San Diego Comic-Con International

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Diego Comic-Con)
Jump to navigation Jump to search
San Diego Comic-Con
San Diego Comic-Con International
Comic-Con.png
Logo della San Diego Comic-Con International.
LuogoSan Diego, California
Anni1970 - oggi
Frequenzaannuale
Date19-22 luglio 2018 (Edizione 2018)
Generemulti-genere
OrganizzazioneComic-Con International
Sito ufficiale

La San Diego Comic-Con International, comunemente conosciuta come Comic-Con o San Diego Comic-Con, è la convention annualemultigenere[non chiaro] più grande degli Stati Uniti[senza fonte], ed è dedicata al mondo delle arti, del cinema e dei fumetti. Fondata nel 1970, la convention ha luogo ogni anno nel periodo estivo, al San Diego Convention Center (San Diego, California), per la durata di quattro giorni.

Originariamente vetrina per fumetti, fantascienza e fantasy, nel corso degli anni il Comic-Con si è ampliato, includendo una vasta gamma di elementi appartenenti alla cultura pop, come anime, manga, giocattoli, fumetti online, romanzi fantasy, videogiochi, giochi di carte collezionabili, horror, animazione e serie tv.

Il Comic-Con International organizza anche altre due convention, l'Alternative Press Expo e il WonderCon, che si svolgono entrambe a San Francisco. A partire dal 1974, durante la convention viene assegnato il premio Inkpot Award, consegnato a ospiti e a persone legate al settore, nonché a membri del consiglio di amministrazione del Comic-Con. Inoltre la convention è la sede dell'annuale Eisner Award.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La prima convention è stata fondata nel 1970 da Shel Dorf, Richard Alf, Ken Krueger, Mike Towry, Barry Alfonso, Bob Sourk e Greg Bear.[1][2] A metà degli anni '60 un appassionato di fumetti di nome Shel Dorf ha montato la Detroit Triple-Fan Fairs, una delle prime convention commerciali sui fumetti. Quando si è trasferito a San Diego, in California, nel 1970,[3] ha organizzato una convention per la giornata del 21 marzo 1970, chiamata Golden State Comic-Minicon, "come sorta di grande convention che sperava di mettere in scena". Dorf ha continuato ad associarsi alla convention come presidente o manager, alternativamente, per anni fino a quando non si è allontanato dall'organizzazione.[4] Alf ha co-presieduto la prima convention con Krueger e ne è diventato presidente nel 1971.[2]

Dopo il primo incontro, la prima convention di fumetti di San Diego dalla durata di tre giorni, il Golden State Comic-Con,[3] ha coinvolto 300 persone ed è stato ospitato al U.S. Grant Hotel[3] dall'1 al 3 agosto 1970.[5] Durante i primi anni le varie location della convention variavano tra l'El Cortez Hotel, l'Università della California e la Golden Hall, fino a quando si è trasferita ufficialmente al San Diego Convention Center nel 1991.[6] Richard Alf, presidente nel 1971, ha notato che un fattore iniziale nella crescita del Comic-Con è stato uno sforzo "per espandere la base del comitato di Comic-Con con altri fandom come la Society for Creative Anachronism e la Mythopoeic Society". In un articolo riguardante le origini del Comic-Con, Rolling Stone ha notato il lavoro di Krueger, che ha gestito le prime questioni commerciali, per aver fatto il possibile ad affidare l'evento ad un'organizzazione senza scopo di lucro.[7] Verso la fine degli anni '70, il Comic-Con era una tra le più grandi convention di fumetti nel Nord America.

Secondo Forbes, la convention è la "più grande del suo genere al mondo".[8] Publishers Weekly ha affermato: "Comic-Con International: San Diego è il più grande spettacolo del Nord America" ed è anche la più grande convention tenutasi a San Diego.[9] La convention ha un impatto economico regionale annuale stimato di oltre $ 140 milioni.[10] Eppure, nel 2009, l'impatto economico stimato è stato criticato presumibilmente per via dell'impatto negativo sulle imprese stagionali al di fuori del Comic-Con e per le basse stime di spesa individuali dei partecipanti.[11]

Entro il 2018, il Comic-Con di San Diego vide una crescente concorrenza da parte di altre convention di fumetti presenti a New York City e Washington, DC; questo lo spinse a competere per i partecipanti e le società in termini di tempo e budget.

