Anthony e Joe Russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Joe e Anthony Russo al San Diego Comic-Con 2019.

Anthony Russo (Cleveland, 3 febbraio 1970) e Joe Russo (Cleveland, 19 luglio 1971), generalmente noti come i fratelli Russo, sono due fratelli registi, sceneggiatori, produttori televisivi e produttori cinematografici statunitensi diventati famosi per aver diretto due pellicole sul gruppo di supereroi Avengers della Marvel: Avengers: Infinity War (2018) e Avengers: Endgame (2019).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sono nati e cresciuti nel quartiere italiano di Cleveland, da genitori di origini italiane. Il padre è originario di Longi, in provincia di Messina, mentre la madre è originaria di Pescara, in Abruzzo.[1] Hanno studiato alla Benedictine High School. Entrambi si sono laureati presso la Case Western Reserve University, dove hanno iniziato a dirigere, scrivere e produrre il loro primo lungometraggio, intitolato Pieces, utilizzando finanziamenti di altri studenti e una carta di credito[2]. Dopo aver visto Pieces ad una rassegna cinematografica, Steven Soderbergh avvicina il duo e si offre di produrre il loro prossimo film, insieme al suo socio di produzione George Clooney[3]. Da questa collaborazione è nata la commedia Welcome to Collinwood, il cui cast comprende William H. Macy, Sam Rockwell e lo stesso Clooney. Welcome to Collinwood è un remake del film di Mario Monicelli del 1958 I soliti ignoti.

Nel 2003 iniziano a lavorare per la televisione dirigendo l'episodio pilota della serie televisiva Lucky, incentrata su un giocatore compulsivo di poker. Ron Howard apprezza il pilota[3] e assume i due fratelli per dirigere l'episodio pilota per la serie della Fox Arrested Development - Ti presento i miei, per cui vincono un Emmy per la regia dell'episodio.

Nel 2006 tornano al cinema per dirigere la commedia incentrata su una coppia di sposi novelli che danno ospitalità a un amico rimasto senza casa e lavoro ed intitolata Tu, io e Dupree, con Owen Wilson, Kate Hudson e Matt Dillon. Molto apprezzati nell'ambiente delle serie tv, i due fratelli vi fanno ritorno già nello stesso anno per dirigere alcuni episodi di A proposito di Brian e l'anno successivo di Carpoolers, sitcom su quattro uomini che lavorano nello stesso edificio e condividono l'auto per andare al lavoro.

Negli anni seguenti lavorano come registi e produttori esecutivi delle serie televisive Happy Endings, su due ex fidanzati che cercano di rimanere amici dopo la fine della loro storia, e Community, che racconta le vicende di un avvocato costretto a tornare al college dopo che la sua laurea è stata sospesa dall'ordine degli avvocati.

Nel 2014 vengono scelti dalla Disney come registi di Captain America: The Winter Soldier per i Marvel Studios che rappresenta il sequel di Captain America - Il primo Vendicatore e The Avengers. Nel gennaio 2014 vengono confermati alla regia del terzo film di Capitan America, intitolato Captain America: Civil War[4]. Nell'aprile del 2015, vengono confermati alla regia dei film Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Registi[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Produttori[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Attori[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatori[modifica | modifica wikitesto]

Montatori[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edizione ore 12.25 del 27 maggio, mediasetplay.mediaset.it. URL consultato il 27 maggio 2019.
  2. ^ Biography answers.com URL: consultato il 27 luglio 2013
  3. ^ a b Biography
  4. ^ (EN) Directors Joe & Anthony Russo Confirm They’ll Direct CAPTAIN AMERICA 3; Say They’re Breaking the Story Now with Screenwriters Christopher Markus & Stephen McFeely, su collider.com, 11 marzo 2014. URL consultato il 29 luglio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2172149619443104010008 · ISNI (EN0000 0004 6007 8934 · WorldCat Identities (EN2172149619443104010008