10 Cloverfield Lane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
10 Cloverfield Lane
10 Cloverfield Lane.jpg
Una scena del film
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2016
Durata 103 min
Genere thriller, fantascienza, drammatico, orrore
Regia Dan Trachtenberg
Soggetto Josh Campbell, Matthew Stuecken
Sceneggiatura Josh Campbell, Matthew Stuecken, Damien Chazelle
Produttore J. J. Abrams, Lindsey Weber
Produttore esecutivo Bryan Burk, Drew Goddard, Matt Reeves
Casa di produzione Bad Robot Productions
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Jeff Cutter
Montaggio Stefan Grube
Musiche Bear McCreary
Scenografia Ramsey Avery
Interpreti e personaggi
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

10 Cloverfield Lane è un film di fantascienza e thriller psicologico del 2016 diretto da Dan Trachtenberg.

Scritto da Josh Campbell, Matthew Stuecken e Damien Chazelle ed interpretato da Mary Elizabeth Winstead, John Goodman e John Gallagher Jr., è il secondo film del franchise Cloverfield. Il film inizialmente viene sviluppato sulla base di uno script chiamato The Cellar, ma sotto la produzione dell'etichetta Bad Robot è stato convertito nel sequel spirituale di Cloverfield.

La trama si svolge all'interno di un bunker, dove la protagonista è tenuta inizialmente prigioniera dopo avere subito un incidente. Si ritrova in compagnia di due uomini che a più riprese tentano di convincerla che un evento apocalittico ha reso la superficie inabitabile. Il film è presentato in terza persona, in contrasto con lo stile found footage del suo predecessore.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito a una discussione con il suo fidanzato, Michelle lascia New Orleans e guida attraverso la Louisiana rurale. A tarda notte ascoltando la radio apprende di continui blackout nelle principali città dello Stato, quindi ha un terribile incidente e finisce fuori strada priva di sensi.

Si sveglia in una stanza priva di finestre, incatenata a un muro, e successivamente è avvicinata da un uomo di nome Howard, che le spiega che gli Stati Uniti sono stati attaccati e che lui l'ha salvata portandola nel suo bunker dopo averla trovata incosciente fuori strada. In un'altra stanza dell'ampio e fornitissimo rifugio sotterraneo c'è Emmett, un ragazzo che ha assistito all'attacco ed è stato accolto da Howard prima che questi sigillasse gli accessi. Michelle, che sospetta una macchinazione, riesce a rubare le chiavi di Howard e cerca di fuggire. Attraverso l'ultima porta blindata vede una vicina di Howard, Leslie, che la implora di farla entrare. In preda alla paranoia la donna, con il volto visibilmente lesionato da agenti tossici, colpisce ripetutamente il vetro blindato della porta fino a morire, convincendo Michelle a non fuggire all'esterno.

Con il passare del tempo i tre cominciano a adattarsi a vivere isolati e Michelle viene a sapere a poco a poco della figlia di Howard, Megan. Quando un guasto causa il blocco dell'unità di filtrazione dell'aria, Howard chiede a Michelle di salire attraverso i condotti dell'aria per raggiungere la camera del compressore e ripristinare il sistema. Dopo avere riavviato il sistema Michelle scopre una finestra con la parola HELP ("aiuto" in inglese) graffiata sul lato interno e un orecchino insanguinato che lei riconosce di aver visto in una foto di Megan mostratagli da Howard. Emmett, al quale riferisce tutto, in quella stessa foto riconosce Brittany, una ragazza scomparsa anni prima dalla sua scuola superiore. Dopo poco i due trovano un'ulteriore prova che dimostrerebbe che Howard è uno psicopatico pericoloso e iniziano così a pianificare una fuga e a fabbricare una maschera antigas e una tuta protettiva. Tuttavia Howard sospetta qualcosa, e li porta davanti a un bidone di acido perclorico, accusandoli di cospirare contro di lui. Emmett si assume tutta la colpa e afferma di essere stato lui a progettare la creazione di un'arma per prendere il controllo del bunker. Dopo avere accettato le scuse da Emmett, Howard lo uccide a bruciapelo.

Michelle, superato lo shock iniziale per la morte di Emmett, si rimette al lavoro per completare la tuta protettiva, ma è scoperta da Howard e allora fugge dalla sua stanza. Dopo un breve inseguimento arrivano al bidone di acido, che Michelle rovescia addosso all'uomo ustionandolo gravemente e causando un cortocircuito con l'innesco di un incendio. Recuperata la tuta protettiva e la maschera, Michelle riesce a scappare all'esterno del bunker, dove si rende conto che l'aria non è tossica. Pochi istanti dopo si accorge incredula di una nave extraterrestre biomeccanica apparsa in lontananza. A causa dell'incendio nel bunker avviene un'esplosione che attira l'attenzione della nave, la quale si avvicina e lascia a terra una sentinella per indagare. La ragazza fugge verso la casa di Howard, rendendosi conto di essere inseguita da una creatura aliena. La nave extraterrestre rilascia gas tossici, costringendola a utilizzare di nuovo la maschera antigas e a rifugiarsi velocemente nel furgone di Howard. Viene scoperta e prelevata assieme al furgone dalla nave tecno-organica che si prepara a inghiottirla. Ormai disperata, Michelle approfitta di una bottiglia di whisky e un accendino lasciati da Howard nel furgone per assemblare una molotov e gettarla rapidamente nella "bocca" della nave incendiandola e distruggendola. Ripresasi dalla caduta del veicolo al suolo Michelle si allontana utilizzando la macchina di Leslie. Nel farlo colpisce la cassetta delle lettere facendola cadere e mostrando l'indirizzo: 10 Cloverfield Lane.

Alla radio ascolta una richiesta di soccorso e una dichiarazione di vittorie umane contro le invasioni aliene sulla costa meridionale. Il comunicato informa i sopravvissuti di evacuare a nord di Baton Rouge e chiedendo a chiunque con esperienza medica o militare di procedere verso Houston. Giunta ad un bivio, dopo una breve riflessione, si dirige verso Houston. Mentre la macchina di Michelle procede verso le luci della città, i bagliori di un temporale lasciano intravedere altre navi aliene sulla sua strada.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2014 Dan Trachtenberg viene scelto dalla Bad Robot per dirigere il film,[1] inizialmente intitolato The Cellar;[2] nel settembre 2014 il titolo del film è stato modificato in Valencia.[3] Le riprese principali del film sono cominciate il 20 ottobre 2014 a New Orleans,[4] in Louisiana, e sono terminate il 15 dicembre 2014.[5]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

« I mostri si presentano in diverse forme »
(Tagline del film)

Il primo teaser del film è stato allegato alle copie statunitensi del film 13 Hours: The Secret Soldiers of Benghazi di Michael Bay, e pubblicato poco dopo online.[6]

Marketing virale[modifica | modifica wikitesto]

Sul sito della Tagruato, immaginaria compagnia al centro del primo film Cloverfield e del relativo marketing, è comparsa una sezione intitolata Impiegato del Mese aggiornata a febbraio 2016, in cui è possibile vedere il volto di Howard Stambler, l'antagonista del film, descritto come membro della sussidiaria Bold Futura.[7] Il sito dice sul personaggio: "Howard celebrerà il suo settimo anniversario con la Bold Futura in autunno. Questo mese, l’impeto di Howard, il suo impegno e il suo rifiuto di soluzioni facili hanno rappresentato un grande passo in avanti nella trasmissione dei dati di diagnosi a cura di due satelliti dei nostri clienti". Infatti nella scena in cui Michelle arriva nella camera del compressore, si intravede per terra una busta che reca due indirizzi: uno è appunto 10 Cloverfield Lane e il secondo è quello della sede giapponese della Tagruato.[8]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche statunitensi l'11 marzo 2016 e il 28 aprile 2016 nelle sale italiane.[9]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film, costato 15 milioni di dollari, ne ha incassati 108,3 milioni.

In linea generale il film ha ottenuto ottime recensioni da parte della critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ottiene il 90% di recensioni positive, mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 75/100. È stata apprezzata l'idea di un film con pochi attori e un'ambientazione unica. Molti critici hanno elogiato l'interpretazione di John Goodman.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Brendan Bettinger, Dan Trachtenberg to Direct VALENCIA. Bad Robot and Paramount Insurge Producing VALENCIA, su Collider, 3 aprile 2014. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  2. ^ (EN) Justin Kroll, 'Newsroom' Actor Joins Paramount and Bad Robot's 'The Cellar' (EXCLUSIVE), su Variety, 22 settembre 2014. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  3. ^ (EN) Peter Sciretta, Dan Trachtenberg's Bad Robot Movie Valencia To Star Mary Elizabeth Winstead and John Goodman, su Slashfilm, 22 settembre 2014. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  4. ^ (EN) Bad Robot's 'Valencia' Starring John Goodman Now Filming and Hiring Crew in New Orleans, su Project Casting. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  5. ^ (EN) On the Set for 12/15/14: JJ Abrams Wraps The Cellar, Tom Hiddleston Finishes I Saw the Light & More, su SSN Insider, 15 dicembre 2014. URL consultato il 15 gennaio 2016.
  6. ^ Cloverfield: ecco il trailer del sequel prodotto in segreto da J. J. Abrams, uscirà a marzo!, su BadTaste.it, 15 gennaio 2016.
  7. ^ Employees of the Month 2016 February
  8. ^ 10 Cloverfield Lane, riparte il virale
  9. ^ aprile 2016 Film uscita 28 Aprile 2016 , su mymovies.it. URL consultato il 17 maggio 2016.
  10. ^ (EN) Directors Guild Film Nominations: ‘La La Land’, ‘Moonlight’, ‘Manchester’, ‘Arrival’ & ‘Lion’, deadline.com. URL consultato il 12 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]