Split (film 2016 Shyamalan)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Split
Split film 2017.jpg
James McAvoy in una scena del film
Titolo originale Split
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 116 min
Genere thriller, orrore
Regia M. Night Shyamalan
Soggetto M. Night Shyamalan
Sceneggiatura M. Night Shyamalan
Produttore Marc Bienstock, Jason Blum, M. Night Shyamalan
Produttore esecutivo Ashwin Rajan, Steven Schneider
Casa di produzione Blinding Edge Pictures, Blumhouse Productions
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Mike Gioulakis
Montaggio Luke Franco Ciarrocchi
Musiche West Dylan Thordson
Scenografia Mara LePere-Schloop
Costumi Paco Delgado
Trucco Diane Dixon, Pamela Peitzman
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Split è un film del 2016 scritto e diretto da M. Night Shyamalan e interpretato da James McAvoy, Anya Taylor-Joy, Jessica Sula, Haley Lu Richardson e Betty Buckley.

La pellicola è liberamente ispirata alla figura di Billy Milligan, un criminale statunitense affetto da disturbo dissociativo dell'identità.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tre adolescenti, Claire, Marcia e Casey, vengono rapite e tenute prigioniere in una cantina da Dennis, una delle 23 diverse personalità che abitano il corpo di Kevin Wendell Crumb, che a sua volta è stato vittima di un abuso infantile che gli ha causato una grave patologia di disturbo dissociativo dell'identità. La psichiatra di Kevin è la dottoressa Karen Fletcher, che crede che in tali casi lo squilibrio psicologico possa causare cambiamenti fisiologici. Nel corso degli anni Kevin è stato curato ed egli sembrava essere ora stabile: tutte le sue personalità stanno sedute nella stanza, in attesa del loro turno "nella luce" (controllo del corpo), mentre Barry, un'altra delle sue personalità, decide chi arriva o entra nella luce. Due personalità, Dennis e Patricia, sono tenuti fuori dalla luce, il primo dei due a causa della sua passione per guardare le ragazze che ballano nude, le sue tendenze violente ed un disturbo ossessivo-compulsivo.

Claire e Marcia cospirano per attaccare Dennis, ma vengono dissuase da Casey, che prima di agire vuole valutare come si sviluppa la situazione. Le ragazze si rendono conto della mutevole natura di Kevin quando egli diventa Patricia, la quale si vesta da donna, parla con loro e le assicura che a Dennis è vietato toccarle, dato che esse servono per uno scopo più grande. Casey, che capisce per prima le molteplici personalità di Dennis, cerca di fare amicizia con Hedwig, una delle personalità che sostiene di essere un bambino di nove anni, che confiderà loro che prossimamente saranno sacrificate alla Bestia, la ventiquattresima personalità. Hedwig però inavvertitamente rivela anche che la cantina è stata recentemente rafforzata per renderla più sicura: Casey e Marcia allora barricano la porta di entrata, mentre Claire cerca di scappare all'esterno strisciando attraverso i condotti di aerazione, ma la personalità di Dennis emerge e la ferma, bloccandola in una cella separata.

A questo punto la psichiatra riceve 15 e-mail da parte di Barry (probabilmente scritte dai singoli alter ego), in cui egli chiedeva aiuto. All'esterno però Dennis si finge Barry e partecipa con queste vesti alla seduta tanto richiesta con la dottoressa, la quale sin da subito nota delle discrepanze nel suo comportamento, rendendosi conto che Dennis e Patricia hanno soppiantato Barry come personalità dominante. Una volta che Kevin è rientrato a casa, Casey e Marcia ricevono cibo da Patricia, che le porta in cucina. Vedendo l'opportunità di fuggire, Marcia colpisce Patricia con una sedia e fugge, ma viene ripresa e messa anch'essa in una cella diversa. Casey intanto continua a fare amicizia con Hedwig, il quale le menziona una finestra, sita nella sua camera da letto, e le dà il suo primo bacio, credendo di averla messa incinta.

