Marvel Studios

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marvel Studios
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1993
Fondata da Avi Arad, ToyBiz, Marvel Entertainment Group
Sede principale Burbank
Gruppo The Walt Disney Studios
(The Walt Disney Company)
Persone chiave Kevin Feige
(Presidente)
Louis D'Esposito
(Co-presidente)
Settore Cinematografico
Prodotti Film
Sito web marvel.com/movies

I Marvel Studios, LCC, conosciuti dal 1993 al 1996 come Marvel Films, sono uno studio cinematografico e televisivo con sede a Burbank, California. Lo studio è una sussidiaria dei The Walt Disney Studios, a loro volta di proprietà della The Walt Disney Company.[1]

I Marvel Studios controllano anche le divisioni Marvel Music e MVL Productions LLC. I film dei Marvel Studios sono distribuiti dalla Walt Disney Studios Motion Pictures, ad eccezione dei film dal 2008 al 2011, distribuiti da Paramount Pictures, de L'incredibile Hulk (2008), distribuito da Universal Studios, e di Spider-Man: Homecoming (2017), distribuito dalla Columbia Pictures.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo in cui la Marvel era conosciuta come Timely Comics, fu prodotto un serial cinematografico con protagonista Capitan America dal titolo, appunto, Captain America.

Negli anni settanta, la Marvel Entertainment vendette i diritti di sfruttamento di alcuni personaggi ad alcuni studi cinematografici. Inizialmente fu prodotta una serie TV composta da corti con protagonista l'Uomo Ragno e titolata Spidey Super Stories. Durante gli anni settanta fu prodotta The Amazing Spider-Man, serie TV incentrata sul personaggio dell'Uomo Ragno, da cui furono tratti tre film (L'uomo Ragno, L'uomo Ragno colpisce ancora e L'uomo Ragno sfida il drago); poco tempo dopo fu Hulk ad ottenere una riduzione televisiva con Bill Bixby e Lou Ferrigno, dalla quale furono estrapolati cinque film (L'incredibile Hulk, Morte in famiglia, Processo all'incredibile Hulk, La rivincita dell'incredibile Hulk e La morte dell'incredibile Hulk).

Nello stesso periodo furono realizzati tre film destinati alla televisione: Dr. Strange, Capitan America e il sequel Captain America II: Death Too Soon. Nel 1986 fu prodotta una pellicola cinematografica basata sul personaggio di Howard il papero, intitolata Howard... e il destino del mondo. Successivamente, nel 1989, fu realizzato Il Vendicatore, basato sul personaggio di Punisher ed interpretato da Dolph Lundgren. Nello stesso anno fu realizzato un nuovo film su Capitan America. I primi anni novanta furono caratterizzati anche da un pilot di una serie televisiva mai realizzata dedicata ai Power Pack. La Marvel Productions cambiò nome in Marvel Films nel 1993 e poi in Marvel Studios nel 1996, con Avi Arad come Chief Executive Officer (carica che mantenne fino al 1998, quando assunse ruoli di produttore esecutivo nella produzione dei film).[2]

Negli anni novanta fu realizzata una pellicola sui Fantastici Quattro che non vide mai la luce; furono realizzati anche due film televisivi (Generazione X e Nick Fury). Successivamente, nei primi anni del 2000, fu realizzata una serie televisiva ispirata vagamente agli X-Men e intitolata Mutant X.

Marvel Studios[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 2005 i Marvel Studios, sotto la direzione di Kevin Feige, decisero che avrebbero cominciato a produrre indipendentemente i propri film e a distribuirli attraverso la Paramount Pictures. La Marvel infatti aveva ricevuto un profitto relativamente piccolo da questi accordi con gli altri studios per i diritti di sfruttamento dei suoi personaggi e decise quindi di voler maggior controllo creativo sui propri progetti.[3]

Il 31 dicembre 2009 la Walt Disney Company ha acquistato la Marvel Entertainment per $4 miliardi. Nel giugno 2010 la Marvel Entertainment ha creato la divisione televisiva Marvel Television, affidando a Jeph Loeb il ruolo di Vice Presidente Esecutivo. Nell'ottobre dello stesso anno la Disney ha comprato i diritti di distribuzione di The Avengers e Iron Man 3 dalla Paramount Pictures,[4] il cui logo è comunque presente nel materiale promozionale e all'inizio dei film.[5][6]

Nel 2012, in occasione dell'uscita di The Amazing Spider-Man, Disney e Sony Pictures hanno negoziato un accordo tramite il quale la Disney ha acquisito i diritti sul merchandise su tutti i futuri film di Spider-Man, mentre la Sony ha ottenuto la percentuale di diritti della Marvel sul personaggio.[7]

Nell'aprile 2013 la Disney ha comprato dalla Paramount i diritti di distribuzione di Iron Man, Iron Man 2, Thor e Captain America - Il primo Vendicatore.[8]

