop Justin Bieber, la comica e conduttrice televisiva Ellen DeGeneres, la politica Hillary Clinton e la cancelliera tedesca Angela Merkel. Ha ricevuto 6 nomination agli Emmy Awards di cui 4 per la miglior attrice non protagonista in una serie comica per il Saturday Night Live, dove ha vinto per 2 anni consecutivi nel 2016 e nel 2017.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Kate McKinnon dimostra diverse abilità sin da molto giovane: da bambina, Kate McKinnon inizia a suonare diversi strumenti musicali: inizia a suonare il piano quando aveva cinque anni, il violoncello quando ne aveva 12 ed impara a suonare la chitarra da autodidatta quando ne aveva 15. McKinnon possiede anche una grande abilità per gli accenti stranieri da quando era in quinta elementare: ha fatto un'audizione per essere "la regina della settimana della lettura" usando un accento inglese. In un'intervista a Rolling Stone dichiara: "Penso che la genesi di tutta la mia vita, probabilmente, siano stati i sorrisi che ho suscitato facendo questo accento britannico. Ho inseguito quel drago da allora".

Si è laureata in teatro alla North Shore High School nel 2002 e alla Columbia University nel 2006. Lì ha co-fondato un gruppo comico, Tea Party, incentrato sulla commedia musicale improvvisata. Alla Columbia, ha recitato in tre spettacoli di Varsity: V109 Dial D per Deadline , V110 Off-Broadway e V111 The Sound of Muses. Era anche un membro del Prangstgrüp, un gruppo di commedie studentesche che organizzava e registrava elaborati scherzi universitari. Nel 2007, McKinnon si unisce al cast originale del logo TV ''The Big Gay Sketch Show'' , divenendo un membro del cast per tutte e tre le stagioni.

Dal 2008 si esibisce regolarmente in sketch comedy dal vivo all'Upright Citizens Brigade Theatre di New York City. Ha anche lavorato come doppiatrice, doppiando personaggi per serie come The Venture Bros., Robotomy e Ugly Americans. Nel 2009 McKinnon ha vinto un Logo NewNowNext Award per il miglior fumetto in ascesa. È stata nominata per un ECNY Emerging Comic Award nel 2010. Entra a far parte del cast del Saturday Night Live nel 2012 e diventa parte del cast principale l'anno successivo. È il primo membro dichiaratamente omosessuale del SNL.[1] Tra i personaggi da lei creati vi sono: la maschilista veterana di Hollywood Debette Goldry, Olya Povlatsky una turbata donna russa, la gattara lesbica Barbara DeDrew, la professoressa Miss Finley, l'amministratrice di condominio Mrs. Sartini, la presentatrice svedese Helga Handler, Deenie (Somebody's mom) e molti altri. Sono però più note le sue imitazioni di personaggi della politica e dello spettacolo tra cui: Hillary Clinton, Kellyanne Conway, Jeff Sessions, Angela Merkel, Justin Bieber, Penélope Cruz, Ellen DeGeneres, Martha Stewart, Jane Lynch, Shakira, Betsy DeVos, Rudolph Giuliani e molti altri.

È stata premiata con due Emmy consecutivi (2016, 2017) per le sue performance al Saturday Night Live come miglior attrice non protagonista in una serie commedia, cosa mai accaduta a nessun membro del cast dell'SNL, nonostante le numerose nomination di Kristen Wiig, Bill Hader e Amy Poehler. È uno degli unici quattro membri fissi del cast ad aver vinto un premio Emmy per recitazione, assieme a Dana Carvey, Gilda Radner e Chevy Chase, i quali hanno però vinto come migliore performance in un programma di varietà o sketch. È inoltre stata nominata per un Emmy per la migliore canzone originale per (Do It On My) Twin Bed che ha scritto e interpretato insieme ai suoi colleghi.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi lavori, Kate McKinnon è stata doppiata da:

Come doppiatrice, è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kate McKinnon: Who is SNL's first openly lesbian cast member?, su theweek.com, 30 marzo 2012. URL consultato il 20 settembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6131147270611635700000 · ISNI (EN0000 0004 6088 8718 · LCCN (ENno2016107757 · GND (DE1128188961 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016107757