Melissa McBride

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Melissa Suzanne McBride (Lexington, 23 maggio 1965) è un'attrice statunitense, conosciuta principalmente per il ruolo di Carol Peletier nella serie televisiva The Walking Dead.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

McBride è nata a Lexington. Ha iniziato la sua carriera di attrice nel 1991 ad Atlanta, in Georgia. Ha fatto il suo debutto in televisione nel 1993 in un episodio della serie Matlock. In seguito è stata guest star in diverse serie televisive come L'ispettore Tibbs, American Gothic, Profiler - Intuizioni mortali, Walker, Texas Ranger e Dawson's Creek. In Dawson's Creek, nell'episodio Una serata fra amici della prima stagione nel 1998, ha interpretato il ruolo di Nina, un'appassionata di cinema che incanta Dawson dopo la sua rottura con Jen. Nel 2003 è ritornata nel series finale, ma nei panni di un personaggio diverso.

Nel 1990, McBride ha avuto ruoli di supporto in svariati film per la televisione, come Close to Danger (1997), Any Place But Home (1997) e I pirati di Silicon Valley (1999). Nel 1996 è comparsa nella miniserie della CBS Una stagione in Purgatorio basata sul romanzo omonimo di Dominick Dunne del 1993. McBride ha lavorato come direttore del casting commerciale in Atlanta, in Georgia dal 2000 fino al 2010. In questo stesso periodo, ha anche recitato in diversi cortometraggi.

Nel 2007, il regista Frank Darabont la assume per una piccola parte nel film di fantascienza The Mist, insieme a Laurie Holden con la quale lavorerà anche nella serie The Walking Dead. Nell'anno successivo è apparsa nel film per la televisione Living Proof - La ricerca di una vita.

The Walking Dead[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, McBride viene assunta nel cast della serie televisiva della AMC The Walking Dead basata sulla serie a fumetti omonima. Interpreta il ruolo di Carol Peletier, una sensibile donna di mezza età, moglie di un marito violento e madre premurosa per sua figlia Sophia, perderà entrambi nel corso della serie. Era un membro ricorrente del cast nella prima e seconda stagione, ma è stata promossa ad attrice regolare dalla terza stagione.[1] Come nel primo episodio della quarta stagione, il suo nome appare nella sequenza di apertura crediti. In origine, il suo personaggio doveva essere ucciso nell'episodio Dentro e fuori, ma i produttori hanno infine deciso diversamente.[2]

McBride ha ricevuto il plauso della critica per la sua performance nel ruolo di Carol e ha ricevuto giudizi generalmente favorevoli da parte della critica nel corso della terza e quarta stagione. Molti critici hanno elogiato la sua performance nell'episodio Il bosco della quarta stagione, centrato sul suo personaggio. Nel 2014, McBride era una concorrente promettente per un Emmy Award come attrice non protagonista eccezionale nella categoria serie drammatica, sebbene non abbia ricevuto una nomination.[3] Per la sua performance nella quarta stagione, McBride ha anche vinto il Saturn Award per la miglior attrice televisiva non protagonista e una nomination per i Critics' Choice Awards come migliore attrice non protagonista in una serie drammatica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nailed!, regia di Sheldon Schiffer (2006)
  • Lost Crossing, regia di Eric Blue (2007)
  • The Promise, regia di Shandra L. McDonald (2007)

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Melissa McBride è stata doppiata da:

  • Michela Alborghetti in The Walking Dead, Fear the Walking Dead
  • Tiziana Avarista in The Mist

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Ausiello, Melissa McBride Clears Up Walking Dead Contract Mystery, Declares: 'I Am a Series Regular', TV Line. URL consultato il 10 aprile 2013.
  2. ^ 'The Walking Dead': Glen Mazzara talks about T-Dog's death and Carol Archiviato il 5 luglio 2013 in Internet Archive. The Walking Dead News (December 17, 2012)
  3. ^ Michael Ausiello, Primetime Emmy Nominations 2014: My Snappy Judgements, TV Line, 10 luglio 2014. URL consultato il 10 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311116447 · LCCN (ENno2014126206