Jason Clarke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jason Clarke

Jason Clarke (Winton, 17 luglio 1969) è un attore australiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Winton, nel Queensland (Australia) e diplomatosi al Victorian College of the Arts, inizia la sua carriera lavorando per il teatro, lavorando in varie rappresentazioni de La tempesta e Amleto. Clarke ha lavorato anche come regista teatrale, dirigendo una versione musical di Arancia meccanica. È apparso in numerose serie televisive australiane e statunitensi, come Home and Away, Blue Heelers, All Saints, Farscape e White Collar Blue, ma acquista popolarità grazie al ruolo di Tommy Coffee nella serie TV Brotherhood - Legami di sangue.

Per il cinema ha lavorato in La generazione rubata di Phillip Noyce, Death Race di Paul W. S. Anderson e The Human Contract di Jada Pinkett Smith. Dopo Death Race, inziò a lavorare per molti registi di successo (Michael Mann e Kathryn Bigelow per esempio) oltre che con attori come Johnny Depp, Tom Hardy, Leonardo DiCaprio, Arnold Schwarzenegger e il connazionale Joel Edgerton. Nel 2009 viene diretto da Michael Mann in Nemico pubblico - Public Enemies, dove ricopre il ruolo del rapinatore di banche John "Red" Hamilton, l'anno seguente ottiene una parte in Wall Street - Il denaro non dorme mai di Oliver Stone. Nel 2011 interpreta il Detective Jarek Wysocki, protagonista della serie televisiva della Fox The Chicago Code. La serie non riscontra il successo sperato e viene cancellata dopo la prima stagione. Dopo aver partecipato al thriller Le paludi della morte nel 2011, lavorò un anno dopo per John Hillcoat nel film Lawless e per Baz Luhrmann nel film Il grande Gatsby (quest'ultimo nel 2013). Il film che gli diede più notorietà in assoluto fu Zero Dark Thirty, dove fu molto apprezzato dalla critica (nonostante per il suo ruolo, ovvero quello dell'agente CIA Dan, avrebbe dovuto essere scelto Joel Edgerton).[1]

Nel 2015 interpreta il ruolo di John Connor nel film Terminator Genisys e partecipa anche alle riprese di Everest.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN19373339 · LCCN: (ENno2003083798 · GND: (DE1036386260 · BNF: (FRcb16212708q (data)
  1. ^ (EN) Ben Child, Kathryn Bigelow and Mark Boal respond to Zero Dark Thirty torture row, in The Guardian, 08 gennaio 2013. URL consultato il 27 agosto 2017.