First Man - Il primo uomo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
First Man - Il primo uomo
First Man.jpg
Ryan Gosling in una scena del film
Titolo originaleFirst Man
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2018
Durata141 min
Rapporto2,39:1
1,44:1 (sequenze IMAX)
Generebiografico, drammatico, storico
RegiaDamien Chazelle
Soggettodal libro biografico di James R. Hansen
SceneggiaturaJosh Singer
ProduttoreWyck Godfrey, Marty Bowen, Isaac Klausner, Damien Chazelle
Produttore esecutivoSteven Spielberg, Adam Merims, Josh Singer
Casa di produzioneTemple Hill Entertainment
Distribuzione in italianoUniversal Pictures
FotografiaLinus Sandgren
MontaggioTom Cross
Effetti specialiJ.D. Schwalm, Paul Lambert
MusicheJustin Hurwitz
ScenografiaNathan Crowley
CostumiMary Zophres
TruccoChawana Jones
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

First Man - Il primo uomo (First Man) è un film del 2018 diretto da Damien Chazelle e scritto da Josh Singer,[1] con protagonisti Ryan Gosling e Claire Foy.

La pellicola, adattamento cinematografico della biografia ufficiale First Man: The Life of Neil A. Armstrong scritta da James R. Hansen e pubblicata nel 2005,[1] narra la storia di Neil Armstrong, primo uomo a mettere piede sulla Luna, e gli anni precedenti la missione dell'Apollo 11.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver subito il terribile lutto della perdita della figlia, Neil Armstrong entra alla NASA, nel 1962. Dopo una carriera come pilota collaudatore dell'aereo-razzo X-15 Armstrong, assieme a David Scott, aggancia in orbita il modulo Agena nel corso della missione Gemini 8. Dopo aver ricevuto la notizia della morte dell'equipaggio di Apollo 1 e dopo aver testato, sopravvivendo ad un incidente grazie al seggiolino eiettabile, il prototipo del modulo lunare, partecipò alla missione Apollo 11 e divenne, il 20 luglio 1969, il primo uomo a mettere piede sulla Luna.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 la Warner Bros. acquista i diritti cinematografici della biografia First Man: The Life of Neil A. Armstrong per farne un film prodotto e diretto da Clint Eastwood. Successivamente la Universal acquista i diritti pianificando un film biografico intitolato First Man.

Le riprese del film, il cui budget è stato di 59 milioni di dollari,[3] sono iniziate nell'ottobre 2017 ad Atlanta e sono terminate nel febbraio 2018. Alcune sequenze sono state filmate con cineprese IMAX 70 millimetri.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film viene diffuso a sorpresa dal regista Chazelle al Las Vegas CinemaCon il 25 aprile 2018.[4]

L'8 giugno 2018 viene diffuso il primo poster ufficiale del film,[5] seguito poche ore dopo dal primo trailer esteso.[5][6]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Parte del cast del film

Il film è stato presentato in anteprima mondiale come film d'apertura della 75ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia il 29 agosto 2018.[7] A settembre dello stesso anno verrà presentato al Toronto International Film Festival.[8]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dal 12 ottobre 2018,[1] ed in quelle italiane dal 31 ottobre seguente.[9]

Divieti[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti il film è stato vietato ai minori di 13 anni non accompagnati da adulti per la presenza di "scene di pericolo e linguaggio non adatto".[10]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel weekend d'esordio negli Stati Uniti il film si posiziona al terzo posto del botteghino incassando 16,5 milioni di dollari, dietro Venom e A Star Is Born.[11] In totale ha incassato 100,5 milioni di dollari in tutto il mondo, di cui 44,9 negli Stati Uniti.[3]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film riceve l'88% delle recensioni professionali positive, con un voto medio di 8,1 su 10 basato su 375 critiche,[12] mentre su Metacritic ottiene un punteggio di 84 su 100, basato su 56 recensioni.[13]

Antonio Dini di Fumettologica lo definisce "un film intimista e psicologico", riconoscendone una profondità non viziata da spettacolarizzazioni inutili.[14]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha suscitato alcune critiche per aver omesso l'iconica scena in cui Neil Armstrong piazza la bandiera statunitense sul suolo lunare. Tra gli altri, il senatore repubblicano statunitense Marco Rubio ha accusato tramite il suo profilo twitter il film ed il regista di antipatriottismo.[30] La scelta è stata difesa dagli eredi della famiglia Armstrong, ma criticata da Buzz Aldrin, compagno di Neil nella missione Apollo 11.[31] Il regista Damien Chazelle ha precisato:[30]

«Il mio obiettivo con questo film era quello di condividere il non visto, gli aspetti più sconosciuti della missione. In particolare la storia personale di Neil Armstrong e di ciò che ha pensato o sentito durante quelle celebri ore.»

(Damien Chazelle)

Anche Ryan Gosling ha risposto alle critiche sostenendo che quella della Luna "è una conquista di tutti, non solo americana".[32]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Jenna Marotta, ‘First Man’: Ryan Gosling and Damien Chazelle Surprise CinemaCon with Sweeping First Look Trailer, indiewire.com, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 giugno 2018.
  2. ^ Pierre Hombrebueno, Ryan Gosling sulla luna: le prime immagini di First Man, nuovo film di Damien Chazelle, Best Movie, 6 giugno 2018. URL consultato l'8 giugno 2018.
  3. ^ a b (EN) First Man, su Box Office Mojo. URL consultato il 16 gennaio 2019. Modifica su Wikidata
  4. ^ (EN) Pamela McClintock e Carolyn Giardina, Ryan Gosling, Claire Foy Share First Look at Neil Armstrong Biopic 'First Man', The Hollywood Reporter, 25 aprile 2018. URL consultato l'8 giugno 2018.
  5. ^ a b (EN) Max Evry, First Man Poster Takes One Small Step for Poster-Kind, comingsoon.net, 8 giugno 2018. URL consultato l'8 giugno 2018.
  6. ^ Filmato audio Universal Pictures, First Man - Official Trailer (HD), su YouTube, 8 giugno 2018. URL consultato il 9 giugno 2018.
  7. ^ Andrea Francesco Berni, Venezia 75: First Man di Damien Chazelle sarà il film d’apertura!, badtaste.it, 19 luglio 2018. URL consultato il 19 luglio 2018.
  8. ^ (EN) Toronto Film Festival Lineup: ‘Beautiful Boy’, ‘Ben Is Back’, ‘If Beale Street Could Talk’, ‘Widows’ Among World Premieres, deadline.com. URL consultato il 24 luglio 2018.
  9. ^ First Man[collegamento interrotto], Universal Pictures. URL consultato il 9 giugno 2018.
  10. ^ (EN) Parents Guide, Internet Movie Database. URL consultato il 12 agosto 2018.
  11. ^ Gabriele Landrini, Box Office USA: Venom ancora in vetta, First Man solo terzo, moviestruckers.com, 15 ottobre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  12. ^ (EN) First Man, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 15 dicembre 2018. Modifica su Wikidata
  13. ^ (EN) First Man, su Metacritic, CBS Interactive Inc.. URL consultato il 14 ottobre 2018. Modifica su Wikidata
  14. ^ Antonio Dini, First Man – Il primo uomo, recensione, in Fumettologica, 19 ottobre 2018. URL consultato il 19 ottobre 2018.
  15. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: tutte le nomination, Roma e La Favorita candidati a 10 statuette!, badtaste.it, 22 gennaio 2019. URL consultato il 22 gennaio 2019.
  16. ^ Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: Green Book miglior film, Alfonso Cuarón miglior regista. Tutti i vincitori!, su badtaste.it, 25 febbraio 2019. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  17. ^ Karin Ebnet, Golden Globe 2019, tutte le nomination, Best Movie, 6 dicembre 2018. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  18. ^ Andrea Francesco Berni, Golden Globes 2019: Bohemian Rhapsody e Green Book trionfano a sorpresa, tutti i vincitori!, badtaste.it, 7 gennaio 2019. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  19. ^ Andrea Francesco Berni, Roma conquista i premi della critica di Chicago, Los Angeles, Toronto, New York, Philadelpha, badtaste.it, 10 dicembre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  20. ^ Venezia 75, il film d’apertura è ‘Il primo uomo’ con Ryan Gosling, in Rolling Stone, 19 luglio 2018. URL consultato il 7 agosto 2018.
  21. ^ (EN) WINNERS & NOMINEES, AACTA Award. URL consultato il 1º gennaio 2019.
  22. ^ a b c Andrea Francesco Berni, Oscar 2019: le nomination dei premi dei sindacati WGA, ASC, ADG e ACE, badtaste.it, 7 gennaio 2019. URL consultato l'8 gennaio 2019.
  23. ^ Pierre Hombrebueno, BAFTA 2019: tutte le candidature agli Oscar britannici. Dogman è nominato come Miglior Film Straniero, Best Movie, 9 gennaio 2019. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  24. ^ Andrea Francesco Berni, BAFTA 2019: La Favorita domina le nomination agli Oscar inglesi, badtaste.it, 9 gennaio 2019. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  25. ^ (EN) 2019 CRITICS CHOICE AWARDS NOMINATIONS: THE FULL LIST, Rotten Tomatoes, 10 dicembre 2018. URL consultato l'11 dicembre 2018.
  26. ^ Pierre Hombrebueno, Critics’ Choice Awards 2019: Christian Bale batte Rami Malek. Qui tutti i vincitori, Best Movie, 14 gennaio 2019. URL consultato il 14 gennaio 2019.
  27. ^ (EN) 2018 NOMINEES, pressacademy.com. URL consultato il 2 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2018).
  28. ^ (EN) Quendrith Johnson, ROMA, A STAR IS BORN, Set for Top Honors at 23rd Satellite™ Awards, pressacademy.com, 3 gennaio 2019. URL consultato il 19 gennaio 2019.
  29. ^ Andrea Francesco Berni, VES Awards 2019, vincono Avengers: Infinity War e Spider-Man: Un Nuovo Universo, su badtaste.it, 7 febbraio 2019. URL consultato il 7 febbraio 2019.
  30. ^ a b Simona Carradori, Il primo uomo di Damien Chazelle accusato di antipatriottismo. Ecco la risposta del regista, Best Movie, 1º settembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  31. ^ Davide Sica, Il primo uomo: la polemica della bandiera divide le famiglie di Armstrong e Aldrin, movieplayer.it, 4 settembre 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.
  32. ^ Francesco Bellu, Il Primo Uomo: dov'è la bandiera USA sulla Luna? Gosling risponde alle critiche, movieplayer.it, 31 agosto 2018. URL consultato il 4 novembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]