Dennis ancora una volta incontra la dottoressa Fletcher e i due parlano del padre di Kevin, che lo ha abbandonato quando era un bambino a bordo di un treno, il che ha portato gli altri personaggi che popolano la sua mente a credere che la Bestia sia nascosta all'interno di una carrozza del treno. Le personalità cominciarono a manifestarsi per aiutare Kevin ad affrontare l'abuso cui era stato sottoposto da sua madre, che soffriva di un grave disturbo ossessivo-compulsivo. Una volta concluso l'incontro con la psichiatra, Hedwig porta Casey nella sua camera da letto, dove la ragazza vede che la finestra altro non era che un semplice disegno. Delusa, afferra un walkie-talkie e parla alle radio nelle vicinanze per chiedere aiuto, prima di essere soggiogata da Patricia. Casey poi sperimenta il flashback di quando era stata molestata dallo zio John, poi diventato il suo tutore legale dopo la morte del padre: la ragazza era stata molestata durante una battuta di caccia con i due, il che l'aveva condotta a contemplare l'idea di uccidere lo zio con stesso fucile da caccia, ma - avendo esitato troppo - aveva perso l'occasione.

La dottoressa Fletcher, allarmata per un gran numero di richieste d'aiuto ricevute da Barry via mail, si precipita a casa di Kevin, dove si rende conto che è lui il responsabile del rapimento delle tre ragazze. Con la scusa delle necessità di andare in bagno cerca di liberare le ragazze prigioniere, ma viene sorpresa, drogata e immobilizzata da Dennis, che si reca poi in un vagone ferroviario e diventa la Bestia, manifestando doti di velocità sovrumana, forza, resistenza e agilità, una combinazione delle qualità dei diversi predatori che popolano lo zoo dove egli lavora e sotto il quale ha rinchiuso le tre ragazze. Una volta rinvenuta e sapendo che l'unico modo per chiamare alla luce il vero Kevin è quello di dire il suo nome completo, la dottoressa Fletcher lo scrive su un pezzo di carta prima di essere uccisa dalla Bestia.

Nel frattempo, le ragazze separate cercano di fuggire dalle loro celle. La Bestia le raggiunge, uccide dapprima Marcia e poi Claire, mentre Casey si imbatte nel cadavere della dottoressa Fletcher e nota l'istruzione, invitando quindi Kevin "alla luce" dopo aver pronunciato il suo nome. Rinsavito e inorridito dalle sue azioni, Kevin implora Casey di ucciderlo con il suo fucile da caccia prima che gli altri suoi personaggi inizino a riprendere il sopravvento, passando da uno all'altro fino a quando la Bestia non ritorna. Lei gli spara a bruciapelo, ferendolo ma non fermandolo, e la Bestia le espone i propri piani per liberare il mondo dagli impuri, cioè coloro i quali non hanno mai sofferto nella loro vita. La Bestia è pronta a divorare Casey quando nota su di lei delle cicatrici, eredità delle sevizie perpetrate dallo zio, e questa visione lo ferma, facendolo rallegrare per il fatto che ella sia pura. Dopo aver affermato che le persone in difficoltà sono eccezionali, la Bestia risparmia Casey e se ne va. Casey viene salvata da uno dei custodi dello zoo, nel quale Kevin viveva e lavorava nel seminterrato della manutenzione.

Nelle scene conclusive si vedono Dennis, Patricia e Hedwig esercitare un controllo permanente del corpo di Kevin, ammirando le doti sovrumane della Bestia e ripercorrendo i loro piani per cambiare il mondo. Intanto un'agente di polizia chiede a Casey se fosse pronta a tornare a casa con lo zio. Lei mostra in quel momento, un'espressione terrorizzata. Nella scena durante i titoli di coda compare David Dunn che parla dell'uomo di vetro e, guardando in una tavola calda il servizio su Kevin, si prepara ad affrontare la Bestia.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer è stato diffuso il 27 luglio 2016, sul canale YouTube ufficiale della Universal Pictures.[1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 agosto 2015 è stato annunciato che M. Night Shyamalan avrebbe diretto un film thriller basato su una sua stessa sceneggiatura e che avrebbe visto Joaquin Phoenix come protagonista[2]. Il 2 ottobre 2015 James McAvoy ha ufficialmente sostituito Phoenix come protagonista, dato che quest'ultimo per motivi di contratto non ha trovato un accordo col regista[3]. Il 27 ottobre dello stesso anno la Universal Pictures ha affermato che avrebbe prodotto il film e che questo si sarebbe intitolato Split[4].