La convention è organizzata da un panel di 13 membri del consiglio, da 16 a 20 lavoratori a tempo pieno e part-time, e da 80 volontari che assistono tramite comitati. Comic-Con International è un'organizzazione senza scopo di lucro e il ricavato dell'evento è destinato al finanziamento, così come l'Alternative Press Expo (APE) e il WonderCon.[6] Il logo della convention è stato progettato da Richard Bruning e Josh Beatman nel 1995. Nel 2015, lavorando con Lionsgate, è stato creato un canale per ospitare contenuti correlati al Comic-Con. Nel 2015, attraverso una società a responsabilità limitata, Comic-Con International ha acquistato tre edifici in Barrio Logan.[12] Nel 2018 Comic-Con International acquistò un ufficio di 2.700 metri quadrati nel quartiere di Little Italy, a San Diego.[13]

Nel 2017, l'organizzazione ha acquisito un contratto di locazione dal Federal Building presente a Balboa Park, originariamente costruito per la California Pacific International Exposition e precedentemente occupato dalla San Diego Hall of Champions, con l'intenzione di aprire un museo Comic-Con. Entro l'ottobre 2017, l'organizzazione iniziò a assumere del personale per il museo. Quasi un anno dopo aver acquisito il contratto d'affitto, il museo non era ancora stato aperto.[14] Durante il Comic-Con International 2018 si è scopreto che uno dei motivi per cui il museo non era stato ancora aperto era la necessità di ulteriori fondi. Gli organizzatori sperano di raccogliere 25 milioni di dollari con una data di apertura prevista tra il 2020 e 2021.[13]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

La Comic-Con ospita una vasta superficie dedicata agli espositori, con stand riservati a case editrici, studi cinematografici ed emittenti televisive, che possono presentare in anteprima i loro prodotti. Come la maggior parte dei convegni del fumetto, il Comic-Con ha una zona riservata all'acquisto e al collezionismo di fumetti, ed una zona autografi, dove gli artisti possono entrare in contatto con i loro fan. Alla convention vengono infatti organizzati seminari e workshop con professionisti del fumetto, e tra i tradizionali eventi del programma, vi sono una sala dedicata esclusivamente all'animazione giapponese e l'allestimento di incontri per discutere di tutti gli aspetti del fumetto e della cultura pop in generale.

Alla Comic-Con vengono presentate molte anteprime di film imminenti, ed inoltre si svolge il Comic-Con International Independent Film Festival, dove vengono presentati lungometraggi o cortometraggi che non hanno una distribuzione o faticano a trovarla.

Dal 2010 viene creata l'Action Hero Hall of Fame in collaborazione col sito IGN. Questa Hall of Fame rappresenta un tributo agli attori d'azione più meritevoli e di successo nel mondo del cinema. Il primo ad essere inserito nella Hall of Fame fu Sylvester Stallone nel 2010.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Comic-Con co-creator Krueger dies, 25 novembre 2009. URL consultato il 25 settembre 2018.
  2. ^ a b (EN) Peter Rowe, Richard Alf, 59, one of Comic-Con's founders, in sandiegouniontribune.com. URL consultato il 25 settembre 2018.
  3. ^ a b c Founder of Comic-Con dies at 76 - KSWB, su web.archive.org, 4 ottobre 2011. URL consultato il 25 settembre 2018.
  4. ^ news from me - ARCHIVES - November 03, 2009, su web.archive.org, 6 novembre 2009. URL consultato il 25 settembre 2018.
  5. ^ (EN) Peter Rowe, Obituary: Sheldon Dorf; Comic-Con co-founder, in sandiegouniontribune.com. URL consultato il 25 settembre 2018.
  6. ^ a b (EN) ELIZABETH MALLOY, Charting Comic-Con's Hulk-like growth, in The Daily Transcript, 18 aprile 2008. URL consultato il 25 settembre 2018.
  7. ^ (EN) Chris Chafin, San Diego Comic-Con: The Untold History, in Rolling Stone, 19 luglio 2017. URL consultato il 25 settembre 2018.
  8. ^ (EN) David M. Ewalt, The Coolest Costumes Of Comic-Con, in Forbes. URL consultato il 25 settembre 2018.
  9. ^ What are the biggest comic-cons in North America? | PWxyz, su web.archive.org, 7 agosto 2014. URL consultato il 25 settembre 2018.
  10. ^ (EN) Economic impact of Comic-Con International San Diego -, in McKinnon Broadcasting, 25 luglio 2018. URL consultato il 25 settembre 2018.
  11. ^ (EN) Kristan Borghi, Jeff Lien, Yi Zhang, National University System Institute for Policy Research • Economics: Comic-Con's Impact More Cultural Than Financial?, su www.nusinstitute.org. URL consultato il 25 settembre 2018.
  12. ^ Comic-Con buys properties in San Diego's Barrio Logan — but is mum on plans for them - LA Times, su web.archive.org, 1º settembre 2016. URL consultato il 25 settembre 2018.
  13. ^ a b Comic-Con Plants More Local Roots, And Wins Suit, in San Diego Business Journal. URL consultato il 25 settembre 2018.
  14. ^ (EN) Megan Burks, Comic-Con Museum Makes Its Debut With Call For Ideas, in KPBS Public Media. URL consultato il 25 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]