Nel febbraio 2015 Sony Pictures e i Marvel Studios hanno annunciato un accordo per realizzare un nuovo film su Spider-Man ambientato all'interno del Marvel Cinematic Universe. Il film sarà prodotto da Kevin Feige e Amy Pascal. I diritti cinematografici di Spider-Man rimarranno alla Sony.[9]

Nell'agosto 2015 i Marvel Studios sono stati integrati nei Walt Disney Studios, e Feige risponderà direttamente al presidente dei Walt Disney Studios Alan Horn invece che al CEO della Marvel Entertainment Isaac Perlmutter. Marvel Animation e Marvel Television rimangono invece sotto il controllo della Marvel Entertainment e di Perlmutter.[10][11]

Film in licenza[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli anni ottanta e novanta, la Marvel vendette i diritti dei propri personaggi a numerosi studios cinematografici. Questo ha impedito, nel corso degli anni, di far apparire o soltanto citare in un film dedicato ad un supereroe altri personaggi della casa editrice, così come la possibilità di produrre un film corale che potesse raggruppare numerosi personaggi diversi.

Con la nascita, nel 2004, dei Marvel Studios questo problema si è ridotto dando possibilità alla Marvel di poter realizzare film con citazioni, comparse, easter eggs o film corali; nonostante ciò, ad oggi, i Marvel Studios non possiedono tutti i diritti dei loro personaggi.

Prima di iniziare a produrre i film indipendentemente dagli altri studios, i Marvel Studios hanno partecipato alla produzione di svariate pellicole basate su personaggi Marvel Comics. Il primo film in co-produzione con il nome dei Marvel Studios fu Blade (1998), con Wesley Snipes e diretto da Stephen Norrington. Nel 1998 vengono venduti alla 20th Century Fox i diritti cinematografici degli X-Men, protagonisti di una duratura serie di film. Negli anni successivi si susseguono altre produzioni, tra le quali la serie di Spider-Man prodotta dalla Sony Pictures.

Marvel Knights[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Knights.

Marvel Knights è una sotto-etichetta dei Marvel Studios usata per i film più violenti e dark dello studio. L'etichetta è stata usata nel 2008 in occasione dell'uscita di Punisher - Zona di guerra; è stata nuovamente usata nel 2012 per Ghost Rider - Spirito di vendetta.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Television.

Nel giugno 2010 la Marvel crea una propria divisione televisiva, chiamata Marvel Television, guidata da Jeph Loeb. La prima serie sviluppata dalla Marvel Television è Agents of S.H.I.E.L.D., in onda sulla ABC e ambientata all'interno del Marvel Cinematic Universe.

Nel gennaio 2015 ha debuttato, sempre sulla ABC, la serie televisiva Agent Carter[12] mentre dal 2015 verranno lanciate sul servizio di streaming on demand Netflix quattro serie tv basate su Daredevil, Jessica Jones, Luke Cage e Pugno d'acciaio, i quali si uniranno nella miniserie The Defenders.[13] È in sviluppo anche uno spin-off di Daredevil, dedicato al personaggio di The Punisher.[14] Anche le sei serie di Netflix faranno parte del Marvel Cinematic Universe.

Marvel Animation[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Animation.

La Marvel Animation è la divisione della Marvel Television che si occupa di realizzare film e serie televisive d'animazione con protagonisti i personaggi Marvel.

Dirigenza[modifica | modifica wikitesto]

  • Avi Arad
    • Presidente di Marvel Films e CEO, (1993 – agosto 1996)
    • Presidente del consiglio d'amministrazione dei Marvel Studios e CEO, (agosto 1998 – maggio 2006)
  • Jerry Calabrese
  • David Maisel
    • Direttore operativo, (2004 – settembre 2005)
    • Vice-presidente del consiglio d'amministrazione, (settembre 2005 - settembre 2006)
    • Presidente del consiglio d'amministrazione e CEO, (marzo 2007 – 2010)
  • Michael Helfant, presidente e direttore operativo, (ottobre 2005)
  • Kevin Feige, presidente di produzione, (marzo 2007 – in carica)
  • Tim Connors, direttore operativo, (dicembre 2008 – in carica)

[modifica | modifica wikitesto]

Logo dei Marvel Studios usato dal 2013 al 2016.

A partire dall'uscita di Spider-Man 2, i Marvel Studios introdussero un logo creato da Imaginary Forces. Il logo era accompagnato dalle musiche del film e dal suono di pagine sfogliate. da Questo logo è stato usato in tutti i film fino al 2013, quando con l'uscita di Thor: The Dark World la Imaginary Forces ha creato una versione aggiornata del logo. Il nuovo logo è stato usato in tutte le produzioni ambientate nel Marvel Cinematic Universe fino a Captain America: Civil War (2016). Oltre al nuovo logo i Marvel Studios hanno commissionato a Brian Tyler, autore delle musiche di Iron Man 3, Thor: The Dark World e Avengers: Age of Ultron, una fanfara d'accompagnamento, usata in Thor: The Dark World, Captain America: The Winter Soldier e Guardiani della Galassia. I primi due loghi erano composti da immagini tratte dai fumetti Marvel Comics che si succedono come se fossero pagine che vengono sfogliate. Nel luglio 2016 i Marvel Studios rivelarono un nuovo logo e una nuova fanfara, composta da Michael Giacchino, autore delle musiche di Doctor Strange. Il logo presenta inizialmente le stesse immagini tratte dai fumetti dei primi loghi, per poi passare a scene e concept art tratti dai film del Marvel Cinematic Universe. Questo logo viene usato a partire da Doctor Strange.[15]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Marvel Cinematic Universe.
Anno Film Regista Sceneggiatura Distribuzione
2008 Iron Man Jon Favreau Mark Fergus & Hawk Ostby e Art Marcum & Matt Holloway Paramount Pictures
L'incredibile Hulk Louis Leterrier Zak Penn Universal Pictures
2010 Iron Man 2 Jon Favreau Justin Theroux Paramount Pictures
2011 Thor Kenneth Branagh Ashley Edward Miller & Zack Stentz e Don Payne (sceneggiatura)
J. Michael Straczynski e Mark Protosevich (storia)
Captain America - Il primo Vendicatore Joe Johnston Christopher Markus & Stephen McFeely
2012 The Avengers Joss Whedon Joss Whedon (sceneggiatura)
Joss Whedon e Zak Penn (storia)
Walt Disney Studios Motion Pictures
2013 Iron Man 3 Shane Black Shane Black e Drew Pearce
Thor: The Dark World Alan Taylor Christopher Yost e Christopher Markus & Stephen McFeely (sceneggiatura)
Don Payne e Robert Rodat (storia)
2014 Captain America: The Winter Soldier Anthony & Joe Russo Christopher Markus & Stephen McFeely
Guardiani della Galassia James Gunn James Gunn e Nicole Perlman
2015 Avengers: Age of Ultron Joss Whedon
Ant-Man Peyton Reed Edgar Wright & Joe Cornish e Adam McKay & Paul Rudd (sceneggiatura)
Edgar Wright & Joe Cornish (storia)
2016 Captain America: Civil War Anthony & Joe Russo Christopher Markus & Stephen McFeely
Doctor Strange Scott Derrickson Scott Derrickson & C. Robert Cargill (sceneggiatura)
Jon Spaihts e Scott Derrickson & C. Robert Cargill (storia)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Disney/Marvel Deal: What It Means for Movies, IGN
  2. ^ (EN) Marvel's 'X' man makes cushy exit. Variety,
  3. ^ Sharon Waxman, Marvel Wants to Flex Its Own Heroic Muscles as a Moviemaker, in The New York Times, 18 giugno 2007, p. 2. URL consultato il 1º febbraio 2009 (archiviato il 31 marzo 2013).
  4. ^ (EN) Disney to Distribute Marvel's 'The Avengers,' 'Iron Man 3', su The Hollywood Reporter, 18 ottobre 2010.
  5. ^ (EN) Paramount Makes Money Off 'Avengers' Too, su Deadline.com, 6 maggio 2012. URL consultato il 3 maggio 2015.
  6. ^ (EN) Marc Graser, Paramount’s Super Payoff for ‘Iron Man 3′, su Variety, 10 maggio 2013.
  7. ^ Disney Acquires Sony's Merchandising Participation For The Amazing Spider-Man, comicbookmovie.com. URL consultato il 18 settembre 2015.
  8. ^ (EN) Nikki Finke, Disney Completes Purchase Of Marvel Home Entertainment Distribution Rights, su Deadline.com, 2 luglio 2013.
  9. ^ (EN) Sony Pictures Entertainment Brings Marvel Studios Into The Amazing World Of Spider-Man, su Marvel.com, 9 febbraio 2015. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  10. ^ (EN) Brett Lang, Marvel’s Kevin Feige Will Now Report to Disney, su Variety, 31 agosto 2015. URL consultato il 18 settembre 2015.
  11. ^ (EN) Kim Masters e Matthew Belloni, Marvel Shake-Up: Film Chief Kevin Feige Breaks Free of CEO Ike Perlmutter (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 31 agosto 2015. URL consultato il 18 settembre 2015.
  12. ^ [1] da Everyeye
  13. ^ [2] da Everyeye
  14. ^ È ufficiale: Netflix ordina la serie tv su The Punisher, spin-off di Daredevil! - ScreenWEEK.it Blog, blog.screenweek.it, 29 aprile 2016. URL consultato il 2 agosto 2016.
  15. ^ (EN) Albert Ching, SDCC: NEW MARVEL STUDIOS LOGO AND OPENING FANFARE REVEALED, su Comic Book Resources, 23 luglio 2016. URL consultato il 23 agosto 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN125870477 · BNF: (FRcb16532954c (data)