La lavorazione del film è iniziata l'11 novembre 2015 a Filadelfia, Pennsylvania[5].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale al Fantastic Fest a settembre 2016,[6] mentre a novembre dello stesso anno è stato proiettato all'AFI Fest.[7]

La distribuzione del film era stata inizialmente prevista per il 27 gennaio 2017 negli Stati Uniti[8] per poi essere spostata al 20 gennaio[4]. In Italia avrebbe dovuto esser proiettato a partire dal 2 marzo 2017[9], ma la data definitiva è stata fissata per il 26 gennaio dello stesso anno.[10]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Prodotto con un budget di 9 milioni di dollari, Split ne ha incassati quasi 277 milioni nel mondo, di cui 138 milioni in patria.[11]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato accolto da recensioni generalmente positive da parte della critica; alcuni ne hanno elogiato la performance di McAvoy. Sul sito Rotten Tomatoes ottiene il 76% delle recensioni professionali positive, su un totale 125 recensioni, con un voto medio del 6.4/10.[12] Su Metacritic il film ha un voto di 62 su 100, basato sul parere di 47 critici.[13]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni mesi dopo l'uscita nelle sale di Split, il regista M. Night Shyamalan ha confermato che dirigerà e scriverà Glass, ovvero il sequel di Unbreakable - Il predestinato e di Split, che uscirà nelle sale il 18 gennaio 2019. Nel cast, come confermato dal regista, torneranno Bruce Willis nei panni di David Dunn insieme a James McAvoy in quelli di Kevin Wendell Crumb (e le sue molteplici personalità). Anya Taylor-Joy riprenderà il ruolo di Casey Cooke e Samuel L. Jackson quello di Elijah Price, ovvero l'uomo di vetro (Mr. Glass in originale).[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SPLIT di M. Night Shyamalan con James McAvoy - Trailer italiano ufficiale, Canale ufficiale della Universal Pictures su YouTube, 27 luglio 2016. URL consultato il 30 luglio 2016.
  2. ^ (EN) Ali Jaafar, Joaquin Phoenix, M. Night Shyamalan & Jason Blum In Talks To Reunite On New Project, Deadline Hollywood, 26 agosto 2015. URL consultato il 3 agosto 2016.
  3. ^ (EN) Ali Jaafar, James McAvoy In Talks To Replace Joaquin Phoenix In M. Night Shyamalan’s New Film, Deadline Hollywood, 2 ottobre 2015. URL consultato il 3 agosto 2016.
  4. ^ a b (EN) Dave McNary, M. Night Shyamalan’s Next Movie Titled ‘Split,’ Set for January, 2017 Release, Variety, 27 ottobre 2015. URL consultato il 29 luglio 2016.
  5. ^ (EN) Christine, M. Night Shyamalan’s ‘Split’, starring James McAvoy, filming locations in Philadelphia, OLV, 12 novembre 2015. URL consultato il 3 agosto 2016.
  6. ^ (EN) James McAvoy and M. Night Shyamalan crash Fantastic Fest with Split, avclub.com. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  7. ^ (EN) M. Night Shyamalan’s SPLIT Added to AFI FEST 2016, afi.com. URL consultato il 16 gennaio 2017.
  8. ^ (EN) Anthony D'Alessandro, Blumhouse Dates Two On Universal’s 2017 Schedule, Deadline Hollywood, 2 giugno 2015. URL consultato il 29 luglio 2016.
  9. ^ Simona Santoni, Split, il nuovo thriller di M. Night Shyamalan con un inquiente James McAvoy - Trailer, Panorama, 28 luglio 2016. URL consultato il 29 luglio 2016.
  10. ^ Split - Le molte personalità di Jacme McAvoy nel nuovo trailer, blog.screenweek.it, 26 ottobre 2016. URL consultato il 2 luglio 2017.
  11. ^ (EN) Split (2017), boxofficemojo.com. URL consultato il 2 luglio 2017.
  12. ^ (EN) Split, rottentomatoes.com. URL consultato il 2 luglio 2017.
  13. ^ (EN) Split reviews, metacritic.com. URL consultato il 2 luglio 2017.
  14. ^ Glass: M. Night Shyamalan annuncia ufficialmente il sequel di Unbreakable e di Split!, in badtaste.it, 26 aprile 2017. URL consultato il 27 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema